Lun. Ott 3rd, 2022
Some Pixel owners are receiving the Android 12 update instead of Android 13

In questo momento, ci affidiamo in gran parte alle torri cellulari per la copertura della rete cellulare. A seconda della densità di popolazione di un’area, potrebbero esserci più o meno ripetitori cellulari. Ad esempio, in una parte più rurale di un paese, non ha senso che i vettori investano nell’installazione di più ripetitori cellulari rispetto a una città densamente affollata.

Questo è il motivo per cui a volte quando viaggi fuori città, potrebbero esserci aree in cui la copertura cellulare è imprevedibile o addirittura non disponibile. La buona notizia è che le zone morte potrebbero presto essere un ricordo del passato per i futuri telefoni Android. Questo è secondo un tweet del dirigente di Google Hiroshi Lockheimer che ha confermato che Android 14 verrà fornito con il supporto per le comunicazioni satellitari.

Se questo suona familiare, è perché T-Mobile e SpaceX hanno recentemente annunciato l’intenzione di utilizzare i satelliti per fornire copertura in aree che hanno meno ripetitori cellulari. Ci sono state anche voci che suggeriscono che l’iPhone 14 potrebbe anche avere una caratteristica simile. A questo punto non è chiaro come funzionerà e se solo i modelli più recenti possano trarne vantaggio a causa di specifici requisiti hardware, o se è necessario solo un aggiornamento software, il che sarebbe fantastico.

Nel caso di T-Mobile e SpaceX, entrambe le società affermano che non è necessario alcun hardware speciale, ma è possibile che Google stia costruendo qualcosa di proprio. Detto questo, l’introduzione delle comunicazioni satellitari riguarda meno la possibilità di pubblicare un aggiornamento di Instagram mentre si è in cima a una montagna, ma piuttosto la fornitura di copertura cellulare in aree remote in caso di emergenza.