Gio. Mag 23rd, 2024
Apple e Google collaborano per fermare il tracciamento Bluetooth indesiderato

L'accessorio AirTag di Apple potrebbe essere stato un po' deriso quando è stato lanciato. Ma molto rapidamente molti hanno scoperto quanto possa essere utile il dispositivo. Sfortunatamente, ciò ha portato anche a episodi di stalking indesiderati. Per fortuna, Apple e Google hanno lavorato insieme per aiutare a prevenire il tracciamento Bluetooth indesiderato.

Apple è a conoscenza di un potenziale abuso del suo accessorio AirTag. Hanno trovato soluzioni per risolvere questo problema. Ciò che rende diverso questo annuncio da entrambe le società è che invece di creare soluzioni proprietarie, Apple e Google creeranno uno standard di settore che funzionerà sia su dispositivi iOS che Android.

Questa norma si chiama “Rilevamento di localizzatori di posizioni indesiderate”. Attualmente è in fase di implementazione per i dispositivi iOS con iOS 17.5 o versioni successive. Verrà distribuito anche ai dispositivi Android con Android 6.0 o versioni successive. Una volta implementata questa funzionalità, gli utenti potranno ricevere avvisi quando rileva che un dispositivo di localizzazione Bluetooth si sta muovendo con loro.

Gli utenti possono quindi visualizzare l'identificatore del tracker e riprodurre un suono, se possibile. Possono anche ricevere istruzioni su come disabilitarlo. Aziende come Chipolo, eufy, Jio, Motorola e Pebblebee hanno anche annunciato che i futuri accessori di localizzazione saranno compatibili con questo nuovo standard.