Ven. Mag 24th, 2024
Il funzionario americano snobba l'ultimo chipset di Huawei

Per un breve momento, in seguito alle sanzioni statunitensi contro Huawei, è sembrato che l’azienda fosse condannata sul fronte degli smartphone. Ma non è stato così. Huawei si è affrettata a cambiare le cose, abbandonando Android per il proprio HarmonyOS e riuscendo in qualche modo a sviluppare il proprio chipset nonostante le sanzioni contro di loro. Ma sembra che non tutti è impressionato dagli sforzi di Huawei nel campo dei chipset.

Nel corso del programma “60 Minutes” la segretaria americana al commercio Gina Raimondo ha dichiarato di non essere rimasta colpita dai nuovi chipset di Huawei. Afferma inoltre che ciò che Huawei ha ora è “anni indietro” rispetto a ciò che hanno attualmente gli Stati Uniti. Sottolinea i semiconduttori “sofisticati” a cui gli Stati Uniti hanno accesso e che la Cina non ha.

Per fare un esempio, nel 2019 il governo degli Stati Uniti ha inserito Huawei nella Entity List. Ciò ha di fatto vietato alle aziende statunitensi di fare affari con Huawei e viceversa. Ha inoltre impedito a Huawei di accedere alla tecnologia che si basa su brevetti statunitensi. Il governo degli Stati Uniti ha anche incoraggiato i propri alleati a tagliare i legami con Huawei, tra cui ASML, che è praticamente l’unico produttore di apparecchiature necessarie per realizzare chipset più avanzati.

Tuttavia, Huawei e i suoi partner come SMIC hanno trovato un modo per aggirare il problema. Ciò ha portato alla creazione di un nuovo chipset compatibile con il 5G che ha debuttato nella serie Mate 60. Il governo degli Stati Uniti sta ancora indagando su come sono stati prodotti questi chipset. È vero che lo stato dei chipset Huawei non è sicuramente allo stesso livello di quello di Qualcomm, ma con il tempo è possibile che Huawei riesca a recuperare terreno.