Ven. Mag 24th, 2024
La credibilità di Google ha già perso con l'intelligenza artificiale sui dispositivi mobili

Google lo ha fatto di nuovo: appena un anno dopo l'arrivo di funzionalità di editing basate sull'intelligenza artificiale come Magic Editor sui telefoni Pixel 8, la società ha annunciato che porterà molti dei suoi strumenti agli utenti su Google Foto, aprendo la funzionalità per più utenti su dispositivi diversi.

LEGGI: ​​Gli strumenti di editing AI di Google arriveranno per i telefoni non Pixel, con un problema

Ad essere onesti, questa è senza dubbio una buona cosa e ha senso fornire funzionalità piuttosto utili agli utenti, soprattutto considerando la natura aperta della piattaforma Android. Consentire agli utenti non Pixel di sperimentare ciò che può fare l’intelligenza artificiale generativa (anche se in modo semplice) fornisce un percorso verso l’abilitazione di funzionalità di intelligenza artificiale più utili per il consumatore comune.

D'altra parte, dipinge un ritratto diverso degli annunci di Google che vanno avanti. Se in passato ti sei sintonizzato sui numerosi eventi chiave e conferenze stampa di Google, la società ha pubblicizzato diverse funzionalità chiave come Gomma magica, Photo Unblur e, più recentemente, Magic Editor come esclusive dei telefoni Pixel. Si diceva addirittura che il chip Tensor fosse stato progettato appositamente per le funzionalità AI che sono ora disponibili per i dispositivi non Pixel, che eseguono SoC di diversi produttori.

Come proprietario di Pixel, queste prime dichiarazioni di Google hanno certamente dato un senso di esclusività per quanto riguarda il possesso di un dispositivo Pixel – “wow, questo rende il telefono ancora più unico”, è stato un pensiero che probabilmente ha attraversato le menti del fandom di Pixel ad un certo punto. Probabilmente ha anche aiutato a vendere qualche dozzina di telefoni in questo senso.

Non posso fare a meno di pensare che Google dovrebbe essere molto più chiaro con i suoi piani per le funzionalità di intelligenza artificiale mobile.

Con questo nuovo sviluppo, tuttavia, non posso fare a meno di ritenere che Google dovrebbe essere molto più chiaro con i suoi piani per le funzionalità di intelligenza artificiale mobile. Certo, Magic Editor richiedeva di eseguire il backup della foto online prima di modificarla, portando molti a capire che la funzionalità funzionava principalmente tramite cloud, ma ancora una volta è stata fatta molta fanfara per la capacità dei chip Tensor di gestire tali inganni dell'intelligenza artificiale, portando alcuni a credere che effettivamente fosse così.

In effetti, sentimenti simili sono emersi non molto tempo fa quando un dipendente di Google ha dichiarato che Gemini Nano, una versione ridotta del modello Gemini AI di Google, sarebbe stato reso esclusivo per Pixel 8 Pro a causa di vincoli hardware sul modello base Pixel 8. Google avrebbe poi fatto seguito con l'annuncio che lo era In realtà possibile – non proprio troppo sottile riguardo all’incoerenza lì.

Perché fornire affermazioni contrastanti, soprattutto quando si tratta delle principali funzionalità del software? Forse mi aspetto troppo, ma come utente Pixel di lunga data preferirei che Google fosse più diretta con noi per quanto riguarda il software. Ovviamente non tutte le aziende vogliono rivelare i loro prossimi segreti, ma questo occasionale ribaltamento potrebbe allontanare dal marchio alcuni fan meno indulgenti.

Ancora una volta, non si tratta di uno sproloquio sulla perdita di “funzionalità esclusive” sul Pixel: si tratta di chiedere un po' più di trasparenza e coerenza, soprattutto per i consumatori che potrebbero aver creduto alle promesse iniziali sugli speciali trucchi basati su Tensor sui loro smartphone. In questo momento, probabilmente qualcuno è là fuori a pensare “Avrei dovuto scegliere quel Samsung, amico.”

E tu? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.