Ven. Mag 24th, 2024
Google Wallet ora richiede lo sblocco del telefono per i pagamenti

In quello che è ufficialmente l’ultimo sviluppo dopo un lungo avanti e indietro sulle disposizioni costituzionali relative alla neutralità della rete, il governo degli Stati Uniti ha votato contro il permesso ai fornitori di servizi Internet di alterare la velocità di Internet per i clienti, annullando sostanzialmente le decisioni pertinenti applicate durante la precedente amministrazione.

Ciò significa essenzialmente che a operatori come AT&T, Verizon e altri non sarà vietato interferire con la velocità e le prestazioni dei dati degli utenti. Il voto è passato dopo un'affluenza di 3-2 con una maggioranza democratica. Con questo in mente, i sostenitori della neutralità della rete affermano che proteggerà i consumatori e garantirà condizioni di parità per tutti i siti web; d’altro canto, i fornitori di servizi sostengono che le normative soffocano l’innovazione e gli investimenti.

Con questo cambiamento, la FCC considera i servizi a banda larga come una risorsa di comunicazione essenziale attraverso il Communications Act del 1934. Ciò conferisce quindi alla FCC il potere di regolamentare Internet a banda larga in modo simile ai servizi di pubblica utilità come energia e acqua. Tuttavia, i commissari repubblicani della FCC non erano entusiasti del nuovo sviluppo – commenta il commissario FCC Brendan Carr:

“Internet in America ha prosperato in assenza della regolamentazione di comando e controllo degli anni ’30 da parte del governo… La FCC non ha individuato alcuna lacuna nella sicurezza nazionale”.

Fonte: CNN