Gio. Mag 23rd, 2024
OnePlus annuncia una nuova edizione di OnePlus Watch 2

Qualche tempo fa, si era sollevato molto clamore dietro gli allora misteriosi Humane AI Pin e Rabbit R1, due dispositivi progettati in modo diverso che hanno lo stesso scopo di offrire agli utenti la comodità dell'intelligenza artificiale, il tutto senza la necessità di uno smartphone.

LEGGI: ​​Il Pin AI di Humane è qui per sostituire i nostri smartphone

Il marketing dietro i due gadget unici li ha anche spinti a svolgere tutte le attività di base che ci si aspetterebbe normalmente da un telefono, ma senza tutto il disordine e lo scorrimento infinito che comporta l'utilizzo di un dispositivo intelligente più “tradizionale”. Sebbene entrambi promettessero una sorta di rivoluzione tecnica, l'esecuzione lasciava molto a desiderare, come si è visto in varie recensioni dopo il loro lancio.

Molti attribuiscono ragioni diverse sul motivo per cui AI Pin e R1 non hanno preso d'assalto il mercato: il prodotto di Humane era troppo costoso, funzionava piuttosto lentamente e aveva una durata della batteria inferiore alla media (solo per citarne alcuni), mentre l'R1 è stato vittima di prestazioni inaffidabili, funzionalità limitate e casi di informazioni incomplete. Molti hanno messo in dubbio la necessità di tali dispositivi, quando la maggior parte dei telefoni può già svolgere le stesse attività in modo più efficiente, con l’ulteriore vantaggio di un hardware completo.

Forse lo stesso si può dire per gli smartwatch: come Humane AI Pin, sono progettati sia per forma che per funzione in un pacchetto compatto e, come R1, presentano un set personalizzato di controlli e un piccolo display per la navigazione dell'interfaccia utente. A differenza di questi due, tuttavia, eccellono nelle aree chiave che contano di più per gli utenti.

Uno è la praticità: dal momento che gli orologi esistono già sia come piccoli dispositivi maneggevoli che come accessori di moda, era logico che i produttori adottassero le stesse tecnologie presenti negli smartphone e nei tablet e le riducessero a un fattore di forma più piccolo che possa quindi integrare le esigenze dell'utente. configurazione del dispositivo. Sono anche facili da usare: non sono necessari controlli proprietari e proiezioni laser confusi, oltre a un design hardware completamente nuovo.

Ovviamente più importante è la funzionalità, che secondo molti è R1 e AI Pin avere difficoltà a essere all'altezza. Certo, la maggior parte degli smartwatch sono collegati al telefono dell'utente per la connettività wireless, ma esistono ovviamente modelli cellulari che sono in grado di connettersi a Internet e mantenere gli utenti aggiornati con messaggi, e-mail e altre app che richiedono connettività online.

C'è un avvertimento: gli smartwatch non hanno funzionalità AI native…

C'è un avvertimento: gli smartwatch non dispongono di funzionalità AI nativa, anche se in base alle prestazioni che abbiamo visto finora con R1 e AI Pin, uno smartwatch Wear OS impostato per funzionare con Google Assistant può fare un lavoro simile – o addirittura migliore – di offrire agli utenti funzioni di assistente intelligente. Hai bisogno di chiamare il tuo assistente vocale per inviare un SMS o accendere l'aspirapolvere intelligente in soggiorno? È tutto lì, al tuo polso, con una batteria sufficiente a disposizione entro la fine della giornata.

Ora, per essere onesti, è importante riconoscere che Humane AI Pin e Rabbit R1 sono i primi nel loro genere. Proprio come la maggior parte dei primi smartwatch sembravano limitati in passato, si potrebbe dire che c’è ancora spazio per miglioramenti e forse i prodotti di successo in questo segmento industriale saranno più raffinati.

D'altra parte, però, dato che la maggior parte dei consumatori (e dei recensori) sembra cercare un prodotto per lo più completo fin dall'inizio, le persone che cercano un minuscolo dispositivo intelligente con sé troveranno senza dubbio un'esperienza più completa e funzionale con smart indossabili, almeno al momento.