Mer. Apr 17th, 2024

Xiaomi non è estranea al mercato degli smartphone di fascia alta: mentre il marchio cinese è sempre stato noto per i suoi telefoni Android economici, sa anche quando tirare fuori i pezzi grossi, soprattutto quando va contro i principali attori del settore.

Con questo in mente, lo Xiaomi 13 cerca di affrontare smartphone di successo come il Galaxy S23 e l’iPhone 14 e viene fornito con hardware e funzionalità piuttosto impressionanti. Ha anche un prezzo che lo avvicina a tali dispositivi, il che solleva la questione se dovresti o meno rischiare con l’ultimo sforzo di punta di Xiaomi, invece di optare per telefoni più familiari. È davvero così però? Scopriamolo.

Design e schermo

Fin dall’inizio, lo Xiaomi 13 eccelle nel dare agli utenti una sensazione solida e un design premium. Il pannello posteriore del telefono presenta un retro lucido, completato da un pannello Gorilla Glass 5 sul display. Lo chassis con classificazione IP68 del telefono è racchiuso da un telaio in metallo lucido che corre lungo tutti i lati del telefono, il che è davvero piacevole da maneggiare. Il telaio ospita anche i pulsanti di accensione e volume, la porta di ricarica USB-C, la griglia dell’altoparlante, nonché lo slot per sim card e i microfoni.

Il display del telefono è costituito da un pannello AMOLED dotato di una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, una risoluzione abbastanza nitida di 1080 × 2400 pixel e una luminosità massima di 1900 nit. È sicuramente un display vibrante e fluido e sarà l’ideale per lo streaming di abbuffate, la navigazione sul Web e il consumo di contenuti in generale. Per quanto riguarda la qualità costruttiva e del display, c’è molto che lo Xiaomi 13 ha ragione: è premium per quanto riguarda il premium.

Interni e Software

Anche l’hardware interno del telefono non delude: lo Xiaomi 13 è uno dei numerosi smartphone Android di punta a presentare il chipset Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2, uno dei SoC mobili meglio recensiti da un po’ di tempo. Il telefono include anche 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna per il modello base e arriva a 512 GB di memoria interna e 12 GB di RAM per la variante più costosa.

C’è poco che potrebbe andare storto qui, in quanto questa è una configurazione molto ideale soprattutto per gli utenti più orientati al potere, e lo Xiaomi 13 avrà un tempo relativamente facile eseguendo giochi ancora più ad alta intensità grafica dal Google Play Store. Se trascorri l’intera giornata utilizzando il telefono per una varietà di attività, l’unità da 4.500 mAh all’interno sarà in grado di mantenerti alimentato, almeno dalla mattina alla sera, ad eccezione di app e giochi più assetati di energia.

Per fortuna, però, il telefono supporta rispettivamente velocità di ricarica cablata e wireless di 67 W e 50 W, che dovrebbero essere in grado di ricaricare il telefono in pochissimo tempo: Xiaomi dichiara un tempo di ricarica cablato di 38 minuti da 0 a 100, che abbiamo riscontrato .

A meno che tu non abbia già familiarità con il modo in cui Xiaomi si avvicina ad Android, un punto di considerazione per i nuovi utenti potrebbe essere il software all’interno del telefono. Lo Xiaomi 13 esegue Android rivestito con un pesante strato di MIUI, l’interfaccia software personalizzata dell’azienda. Simile alla One UI di Samsung, viene fornito con alcune app e funzionalità esclusive di Xiaomi, anche se a scapito dell’efficienza e della coesione generale.

Questa è ovviamente una valutazione soggettiva, poiché gli altri utenti avranno pochi problemi con MIUI, dopo tutto. Tuttavia, va detto che MIUI non esita a mettere in valigia una tonnellata di bloatware in eccesso oltre ad Android. Non ho mai sentito il bisogno di usare TikTok o giocare a Candy Crush (entrambi forniti con il telefono all’inizio) e il prompt del sistema Android di un gioco preinstallato potenzialmente dannoso non ha fatto molto per ridurre le mie riserve di MIUI .

Tuttavia, MIUI include alcune funzionalità piuttosto utili che non si trovano nelle versioni più pulite di Android. Ad esempio, ho sempre lamentato l’onnipresente barra nera che rimane sullo schermo durante la riproduzione di vari giochi sul mio Pixel, mentre MIUI mi consente di forzare le app in modalità a schermo intero, risultando in un aspetto generale più pulito durante il gioco e riducendo il rischio di burn-in OLED.

C’è anche la questione della personalizzazione approfondita dell’utente: tutto, dallo sfondo, ai caratteri, ai temi e ai pacchetti di icone, è aperto alla personalizzazione, senza la necessità di un launcher di terze parti. Sono piccoli vantaggi come questi che a volte danno ancora a MIUI il suo fascino e ci ricordano la versatilità di Android in termini di capacità software.

Macchine fotografiche

Uno dei maggiori punti di forza di Xiaomi 13 è il suo sistema di fotocamere, che Xiaomi pubblicizza con orgoglio come sviluppato in collaborazione con Leica. In termini di hardware, il telefono è dotato di una fotocamera principale da 50 MP f/1.8, un teleobiettivo da 10 MP, f/2.0 e una fotocamera ultra grandangolare da 12 MP, f/2.2. La parte anteriore è invece dotata di una fotocamera selfie da 32 MP per foto e videochiamate. Il video sul sensore principale raggiunge il massimo con un’impressionante risoluzione di 8K, anche se a 24 fotogrammi al secondo inferiori.

L’app per fotocamera integrata di Xiaomi 13 offre agli utenti la possibilità di modificare le proprie foto con alcuni software Leica aggiuntivi, il che sarà un affare molto soggettivo in termini di preferenze dell’utente. Per riassumere, le foto hanno un bell’aspetto: sono sicuramente una spanna sopra ciò che la maggior parte dei telefoni Android di fascia media sul mercato è in grado di realizzare. Gli scenari molto illuminati presentano grandi dettagli e il rilevamento dei bordi sulla maggior parte dei soggetti sembra buono, il che si può dire anche della modalità ritratto sulla fotocamera selfie.








Tuttavia, ci sono alcune sfumature e ci sono momenti in cui la fotocamera fatica un po’ in scenari di illuminazione più deboli, così come in ambienti più bui. Il contrasto (almeno in modalità automatica) a volte può essere incerto. Detto questo, tuttavia, si basa sulle precedenti fotocamere di punta di Xiaomi e dovrebbe essere in grado di soddisfare le esigenze della maggior parte degli utenti.

Pensieri finali

Ad un prezzo di circa $ 1.100, lo Xiaomi 13 è un netto miglioramento rispetto ai precedenti telefoni Xiaomi e dimostra che Xiaomi può entrare nell’anello più “premium” quando necessario. Un potente chipset, un display dall’aspetto magnifico e un solido design hardware elevano il telefono rispetto ad altri dispositivi di punta in circolazione.

Tuttavia, ci sono aree che possono ancora essere migliorate, come ad esempio la qualità della fotocamera e l’ottimizzazione del software, entrambe eseguite piuttosto bene da Pixel 7 Pro e Samsung Galaxy S23, a prezzi molto più convenienti rispetto al prezzo del modello base di Xiaomi 13. . Gli appassionati di Android che desiderano passare da marchi diversi potrebbero voler dare una lunga occhiata a ciò che stanno ottenendo con lo Xiaomi 13, ma i fan di Mi si sentiranno senza dubbio a casa qui.