Sab. Mag 18th, 2024
Rick Osterloh di Google alla guida di un nuovo team focalizzato sull'intelligenza artificiale

Google sta attraversando alcuni grandi cambiamenti: la società di Mountain View ha trascorso gli ultimi due anni a integrare l'intelligenza artificiale nei suoi prodotti software e hardware e sembra che stia raddoppiando i suoi sforzi per sviluppare ulteriormente tale tecnologia. Con questo in mente, il CEO di Google Sundar Pichai ha recentemente annunciato che la società subirà una ristrutturazione interna per raggiungere questo obiettivo.

Ciò include la creazione di un nuovo team all’interno di Google che supervisionerà la linea di prodotti Pixel dell’azienda e sarà guidato dal veterano di Google Rick Osterloh. In precedenza, ha ricoperto il ruolo di Vicepresidente senior della divisione Dispositivi e servizi di Google; il nuovo post è stato confermato anche tramite l'account social ufficiale di Osterloh.

Parlando a The Verge, Osterloh afferma che un team combinato consentirà a Google di integrare le tecnologie AI nei suoi numerosi prodotti (presumibilmente inclusi i suoi smartphone). Nell’intervista commenta:

“Abbiamo un modo davvero rapido per ottenere le ultime ricerche, gli ultimi modelli, da DeepMind… Molte volte, ciò significherà capire come costruire una nuova applicazione basata sull'output del nostro ultimo modello, ed essere in grado di spostarsi persone in giro rapidamente per farlo.

In passato Google separava solitamente i propri sforzi hardware dal lavoro con il più ampio ecosistema Android, per evitare complicazioni con terze parti e partner. Questa volta, tuttavia, l'azienda sembra essere più concentrata sull'avvicinare Android e il suo marchio Pixel più che mai, con un bel pizzico di intelligenza artificiale nel mezzo.

LEGGI: ​​Gli strumenti di editing AI di Google arriveranno per i telefoni non Pixel, con un problema

Detto questo, Osterloh non è stato l'unico grande nome ad essere stato assegnato a un nuovo incarico: Hiroshi Lockheimer, precedentemente responsabile di prodotti tra cui Android e ChromeOS, passerà ad altri progetti all'interno di Google e Alphabet.

Fonte: Il limite