Sab. Mag 18th, 2024
Netflix’s ad-supported tier might launch sooner than expected

Quando Netflix annunciò che avrebbe iniziato a reprimere la pratica della condivisione delle password, eravamo sicuri che ciò sarebbe stato negativo per l’azienda. Immaginavamo che molti utenti alla fine non si sarebbero iscritti. Si scopre che ci sbagliavamo.

Secondo Netflix ultimi utili trimestrali, dopotutto la decisione dell’azienda di contrastare gli utenti che condividono le password potrebbe essere stata la mossa giusta. Netflix afferma di aver aggiunto 8,8 milioni di nuovi abbonati nell’ultimo trimestre, registrando la migliore crescita trimestrale di abbonati in più di tre anni.

Uno dei motivi per cui Netflix aveva inizialmente bloccato la condivisione delle password era dovuto al calo degli abbonati da parte della società, il primo per la piattaforma negli anni in cui è stata attiva. In precedenza, Netflix aveva chiuso un occhio contro queste pratiche, ma vedere il calo degli abbonati li ha costretti a fare qualcosa al riguardo.

Da allora Netflix ha anche offerto ai clienti alternative più economiche, come il livello supportato da pubblicità che ha un prezzo di 7 dollari. Hanno inoltre offerto agli utenti che condividevano le password un’alternativa al pagamento del prezzo intero tramite un account secondario, che sarebbe stato più economico rispetto al pagamento del proprio account Netflix.

Durante il rapporto trimestrale sugli utili, la società ha anche rivelato che avrebbe aumentato il prezzo dei suoi livelli Basic e Premium (ora non disponibili per i nuovi abbonati).

Fonte: IGN

Il post Sorpresa! Netflix sta vincendo la guerra sulla condivisione delle password apparsa per la prima volta su MagicTech.