Mer. Apr 17th, 2024

Il modo in cui funzioni come la rete “Trova il mio” di Apple è che praticamente qualsiasi dispositivo Apple, come un Mac, iPhone o iPad, agisce come una sorta di “nodo”. Se un dispositivo è stato impostato come smarrito/rubato, ogni volta che ti avvicini a un dispositivo iOS, ne esegue il ping per trasmettere la sua posizione. Dato il numero di iPhone e iPad disponibili, questo ha creato una sorta di rete.

Samsung ha qualcosa di simile con il loro SmartThings Find, e la buona notizia è che se possiedi un dispositivo Samsung, potresti essere interessato a sapere che la società ha annunciato che i suoi “nodi” da allora si sono espansi di 100 milioni, portandoli a 300 milioni nodi.

Questi nodi sono fondamentalmente simili nel concetto alla rete “Trova il mio” di Apple, in cui sono dispositivi Samsung registrati che hanno aderito per aiutare ad agire come nodo nel caso in cui un dispositivo Samsung sia stato contrassegnato come mancante. Con 300 milioni di nodi là fuori, sarà senza dubbio molto più facile per gli utenti trovare i loro dispositivi mancanti.

Detto questo, va notato che recentemente è stato scoperto che i sistemi “Trova il mio dispositivo” di Samsung e Google hanno un difetto, per cui se un dispositivo subisce un ciclo di spegnimento, gli utenti non saranno più in grado di localizzarlo a meno che non abbia stato riacceso e sbloccato.