Sab. Lug 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Un ex trader obbligazionario senior presso TD Securities a New York è stato accusato di aver tentato di “ingannare e frodare” il mercato dei titoli del Tesoro statunitense in un presunto piano durato un anno che prevedeva l’immissione di una serie di ordini falsi per creare una falsa impressione di vera offerta o domanda alle controparti.

Mercoledì è stata aperta un’accusa federale contro il 39enne Jeyakumar Nadarajah, che era a capo del trading desk del Tesoro statunitense presso la banca durante il periodo in questione, con 16 capi d’imputazione tra cui frode telematica, frode su titoli e manipolazione di titoli.

L’accusa affermava che tra aprile 2018 e maggio 2019, Nadarajah si è impegnato in “spoofing” e “layering”, inserendo ordini che non aveva mai avuto intenzione di eseguire sia sul lato denaro che su quello lettera del mercato, al fine di progettare un processo più prezzo favorevole per le operazioni obbligazionarie che alla fine avrebbe eseguito.

Nadarajah “intendeva fornire informazioni false e fuorvianti” sull’offerta o sulla domanda di prodotti a reddito fisso, afferma l’accusa, e “manipolare e aumentare artificialmente” o diminuire i prezzi di mercato.

I pubblici ministeri hanno affermato che il suo scopo era “indurre fraudolentemente altri partecipanti al mercato a commerciare a prezzi, quantità e orari che altrimenti non avrebbero scambiato”.

L’accusa non elencava l’istituzione presso la quale Nadarajah aveva compiuto la presunta frode. Ha lasciato TD Securities nel 2019, secondo il suo profilo LinkedIn, ed è diventato direttore esecutivo del trading di titoli del Tesoro statunitense presso la banca Jefferies di Wall Street nel 2020. I registri del settore hanno mostrato che era impiegato presso TD Securities al momento della presunta frode.

Non è stato possibile contattare immediatamente TD Securities, una filiale della canadese TD Bank, per un commento. Jefferies ha rifiutato di commentare. Un avvocato di Nadarajah non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

“La frode e la manipolazione dei titoli, come qui affermato, vittimizzano gli investitori e degradano l’integrità dei nostri mercati dei titoli pubblici”, ha affermato Nicole Argentieri, vice procuratore generale ad interim della divisione penale del Dipartimento di Giustizia.

Ha aggiunto: “Il dipartimento continuerà a proteggere i nostri sistemi finanziari e gli investitori ritenendo responsabili coloro che violano le nostre leggi sui titoli”.