Ven. Mag 24th, 2024
Gli operatori scommettono contro la sterlina nella convinzione che la BoE taglierà i tassi entro l’estate

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Gli investitori stanno scommettendo contro la sterlina, mentre cresce la convinzione che la Banca d’Inghilterra inizierà a tagliare i tassi di interesse entro l’estate, prima della sua controparte statunitense.

Le scommesse degli speculatori valutari su un calo della sterlina hanno raggiunto il massimo degli ultimi 16 mesi, come mostrano i dati della Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti. Nel frattempo, secondo State Street, una delle più grandi banche depositarie del mondo, i gestori patrimoniali sono diventati più ribassisti sulla valuta britannica dal marzo dello scorso anno.

Lo spostamento di posizionamento, guidato dal calo dell’inflazione britannica e dalla debolezza dei dati economici, ha contribuito a spingere la sterlina al ribasso dell’1,5% rispetto al dollaro quest’anno. Gli investitori ora si aspettano che la BoE, che giovedì annuncia la sua ultima decisione sui tassi, tagli prima e più velocemente della Federal Reserve.

“Tutti pensavano che le banche centrali si sarebbero mosse insieme e ora questa ipotesi è stata messa in discussione”, ha affermato Michael Metcalfe, responsabile della strategia macro di State Street. “Gli investitori stanno sottopesando la sterlina mentre il Regno Unito sembra sulla buona strada per un allentamento in vista della Fed”.

Fino a marzo, quando i dati mostravano ancora che l’inflazione britannica superava quella degli Stati Uniti, gli investitori si erano aggrappati alle scommesse che la Fed avrebbe tagliato i tassi prima della BoE.

Ma i dati economici statunitensi più forti del previsto hanno portato i trader a scontare la probabilità di un taglio dei tassi da parte della Fed entro la fine di luglio a solo un terzo, rispetto a una probabilità di quasi il 50% di un taglio della BoE entro giugno. Un calo dei tassi di interesse nel Regno Unito entro il 1° agosto è quasi pienamente scontato dai mercati.

Il cambiamento nelle aspettative è avvenuto quando l’inflazione complessiva negli Stati Uniti è salita al 3,5% più alto del previsto a marzo dal 3,1% di gennaio. Nello stesso periodo, l’inflazione nel Regno Unito è scesa dal 4% al 3,2%, due volte inferiore alle aspettative quest’anno.

Gli operatori scommettono che la BoE ridurrà i tassi di almeno due quarti di punto entro la fine dell'anno. Ciò a fronte di appena uno o due tagli previsti dalla Fed, anche dopo che i deboli dati sull'occupazione statunitense di venerdì hanno contribuito ad alleviare le preoccupazioni degli investitori riguardo all'aumento dei prezzi al consumo.

“L'inflazione non ha raggiunto l'obiettivo della Fed e non sembra che lo farà presto, quindi la Fed è in attesa”, ha detto Roger Hallam, responsabile globale dei tassi di Vanguard, aggiungendo che, nonostante i dati sull'occupazione della scorsa settimana , i dati economici “non hanno dato alla Fed la fiducia necessaria per iniziare ad allentare i tassi”.

Al contrario, Imogen Bachra, responsabile della strategia sui tassi non-dollaro presso NatWest, che prevede tagli di 1 punto percentuale da parte della BoE quest'anno, ha affermato che gli attuali prezzi di mercato per due tagli della BoE quest'anno sembrano ancora “troppo bassi considerando… . . il contesto dei dati nazionali”.

Gli hedge fund e altri fondi con leva finanziaria hanno aumentato le loro posizioni corte nette – scommesse sul calo dei prezzi – sulla sterlina a quasi 29.000 contratti nella settimana terminata martedì 30 aprile, il livello più alto da gennaio dello scorso anno, secondo i dati CFTC.

Grafico a linee del posizionamento dei fondi a leva non commerciale (contratti netti) che mostra che gli speculatori hanno aumentato le scommesse contro la sterlina nelle ultime settimane

State Street, che è custode di 44mila miliardi di dollari di asset, ha affermato che le partecipazioni in sterline dei gestori patrimoniali sono scese al livello più basso da marzo dello scorso anno, invertendo una tendenza di acquisto che era ripresa nel primo trimestre di quest'anno quando la Fed era ancora attesa. per attuare molteplici tagli dei tassi nel 2024.

I dati di Citi mostrano che le scommesse ribassiste sulla sterlina sono aumentate tra i suoi clienti di gestione patrimoniale nell’ultimo mese, con vendite nette in 15 degli ultimi 20 giorni di negoziazione.

Sam Hewson, responsabile delle vendite FX della banca, ha affermato che l'importo netto venduto dai gestori patrimoniali a Citi è stato “all'incirca il doppio della norma storica in un periodo di due settimane negli ultimi 10 anni”.

Le scommesse contro la sterlina sono arrivate poiché il calo dei prezzi delle obbligazioni statunitensi ha pesato sui gilt. I rendimenti, che si muovono in modo inverso rispetto ai prezzi, sui titoli del Tesoro e sui gilt a 10 anni di riferimento sono entrambi aumentati di circa 0,6 punti percentuali dall’inizio dell’anno.

“Nelle ultime sei settimane circa i gilt sono stati scambiati come titoli del Tesoro, quando avrebbero dovuto essere più simili all’euro [European government] obbligazioni”, ha affermato William Vaughan, gestore associato di portafoglio presso Brandywine Global, dato che i dati del Regno Unito sono stati più in linea con l’Eurozona che con gli Stati Uniti.

Gli analisti si aspettano indicazioni accomodanti da parte della BoE giovedì, nonostante le aspettative diffuse secondo cui i tassi rimarrebbero invariati al 5,25%. Quando la banca ha pubblicato le previsioni sull’inflazione a febbraio, prevedeva che l’inflazione sarebbe tornata al livello target in due anni e mezzo, mentre gli investitori scontavano circa cinque tagli per il 2024.

“L’MPC [the BoE’s Monetary Policy Committee] potrebbe facilmente giudicare che l’inflazione nell’orizzonte di 2-3 anni sarà inferiore al target”, ha affermato Tomasz Wieladek, capo economista europeo presso T Rowe Price. “Questo rappresenterebbe il via libera per un taglio a giugno e porterebbe gli investitori a scontare ulteriori tagli”.