Ven. Apr 12th, 2024
I leader militari prendono il potere nel Gabon, ricco di petrolio

Ricevi aggiornamenti gratuiti sul Gabon

Gli ufficiali militari del Gabon hanno dichiarato di aver preso il potere nel paese ricco di petrolio, poche ore dopo che il suo presidente di lunga data, Ali Bongo, era stato dichiarato vincitore delle elezioni di sabato.

“In nome del popolo gabonese. . . abbiamo deciso di difendere la pace ponendo fine all’attuale regime», ha dichiarato nelle prime ore di mercoledì al canale televisivo Gabon 24 un gruppo di ufficiali che affermavano di rappresentare le unità di sicurezza e difesa del paese.

La commissione elettorale del Gabon aveva precedentemente affermato che Bongo aveva ottenuto un terzo mandato con il 64,27% dei voti e sembrava destinato a prolungare il governo di 56 anni della sua famiglia. Bongo è al potere da quando suo padre Omar Bongo morì nel 2009 dopo aver governato per più di quattro decenni.

In caso di successo, il colpo di stato in Gabon sarebbe l’ottavo in tutta l’Africa centrale e occidentale dal 2020, dopo due colpi di stato ciascuno in Mali e Burkina Faso, e uno ciascuno in Ciad, Guinea e Niger.

Il Gabon, ex colonia francese, mantiene stretti legami economici e diplomatici con Parigi. Anche il Gabon è membro del cartello Opec, producendo circa 200.000 barili al giorno, ovvero lo 0,2% della fornitura globale. Il paese esporta anche legname, manganese e uranio.

La famiglia di Bongo è stata accusata di trarre profitto dalla ricchezza dello stato a scapito dei suoi cittadini. L’anno scorso le autorità francesi hanno accusato cinque fratelli dell’attuale presidente in relazione a un caso di frode da 85 milioni di euro.

Più di un terzo della popolazione gabonese vive al di sotto della soglia di povertà e non ha accesso ai servizi di base, nonostante viva in un paese con uno dei redditi pro capite più alti dell’Africa.

Secondo il gruppo di difesa dei media Reporter Senza Frontiere, le elezioni di sabato si sono svolte in un blackout mediatico quasi totale poiché il governo ha negato l’ingresso a tutti i media stranieri. Anche gli osservatori internazionali non erano presenti per monitorare l’esercitazione.

France 24, Radio France Internationale e TV5Monde, che sono interamente o parzialmente di proprietà del governo francese, sono state sospese dalle autorità gabonesi per la loro presunta “mancanza di obiettività ed equilibrio” nella copertura elettorale.

Nella tarda giornata delle elezioni, il governo ha annunciato la chiusura di Internet a livello nazionale per combattere quelli che sosteneva fossero i “pericoli di false informazioni e manipolazione” e ha imposto il coprifuoco.

La commissione elettorale del Gabon ha affermato che la coalizione di opposizione composta da sei partiti, guidata dal professore di economia Albert Ondo Ossa, ha ricevuto sabato il 30,77% dei voti.

Ondo Ossa, ministro sotto l’anziano Bongo, aveva rivendicato la vittoria prima che i risultati fossero annunciati e aveva affermato che il processo elettorale era una “frode orchestrata da Ali Bongo e dai suoi sostenitori”.

Questo è il secondo tentativo di colpo di stato conosciuto del regno di Bongo. Un gruppo di soldati ha sequestrato la stazione radio statale nel 2019, affermando di voler “ripristinare la democrazia”. L’ammutinamento fu rapidamente represso con l’uccisione di due sospetti golpisti.

Sebbene il Gabon sia tra i più piccoli produttori di petrolio dell’Opec, i commercianti di petrolio sono sensibili a qualsiasi ulteriore potenziale perdita di barili dai mercati internazionali. Ciò è in parte dovuto ai tagli alla produzione da parte del più ampio gruppo Opec+ guidato da Arabia Saudita e Russia.

Lo scorso anno il gruppo petrolifero Tullow, quotato a Londra, ha prodotto in Gabon circa 15.000 barili al giorno, pari a circa un quarto della produzione totale della società. Mercoledì il greggio Brent, il punto di riferimento internazionale, è salito dello 0,4% a 85,82 dollari al barile.

Non è stato possibile raggiungere un portavoce del presidente.