Gio. Lug 18th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Gli investitori si sono concentrati sul debito pubblico statunitense ed europeo dopo che la Federal Reserve americana e altre banche centrali hanno segnalato la possibile fine del ciclo di rialzi dei tassi che ha martellato il mercato obbligazionario per più di un anno.

In uno dei maggiori cali dei costi di finanziamento dal fallimento della Silicon Valley Bank a marzo, gli investitori hanno spinto al ribasso il rendimento dei Treasury statunitensi a 10 anni, un punto di riferimento per i prezzi degli asset globali, di oltre 0,3 punti percentuali in due giorni.

Anche i mercati dei titoli di stato hanno registrato un rally in tutta Europa, un cambiamento che, se sostenuto, potrebbe avere profonde implicazioni sul costo del capitale di governi e aziende dopo una lunga svendita che ha colpito duramente gli obbligazionisti.

Il rally obbligazionario ha sostenuto i mercati azionari, con l’indice S&P 500 in rialzo dell’1,4% negli Stati Uniti, rendendo giovedì uno dei giorni di mercato più ottimisti da marzo.

Il calo del rendimento dei titoli del Tesoro statunitensi a 10 anni, che si muove in modo inverso rispetto al prezzo, è arrivato dopo quelle che gli investitori hanno visto come osservazioni accomodanti da parte del presidente della Fed Jay Powell mercoledì.

All’inizio della giornata la banca centrale ha mantenuto il tasso di riferimento sui fondi invariato tra il 5,25% e il 5,5%.

Solita Marcelli, Chief Investment Officer per le Americhe presso UBS Wealth Management, ha dichiarato: “L’incontro sottolinea la nostra opinione secondo cui la Fed probabilmente avrà smesso di inasprirsi e che i mercati sono diventati troppo aggressivi nel fissare tassi più alti per un periodo più lungo”.

Powell ha sottolineato che la Fed sta “procedendo con cautela” con i futuri aumenti dei tassi, cosa che gli investitori hanno interpretato come un segnale che i mercati obbligazionari sono riusciti in gran parte a rallentare l’economia statunitense.

Tuttavia, ha anche avvertito che la banca centrale “non è ancora sicura” che la politica monetaria sia sufficientemente restrittiva da riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2%.

La portata della reazione degli investitori ai commenti del presidente della Fed ha sottolineato quanto molti siano ansiosi di vedere la fine della stretta monetaria che ha aumentato i costi di finanziamento per le famiglie e le imprese in tutto il mondo.

I precedenti rialzi della Fed e la forte espansione dei piani di indebitamento del governo americano avevano contribuito al prolungato sell-off che il mese scorso aveva spinto i rendimenti a 10 anni sopra il 5% per la prima volta in 16 anni.

Nel rally di mercoledì, i rendimenti statunitensi a 10 anni sono scesi di 0,19 punti percentuali, il più grande calo in un giorno dal crollo della SVB, secondo i dati di Bloomberg. Giovedì sono scesi di ulteriori 0,12 punti percentuali per raggiungere il 4,67%.

In passato gli investitori sono stati colti di sorpresa nel dichiarare prematuramente la fine del ciclo di rialzo dei tassi della Fed.

Ma Tiffany Wilding, amministratore delegato della casa di investimento obbligazionario Pimco, ha sostenuto che i commenti di Powell di mercoledì non sembrano preparare il mercato per un possibile aumento dei tassi a dicembre “e di conseguenza si sta verificando un certo allentamento delle condizioni finanziarie”.

Anche il Dipartimento del Tesoro ha abbassato i rendimenti dei titoli di Stato statunitensi dopo aver annunciato mercoledì che avrebbe rallentato il ritmo con cui emette debito a più lunga scadenza.

Grafico lineare in percentuale che mostra il crollo dei rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni

Anche i titoli di stato britannici sono aumentati dopo che la Banca d’Inghilterra ha annunciato giovedì che manterrà i tassi al 5,25%.

I rendimenti dei gilt a due anni, che riflettono le aspettative sui tassi di interesse, sono scesi di 0,09 punti percentuali al 4,70%, il livello più basso da giugno. I rendimenti di riferimento dei gilt a 10 anni sono scesi di 0,15 punti percentuali al 4,35%.

I rendimenti dei titoli tedeschi a dieci anni – il punto di riferimento per l’eurozona – sono scesi di 0,05 punti percentuali al 2,7% dopo che i dati sull’occupazione hanno suggerito che l’economia del paese era in stagnazione.