Gio. Mag 23rd, 2024
I trader aumentano le scommesse rialziste sui prezzi del gas europeo

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

I commercianti hanno aumentato le loro scommesse su un aumento dei prezzi del gas europeo al livello più alto in più di due anni, indicando crescenti preoccupazioni per la potenziale interruzione delle forniture.

Le posizioni lunghe nette detenute dai fondi di investimento in contratti futures legati al principale benchmark europeo del gas sono salite a 96,4 terawattora, per un valore di circa 30 miliardi di euro ai prezzi correnti, secondo i dati dell'Intercontinental Exchange pubblicati mercoledì. Si tratta della più grande scommessa rialzista dal febbraio 2022, giorni prima che la Russia iniziasse la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina e operasse profondi tagli alle forniture di gasdotto verso l’Europa, facendo impennare i prezzi.

Da allora i prezzi sono crollati drasticamente poiché le economie europee hanno ridotto il consumo di gas e trovato alternative alle importazioni russe, contribuendo a riempire gli impianti di stoccaggio a livelli quasi record. Ma questi sforzi hanno reso il continente sempre più dipendente dal mercato globale, spesso instabile, del gas naturale liquefatto.

Già negli ultimi mesi si sono verificate interruzioni negli impianti di esportazione negli Stati Uniti e in Australia, due grandi produttori di GNL. I fondi di investimento hanno rafforzato le loro posizioni lunghe dall’inizio della guerra israeliana a Gaza in ottobre, che ha suscitato preoccupazioni sul trasporto di GNL attraverso il Mar Rosso, dove lo scorso anno è passato il 13% della fornitura di GNL europea, e altri paesi del Medio Oriente. acque.

“I fondi stanno prendendo in considerazione una possibile riduzione dei flussi di GNL che passano attraverso due stretti chiave” di Bab al-Mandab e lo Stretto di Hormuz, ha affermato Tom Marzec-Manser, responsabile dell'analisi del gas presso la società di consulenza ICIS. “Esiste un rischio al rialzo e quindi una logica per assumere una posizione long”.

Mercoledì il benchmark europeo del gas è stato scambiato a circa 30 euro per megawattora. Anche se questo valore è ben al di sotto del picco di oltre 300 €/MWh nell’estate del 2022, rimane comunque superiore ai 10-20 €/MWh tipicamente osservati prima dell’inizio della crisi del gas nel 2021.

Le scommesse rialziste degli speculatori arrivano nonostante lo stoccaggio di gas dell'UE fosse pieno al 63,8% lunedì, il secondo livello più alto mai registrato per questo periodo dell'anno.

La maggior parte dei trader e degli analisti ritiene che l’UE non avrà problemi a riempire i propri impianti di stoccaggio del gas prima dell’inverno, quando la domanda aumenterà. Ma non escludono ulteriori forti oscillazioni dei prezzi, in particolare con la recente ripresa della domanda di gas, rimasta contenuta durante la crisi energetica.

Gli analisti di Morgan Stanley hanno affermato che la “domanda di gas sottostante” in aprile è aumentata dell’8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

C’è anche incertezza sul futuro del rimanente gasdotto russo che raggiunge l’UE attraverso l’Ucraina. Un accordo tra Kiev e Mosca per consentire il transito, che rappresenta circa il 5% delle forniture del blocco, scade alla fine di quest’anno. L'Ucraina ha espresso l'intenzione di non rinnovare l'accordo.