Ven. Giu 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il mercato azionario statunitense “I magnifici sette” sono stati un grattacapo per i gestori di fondi comuni di investimento, che per la maggior parte li hanno evitati e ne stanno pagando il prezzo della performance.

Gli hedge fund hanno preso una strada diversa: in breve, hanno gridato “YOLO” e si sono buttati a capofitto. Da Goldman Sachs questa mattina (il corsivo è):

La combinazione tra l’elevata concentrazione degli hedge fund e la forte performance dei titoli popolari ha sostenuto i rendimenti quest’anno, ma ha portato il nostro indice di affollamento a un livello record. La nostra lista VIP degli hedge fund con le posizioni lunghe più popolari ha reso +31% da inizio anno, e la maggior parte dei titoli tecnologici a mega capitalizzazione “Magnifici 7” rimane in cima alla lista. Rispecchiando la crescente concentrazione nel mercato azionario, è aumentata la concentrazione nei portafogli degli hedge fund; il tipico hedge fund detiene il 70% del suo portafoglio lungo nelle prime 10 posizioni. Queste dinamiche hanno anche portato l’esposizione degli hedge fund al fattore Momentum a livelli quasi record.

L’affollamento degli hedge fund è ora il più estremo degli ultimi 22 anni in cui Goldman ha monitorato il posizionamento degli hedge fund, superando di poco il massimo precedente del 2016.

Oppure, su un grafico:

Questo è tratto dalla trimestrale di Goldman Monitoraggio dell’andamento degli hedge fund, che analizza oltre 700 hedge fund con 2,4 trilioni di dollari di posizioni azionarie lorde. Lo studio si basa su documenti 13-F e integrato con i dati del prime brokerage desk di GS.

Come ha scritto in precedenza Alphaville, gli hedge fund hanno inseguito/pompato la mania dell’intelligenza artificiale per tutto l’anno, ma l’ultima puntata del rapporto GS indica che questa tendenza ha raggiunto un nuovo grado di frenesia.

Gli hedge fund hanno aumentato la loro esposizione ai Magnifici Sette – Microsoft, Alphabet, Apple, Nvidia, Tesla, Amazon e Meta – portandola a un nuovo record nel terzo trimestre. Ora rappresentano il 13% del portafoglio lungo complessivo degli hedge fund, il doppio del loro peso all’inizio del 2023.

È vero che questo rappresenta solo circa la metà del peso di questi titoli nel Russell 3000, ma sembra che questo abbia probabilmente contribuito in modo determinante al loro enorme rally quest’anno. Secondo i calcoli della FTAV, si tratta ora di una scommessa di 208 miliardi di dollari sui Magnifici Sette.

Secondo il prime brokerage desk di Goldman, le esposizioni nette degli hedge fund in questi titoli attualmente si collocano nella 99esimo percentile dal 2016rispetto a solo una posizione del 12° percentile all’inizio del 2023.

A parte Tesla, ciascuno dei sette si colloca tra i primi 10 membri della cosiddetta lista “Hedge Fund VIP” di Goldman delle scommesse più popolari. Microsoft e Amazon sono stati i primi due VIP per nove trimestri consecutivi.

Ecco l’elenco completo dei VIP attuali (versione zoomabile):

Ciò ha ovviamente aiutato la performance nel 2023, ma sembra sempre più un incidente in attesa di accadere.

L’esposizione degli hedge fund al momentum è stata raramente così estrema e l’oscillazione dal 2022 è stata sorprendente.

Il Momentum può essere divertente da guidare, ma ha la brutta tendenza a subire incidenti improvvisi. Considerando la dimensione di alcuni dei grandi titoli tecnologici nei portafogli degli hedge fund – e la forza con cui hanno registrato un rally quest’anno, almeno in parte a causa dell’acquisto fuori misura di hedge fund – qualsiasi inversione potrebbe diventare violenta.

A livello aggregato, tuttavia, gli hedge fund sono ancora piuttosto cauti. L’esposizione lorda ha raggiunto un nuovo record, ma la loro esposizione netta al mercato rimane modesta a causa delle posizioni corte.

Tuttavia, oggigiorno la maggior parte degli short sono scommesse contro l’indice tramite ETF e futures, non singoli titoli.

Ancora una volta, molto dipenderà dai risultati di Nvidia più tardi oggi. . .