Gio. Lug 18th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Buongiorno. La più grande azienda mondiale per capitalizzazione di mercato, Apple, ha riportato ieri utili e ha superato le aspettative in termini di ricavi e utili. Ma non abbastanza, a quanto pare. Le azioni sono scese leggermente nella fase finale delle negoziazioni. Ulteriori prove del fatto che i titoli delle Big Tech hanno superato se stessi. Se pensi ancora che Apple sia economica, spiegaci perché: [email protected] e [email protected].

Siamo arrivati?

Gli umori e le narrazioni del mercato cambiano rapidamente. Prima dell’inizio di questa settimana, l’atmosfera era stata piuttosto cupa per diversi mesi, nonostante le notizie costantemente forti sulla crescita. Ciò ha molto a che fare con un aumento costante dei tassi di interesse a lungo termine e con un’inflazione che non stava diminuendo abbastanza rapidamente. Lo slogan era “più in alto più a lungo” e le azioni non sono piaciute per niente.

Quel regime psicologico ansioso sembra essere scomparso – tutto in una volta – durante la conferenza stampa del presidente della Federal Reserve Jay Powell mercoledì. I cambiamenti sono stati drammatici. Ancora più importante, il rendimento del decennale è sceso di ben 25 punti base in due giorni. L’estremità più breve della curva è scesa solo di un terzo, suggerendo che il mercato non ha sentito Powell accennare ad un taglio imminente, ma piuttosto ad una politica più accomodante nel medio termine. Il mercato dei futures sui tassi ha ampiamente concordato, ma è stato meno vigoroso: ha aggiunto circa la metà del taglio dei tassi alle aspettative per la metà del prossimo anno.

Le azioni hanno avuto una forte ripresa: sono aumentate di quasi il 2%, e l’incremento è stato ampio: l’indice S&P a pari peso ha sovraperformato l’S&P ponderato in base alla capitalizzazione, e le small cap hanno sovraperformato le big cap. Si è verificato un incredibile rally dei nomi tecnologici piccoli e di qualità inferiore: Roku, Shopify, Affirm, Palantir, DoorDash e Carvana sono tutti aumentati di oltre il 15%, aiutati da solidi rapporti sugli utili. Anche le banche regionali, finora un gruppo odiato, hanno registrato forti rialzi: un altro segnale che gli investitori si aspettano un sollievo sui tassi di interesse.

Siamo un po’ sorpresi da tutto questo; non abbiamo sentito nulla nei commenti di Powell che segnalasse un cambiamento fondamentale nell’atteggiamento della Fed. Cosa sta succedendo, allora? La nostra ipotesi è che i mercati stiano sentendo quello che vogliono sentire, ovvero che il ciclo di aumento dei tassi è quasi certamente finito. Per mesi, analisti ed esperti hanno scritto che l’incertezza e la volatilità che hanno caratterizzato il mercato negli ultimi mesi si dissolveranno solo quando l’ultimo aumento dei tassi sarà registrato. I mercati hanno il coraggio di sperare che sia arrivato il momento che tutti stavamo aspettando.

Siamo solidali. Tornando al 1984, i trader che hanno correttamente individuato il limite massimo del ciclo dei tassi sono stati ben ricompensati. Il grafico seguente illustra. Mostra i rendimenti medi di tre mesi dopo aver acquistato large cap, small cap e obbligazioni lunghe in momenti diversi. Per gli investitori del mercato azionario, acquistare proprio nel momento in cui i tassi raggiungono il picco (nello specifico, durante la settimana dell’ultimo aumento dei tassi) ha portato rendimenti interessanti rispetto all’acquisto di tre mesi prima, o durante la settimana del primo taglio dei tassi:

Istogramma dei rendimenti successivi medi di 3 mesi acquistati nelle diverse fasi di un ciclo di rialzo dei tassi, con la percentuale che mostra il motivo per cui tutti sono così ansiosi di chiamare picco i tassi

Il grafico successivo suddivide questo commercio di previsione perfetta per ciclo. Non tutti i cicli premiano il buon tempismo allo stesso modo, ma i risultati sono quasi uniformemente positivi:

Grafico a colonne dei rendimenti a 3 mesi se hai acquistato al culmine di un ciclo di aumento del tasso,% che mostra i rendimenti in tempi perfetti

Al contrario, acquistare prematuramente, tre mesi prima del picco dei tassi, è (di solito) un’operazione OK, ma con meno vantaggi e più svantaggi:

Grafico a colonne dei rendimenti a 3 mesi se hai acquistato 3 mesi prima del picco dei tassi,% che mostra Meh

Aspettare di acquistare una volta che i tassi iniziano a scendere – cioè, una volta che tutti possono vedere che il ciclo dei tassi ha superato il suo apice – non è garanzia di buoni rendimenti sulle azioni (anche se le obbligazioni tendono ad andare bene):

Istogramma dei rendimenti a 3 mesi se hai acquistato al primo taglio del tasso del ciclo, con la percentuale che mostra Nessuna cosa sicura

È importante, tuttavia, non guardare i dati economici in modo selettivo. Non tutto suggerisce che il ciclo sia chiaramente finito.

Sì, le richieste di disoccupazione sono aumentate nelle ultime due settimane. Il PMI manifatturiero ISM di ottobre di mercoledì è sceso sotto 47, in contrazione e ben al di sotto delle aspettative. Quella lettura dell’ISM è stata abbastanza negativa da eliminare più di 1 punto percentuale dalla stima di crescita del PILNow della Fed di Atlanta, incluso il dimezzamento della stima della spesa dei consumatori reali. GDPNow sta attualmente registrando una crescita dell’1,2% per il quarto trimestre, un rallentamento generalizzato. Forse questo apre la strada alla Fed per eliminare ulteriori aumenti dal tavolo?

Non così in fretta. L’indice PMI manifatturiero dell’ISM è in conflitto con l’indagine manifatturiera di ottobre di S&P Global, che ha registrato un buon risultato pari a 50. E anche se la crescita del quarto trimestre si attestasse all’1,2%, ciò lascerebbe comunque una crescita del PIL per l’intero anno al 2,6%. , difficilmente un’economia lenta. Si tratta di un contesto in cui è molto plausibile che il mercato del lavoro continui a registrare robusti aumenti salariali e salariali, rafforzando l’inflazione. La Fed non ha alcun mandato sul PIL. Ciò che conta è l’inflazione e il mercato del lavoro. Un mercato convinto che la banca centrale abbia finito si pone in balia dei dati.

Ricordate, inoltre, che il rallentamento della crescita non è di per sé compatibile con il rally delle obbligazioni e delle azioni. Ciò richiederebbe un movimento verso un atterraggio morbido – la quantità perfetta di rallentamento in grado di abbattere l’inflazione, ma non di più. Jonathan Pingle, capo economista americano presso UBS, sostiene che gli aumenti dei tassi stanno cominciando a pesare sui consumatori e sull’economia. Egli osserva che i pagamenti degli interessi personali rispetto al reddito sono aumentati di oltre un punto percentuale nell’ultimo anno e che i consumatori stanno prendendo prestiti e attingendo ai risparmi per mantenere la spesa. L’asticella per un’ulteriore crescita dei consumi è alta, e quindi rimane nel campo della lieve recessione.

Infine, ricordiamo ciò che preoccupava i mercati solo due settimane fa: l’aumento del premio a termine, il petrolio a 80 dollari, l’eccesso di offerta del Tesoro. Tutti puntavano più in alto da più tempo. Niente di tutto ciò è scomparso. (Armstrong e Wu)

Una buona lettura

Il contratto sociale cinese si è fratturato.