Ven. Apr 19th, 2024
Didi/Xpeng: l'accordo sui veicoli elettrici aiuterà entrambe le società ad accelerare gli obiettivi di profitto

Ricevi aggiornamenti gratuiti su XPeng, Inc

Un accordo tra uno dei principali produttori cinesi di auto elettriche e un gigante locale del ride-hailing può sembrare un modo strano per affrontare le perdite di entrambe le società. Ma la decisione di Xpeng di acquisire l’attività di sviluppo di auto elettriche di Didi significa che entrambi hanno ora una possibilità di redditività.

Per Didi, l’accordo pone fine ad anni di investimenti nella sua divisione smart-car. Riceverà in cambio circa il 3,25% delle azioni Xpeng, per un valore di 744 milioni di dollari. Xpeng utilizzerà l’acquisizione per lanciare un modello di auto intelligente elettrica di classe A il prossimo anno con un nuovo marchio chiamato MONA. Didi potrebbe aumentare la propria partecipazione in Xpeng se il nuovo marchio raggiungesse un obiettivo di 100.000 consegne per due anni consecutivi.

Non è un obiettivo impossibile. Si prevede che le auto elettriche rappresenteranno un terzo di tutte le auto cinesi vendute quest’anno. Le vendite totali di Xpeng potrebbero coprire questa cifra in circa tre quarti. Il peer locale BYD vende circa quel numero di auto ogni mese.

Lunedì mattina le azioni di Xpeng quotate a Hong Kong sono aumentate del 16%, portando i guadagni di quest’anno al 74%. Ma anche dopo tale aumento, le azioni vengono scambiate a un valore aziendale pari a solo 2 volte le vendite a termine. Una perdita netta più ampia del previsto di 2,8 miliardi di Rmb (380 milioni di dollari) nel secondo trimestre ha messo a dura prova la fiducia degli investitori. Le feroci guerre dei prezzi hanno ridotto il margine dei veicoli di Xpeng a -8,6%.

L’accordo con Didi potrebbe cambiare la situazione. In tutta la Cina, i produttori locali di veicoli elettrici si sono concentrati sui segmenti di fascia alta e sull’espansione all’estero o sulle guerre dei prezzi. Pochi hanno scelto di differenziare la propria offerta utilizzando software e funzioni intelligenti mantenendo bassi i prezzi.

Xpeng sta prendendo di mira la fascia di prezzo del mercato di massa pari a 150.000 Rmb e l’aggiunta di tecnologie intelligenti dovrebbe portare a una forte domanda.

Per Didi potrebbe sembrare che l’affare comporterà la perdita di un’unità con molto potenziale. Ma una serie di eventi sfortunati, tra cui un’indagine durata più di un anno, la cancellazione dalla lista degli Stati Uniti e una multa normativa di 1,1 miliardi di dollari, hanno cambiato le priorità dell’azienda. Una forte perdita nel 2022 significa che avrà meno margine di spesa.

Didi ritiene da tempo che il robotaxi sia il futuro. Xpeng investe nella tecnologia delle auto autonome. Questo piano dovrebbe consentire a Didi di ridurre i costi di ricerca mantenendo l’accesso alla tecnologia. I robotaxi senza conducente sono già in circolazione in alcune città cinesi. Insieme, Xpeng e Didi potrebbero accelerare il loro arrivo.