Ven. Giu 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I proprietari della catena di supermercati Lidl sono tra coloro che investono più di 500 milioni di dollari nella start-up tedesca di intelligenza artificiale Aleph Alpha, che cerca di trarre vantaggio dalla corsa globale nel settore.

Il gruppo Schwarz, che controlla Lidl e sta costruendo una nuova divisione IT, è co-leader dell’accordo insieme a un hub AI con sede nella città di Heilbronn, nel sud-ovest della Germania, creato congiuntamente da una fondazione fondata da Dieter Schwarz, la Lidl fondatore.

Tra gli altri investitori figura anche l’unità di venture capital di Bosch, il più grande fornitore europeo di componenti per automobili, secondo una dichiarazione di Aleph Alpha.

Fondata nel 2019, Aleph Alpha è tra le più importanti start-up europee che si concentrano sull’intelligenza artificiale generativa, il software in grado di creare testi, immagini o codici informatici sofisticati che imitano le capacità umane.

Ma la start-up tedesca potrebbe avere difficoltà a sfondare in un mercato dell’intelligenza artificiale generativa sempre più affollato, con concorrenti meglio finanziati come OpenAI sostenuta da Microsoft, Google e Meta, società madre di Facebook, che investono pesantemente nello spazio.

Aleph Alpha, che conta circa 70 dipendenti, mira a distinguersi offrendo protezione dei dati, sicurezza e software trasparente ai clienti anche in settori sensibili come le forze dell’ordine e la sanità. Ha già raccolto circa 28 milioni di euro.

“Dobbiamo assicurarci di avere una mano sul volante di come andrà il futuro”, ha detto al MagicTech l’amministratore delegato di Aleph Alpha, Jonas Andrulis. I clienti dell’azienda “hanno piena sovranità su ciò che sta accadendo”.

Circa un quarto del finanziamento arriva tramite un investimento azionario, mentre il resto è composto da sovvenzioni per la ricerca e impegni per lo sviluppo aziendale congiunto che non diluirà gli azionisti, hanno affermato fonti a conoscenza dell’accordo. Hanno aggiunto che il capitale di Aleph Alpha sarebbe valutato a circa 500 milioni di euro nell’operazione.

La società non ha rivelato la sua valutazione.

Il Gruppo Schwarz, un colosso non quotato in borsa e a controllo familiare con un fatturato annuo di 154 miliardi di euro e 575.000 dipendenti in tutto il mondo, è noto soprattutto per i suoi supermercati discount Lidl. Ma si è ramificato anche nella produzione alimentare, nel riciclaggio e nei servizi IT. A settembre, ha riunito le sue offerte di cloud e sicurezza informatica in un’unità autonoma, Schwarz Digits, che serve il resto delle operazioni di Schwarz e i clienti esterni.

Dieter Schwarz quest’anno ha sostenuto l’hub di Heilbronn, Innovation Park Artificial Intelligence, anch’esso finanziato dallo stato del Baden-Württemberg e mira a diventare il più grande cluster di intelligenza artificiale d’Europa.

“I contanti sono necessari, ma non sufficienti”, ha affermato Andre Retterath, partner della società di venture capital Earlybird e membro del consiglio di amministrazione di Aleph Alpha. Le partnership daranno alla società “accesso al calcolo, accesso ai talenti e distribuzione sul mercato”, ha affermato. Earlybird ha guidato un round di finanziamento per il 2021 per la start-up tedesca.

Aleph Alpha vuole accelerare la sua espansione in quanto prevede nei prossimi 12-24 mesi una finestra durante la quale le aziende testeranno e selezioneranno quale software di intelligenza artificiale intendono utilizzare.

Mentre alcuni concorrenti di Aleph Alpha hanno sviluppato stretti rapporti aziendali con i più grandi gruppi tecnologici, l’azienda ha sottolineato che è indipendente.

Altri investitori nel consorzio includono l’azienda IT Hewlett Packard Enterprise e la società di software tedesca SAP, nonché il gruppo VC Burda Principal Investments e i sostenitori esistenti, si legge nella nota. La società è stata precedentemente supportata dai gruppi VC UVC Partners, LEA Partners, 468 Capital, Cavalry Ventures e Lakestar.