Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il Regno Unito è stato scelto come quartier generale per un progetto con Italia e Giappone per costruire un nuovo aereo da caccia, mentre le tre nazioni portano avanti piani ambiziosi per far volare l’aereo entro il 2035.

Secondo i piani, confermati in un trattato trilaterale firmato giovedì a Tokyo, il Regno Unito ospiterà la sede governativa del Global Combat Air Program, sostenendo centinaia di posti di lavoro nel paese. Sebbene abbia sede nel Regno Unito, l’ufficio di progetto congiunto sarà inizialmente guidato dal Giappone.

Le decisioni sull’ubicazione e sulla leadership del progetto erano state molto attese a causa della loro sensibilità politica e anche come prima indicazione su come i tre paesi avrebbero diviso le loro responsabilità. Le nazioni sono state attente a garantire che ciascuna sentisse di avere una partecipazione paritaria.

Presentato lo scorso dicembre, GCAP è uno dei programmi militari più ambiziosi mai tentati, volto ad espandere le capacità di difesa di ciascuna nazione per affrontare le crescenti minacce alla sicurezza provenienti da Russia e Cina.

Unisce il programma FX del Giappone con il progetto Tempest del Regno Unito e dell’Italia, con l’obiettivo di fornire un jet supersonico in circa la metà del tempo – e quindi a costi molto inferiori – rispetto agli aerei delle generazioni precedenti come l’Eurofighter Typhoon.

Rappresentazione artistica di come apparirà il jet GCAP
Rappresentazione artistica di come potrebbe apparire il jet GCAP ©BAE Systems

“Il nostro programma di aerei da combattimento leader a livello mondiale mira ad essere cruciale per la sicurezza globale”, ha affermato in una nota Grant Shapps, ministro della Difesa britannico.

“La sede centrale nel Regno Unito ci vedrà anche prendere decisioni importanti in modo collaborativo e con ritmo, lavorando con i nostri partner più stretti Italia e Giappone. . . per consegnare un aereo eccezionale.”

Il quartier generale sarà responsabile della fornitura di “capacità militare vitale, del rafforzamento della capacità industriale aerea di combattimento di ciascun paese e del raggiungimento di un buon rapporto qualità-prezzo”, secondo la dichiarazione del governo britannico.

Una volta risolta la questione della sede, anche i principali partner industriali del programma – la britannica BAE Systems, l’italiana Leonardo e la giapponese Mitsubishi Heavy Industries – dovrebbero definire la loro divisione del lavoro l’anno prossimo.

I governi hanno confermato giovedì che anche un nuovo gruppo industriale congiunto avrà sede nel Regno Unito ma con “una presenza globale significativa”.

La controparte industriale dell’organizzazione governativa sarà responsabile del supporto e della consegna tempestiva del programma, compresa la data di entrata in servizio dell’aeromobile nel 2035. Il primo leader di questo gruppo industriale sarà italiano.

Le aziende stanno investendo molto nella progettazione digitale e in metodi di ingegneria innovativi per garantire il rispetto del calendario ambizioso. GCAP non è solo un aereo e includerà droni senza equipaggio e armi laser.

Il governo del Regno Unito ha stanziato poco più di 2 miliardi di sterline solo per il programma Tempest originale, mentre i partner industriali hanno investito circa 800 milioni di sterline. Il ministero della Difesa giapponese sta cercando di accantonare 72,6 miliardi di yen (483 milioni di dollari) per il programma GCAP per l’anno fiscale 2024-2025.

Il denaro finanzierà la “fase di ideazione e valutazione”. L’obiettivo è poi avviare la fase di sviluppo tra le tre nazioni nel 2025.