Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il record di bassa popolarità di Joe Biden attira molta attenzione, ma i leader del mondo sviluppato si trovano in una situazione simile a quella del presidente degli Stati Uniti: raramente sono stati così impopolari.

Tengo traccia degli indici di approvazione dei leader nelle 20 principali democrazie, utilizzando sondaggisti leader come Morning Consult, Gallup e Compolítica. Nel mondo sviluppato nessun leader ha una valutazione superiore al 50%. Solo un paese (l’Italia) ha visto il suo leader ottenere l’approvazione negli anni 2020. Con il 37%, il rating di Biden è al minimo storico per un presidente degli Stati Uniti alla fine del suo primo mandato, ma superiore alla media per i suoi pari.

I segni della vecchiaia potrebbero danneggiare gli ascolti dell’81enne Biden, ma ciò non spiega la tendenza più ampia. Tra il 1950 e il 2020, l’età media dei presidenti e dei primi ministri nei paesi sviluppati è scesa da oltre 60 a circa 54 anni. I leader di Gran Bretagna, Germania, Francia e Giappone sono molto più giovani di Biden, ma anche meno popolari. Tutti e quattro hanno rating inferiori al 30%.

Il dibattito su Biden è incentrato sul motivo per cui ottiene voti così bassi nonostante i recenti dati economici relativamente forti, inclusa una minore inflazione. Tuttavia, a partire da Ronald Reagan negli anni ’80, gli indici di gradimento per i presidenti degli Stati Uniti al primo mandato sono in calo. I sostenitori di Biden sperano che il miglioramento dell’economia alla fine faccia salire il suo rating, ma lui si trova a dover affrontare tendenze profondamente radicate.

I leader del mondo sviluppato sono, almeno in parte, vittime del declino a lungo termine del morale nazionale. Una crescita economica più lenta, una crescente disuguaglianza e la crescente sensazione che il sistema sia manipolato a sfavore della persona media: tutti questi fattori sono amplificati dall’impatto polarizzante dei social media.

Negli Stati Uniti, i democratici sono meno propensi a votare per un repubblicano, tanto meno a sposarne uno, e viceversa. La polarizzazione è personale, amara. Divisioni simili si stanno ampliando in Europa, dove gli elettori hanno più partiti tra cui scegliere e si stanno rivoltando contro quelli consolidati. Tra l’inizio degli anni ’90 e il 2020 la quota di voti dei partiti estremisti in Europa è aumentata da quasi zero al 25%. Ciò è stato guidato dalle conquiste dell’estrema destra, che si propone come difensore della gente comune contro gli outsider e un’élite globale viziata.

I social media sembrano intensificare il rancore partigiano. Una solida maggioranza nella maggior parte delle economie sviluppate – e quasi l’80% negli Stati Uniti – ritiene che queste piattaforme stiano ampliando le divisioni politiche. Può anche darsi che il pubblico si stia allontanando sempre più dai leader democratici perché sempre meno persone di talento entrano in politica, scoraggiate dagli stratagemmi necessari per sopravvivere in un’arena digitalizzata.

Nel mondo in via di sviluppo, tuttavia, anche se i social media possono essere altrettanto diffusi e altrettanto ostili nel loro tenore, sembrano infliggere meno danni agli operatori storici. Nel mio sondaggio per 10 dei più grandi paesi in via di sviluppo, la maggioranza dei leader ha ancora una valutazione superiore al 50%. Il senso di delusione che oscura i leader dei paesi sviluppati non ha ancora travolto quelli dei paesi in via di sviluppo.

Una possibile ragione è che, mentre la globalizzazione e la digitalizzazione hanno contribuito a migliorare le fortune di molti paesi in via di sviluppo, le nazioni sviluppate hanno visto negli ultimi decenni una crescita più lenta. Ciò è particolarmente vero per le classi medie. Dai massimi di almeno il 3% degli anni ’60 e ’70, la crescita del reddito medio pro capite è rallentata negli Stati Uniti all’1,5%, e nei grandi paesi europei e in Giappone a circa l’1% o meno. Forse non è una coincidenza che il Giappone abbia subito il calo più marcato a lungo termine del reddito pro capite, e oggi ha il primo ministro meno popolare, Fumio Kishida, con un indice di gradimento del 21%.

I sondaggi mostrano che gli elettori nelle economie avanzate stanno perdendo fiducia nel fatto che il moderno sistema capitalista possa generare opportunità per tutti, e sono sempre più propensi a credere che “le persone possono arricchirsi solo a spese degli altri”. La maggior parte si considera “altro”. Nel 2023, il numero di persone che si aspettano di “migliorare la loro situazione tra cinque anni” ha toccato livelli record inferiori al 50% in tutti i 14 paesi sviluppati esaminati dall’Edelman Trust Barometer. Gli ottimisti erano ovunque una minoranza. Anche le vibrazioni positive provenienti da un mercato azionario in rialzo non incoraggiano le persone al di fuori del mondo finanziario.

Ciò è di cattivo auspicio per i governanti in carica, con le elezioni nazionali in molte delle principali democrazie quest’anno. Fino agli inizi degli anni 2000, i candidati in carica vincevano il 70% delle loro candidature per la rielezione; ultimamente hanno vinto solo il 30%. Per ripristinare il loro tradizionale vantaggio, gli operatori storici devono riconoscere che il collegamento tra i dati economici principali e il sostegno politico si è interrotto. Gli elettori stanno reagendo al declino a lungo termine e sono alla ricerca di nuove soluzioni.