Dom. Lug 14th, 2024
Alto capo militare ucraino licenziato da Zelenskyj

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha licenziato il tenente generale Yuriy Sodol dalla carica di comandante delle forze congiunte dell'esercito del paese, poche ore dopo che un importante soldato aveva presentato lamentele sulla sua condotta nella guerra con la Russia.

Zelenskyj ha annunciato lunedì sera che il generale di brigata Andriy Hnatov sostituirà Sodol, nell'ultimo cambiamento agli alti vertici militari dell'Ucraina.

I cambiamenti sono arrivati ​​poco dopo che Bohdan Krotevych, capo di stato maggiore della brigata della guardia nazionale Azov, ha accusato Sodol di incompetenza sul campo di battaglia e lo ha incolpato della morte di “migliaia” di soldati ucraini sotto il suo comando.

Le forze armate russe hanno lentamente preso l’iniziativa in Ucraina dopo la fallita controffensiva di Kiev dello scorso anno e un ritardo di sei mesi nell’assistenza militare statunitense che ha consentito a Mosca di ottenere nuove conquiste territoriali.

In una rara dimostrazione di critica pubblica alla leadership militare ucraina da parte di un ufficiale in servizio, Krotevych ha scritto su Telegram di aver fatto appello all'Ufficio investigativo statale per condurre un'indagine sulla condotta di Sodol.

“Ho scritto una lettera all'SBI chiedendo di avviare un'indagine contro un generale militare che, secondo me, ha ucciso più soldati ucraini di qualsiasi generale russo”, ha detto.

“Non mi interessa se avviano un'indagine contro di me, e non mi interessa se mi mettono in prigione. Mi interessa che combattenti e comandanti di brigata siano giudicati per la perdita di un posto di osservazione, ma il generale non sia giudicato per la perdita di regioni e decine di città e per la perdita di migliaia di soldati”.

L'SBI non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento, ma ha confermato all'agenzia di stampa Interfax-Ucraina di aver ricevuto l'appello di Krotevych e ha affermato di aver avviato un'indagine.

Anche lo stato maggiore delle forze armate ucraine non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento sulla condotta di Sodol.

Sodol è stato nominato comandante delle forze congiunte dell'esercito ucraino a febbraio, dopo aver prestato servizio come comandante del corpo dei marines.

Zelenskyj all'epoca annunciò un grande rimpasto militare, selezionando il colonnello generale Oleksandr Syrsky per sostituire il generale Valery Zaluzhny come comandante in capo delle forze armate ucraine.

Hnatov, ex capo di stato maggiore e vice comandante del comando meridionale dell'esercito ucraino, gestiva le difese delle città di Mykolayiv e Bakhmut.

Mykolayiv è ancora sotto il controllo ucraino, ma Bakhmut fu distrutta prima di essere occupata dalle forze russe nel maggio 2023.

Il presidente russo Vladimir Putin, che ha lanciato l’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, questo mese ha dichiarato che il suo Paese avrebbe avviato i negoziati per porre fine alla guerra in cambio del controllo di quattro regioni ucraine in prima linea.

Le proposte di Putin sono state immediatamente respinte da Kiev, in quanto equivalevano a una capitolazione e avrebbero lasciato il Paese vulnerabile a futuri attacchi.