Mar. Giu 18th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Centinaia di migliaia di tonnellate di caffè e cacao immagazzinate nei magazzini dell’UE rischiano di essere distrutte come conseguenza imprevista della legge sulla deforestazione del blocco, entrata in vigore nel giugno di quest’anno.

La legge mira a vietare la vendita all’interno del blocco di prodotti tra cui caffè, cacao, olio di palma e gomma coltivati ​​in aree di deforestazione.

Ma sia l’Intercontinental Exchange (ICE), una delle principali sedi di scambio dei futures sul caffè e sul cacao, sia l’International Trade Centre, un’agenzia congiunta delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione mondiale del commercio, hanno avvertito che il caffè e il cacao prodotti e immagazzinati nell’UE durante un periodo di crisi periodo di transizione che dura fino a dicembre 2024 potrebbe essere considerato non conforme e dover essere venduto fuori dal blocco o distrutto.

Circa il 70% del cacao mondiale proviene dalla Costa d’Avorio e dal Ghana, dove la deforestazione e il lavoro minorile sono diffusi. I maggiori produttori di caffè al mondo sono Brasile, Vietnam, Colombia e Indonesia.

“Se arriva sul mercato entro il periodo di transizione va bene. Ma se verrà trattenuto e rilasciato dopo la fine dell’anno di transizione, potrebbe non esserlo”, ha affermato Pamela Coke-Hamilton, direttrice esecutiva dell’International Trade Centre. “Potrebbe essere estremamente difficile. . .[the goods] non sarà consentito entrare perché [producers] non avrebbe. . . fatto qualsiasi cosa che potesse renderlo conforme alle nuove normative.

Ciò significa che i produttori probabilmente lo manderebbero altrove “o lo scaricherebbero”, ha detto.

L’ICE ha avvertito che la confusione sulle merci immagazzinate “influirà sulla capacità del settore di commerciare i prodotti in modo fluido e di gestire i rischi in modo responsabile ed efficace”.

Ciò potrebbe causare interruzioni, colpendo “l’intera catena di approvvigionamento, dall’agricoltore al consumatore”, ha affermato l’ICE, aggiungendo che una guida chiara da parte di Bruxelles e delle autorità nazionali “sarà un passo fondamentale” per evitare ciò.

In un documento che delinea la questione, l’ICE ha affermato che quasi 200.000 tonnellate di cacao e 150.000 tonnellate di chicchi di caffè sono state conservate nei magazzini autorizzati dall’ICE nei porti di tutta Europa durante l’estate.

Le norme dell’UE sono viste come una parte cruciale della legge ambientale Green Deal e mirano a impedire che i consumi del blocco infliggano ulteriori danni ai paesi al di fuori dei suoi confini.

Ma è stato ampiamente contestato dalle nazioni in via di sviluppo che sostengono che sta rendendo costoso e punitivo il commercio con i paesi dell’UE.

Il regolamento richiede che gli importatori forniscano dati di geolocalizzazione delle loro merci per dimostrare che non provengono da aree colpite dalla deforestazione. La merce verrà controllata in base a quanto sia considerato a rischio deforestazione il Paese di origine.

Il caffè e il cacao sono particolarmente colpiti perché non vengono immediatamente sdoganati all’arrivo nell’UE e possono trascorrere più di 18 mesi – la durata del periodo di transizione stabilito dalla legge sulla deforestazione – in magazzini doganali.

Per il produttore di cioccolato Barry Callebaut “il rischio finanziario sarebbe molto significativo”, ha affermato Nicolas Mounard, direttore della sostenibilità e dell’agricoltura dell’azienda. L’UE è il mercato più grande per Barry Callebaut, il più grande produttore di cioccolato al mondo, che trasforma ogni anno circa il 20% del raccolto mondiale di cacao.

“Prendete 18 mesi di stock per noi e per il peso dell’UE nel nostro mix geografico e sarà un rischio molto, molto significativo”, ha detto Mounard. Nell’attuazione delle regole “questo è l’unico punto che ci preoccupa davvero in questo momento, ma è un punto enorme”.

Matthijs de Meer, responsabile per gli affari europei presso la European Cocoa Association, ha affermato che l’industria del cacao dipendeva dagli acquisti a termine: “Le uova di cioccolato consumate durante la Pasqua 2025 sono il risultato dei raccolti attuali”.

Se la Commissione Europea e gli Stati membri non chiariranno presto lo status dei semi di cacao prodotti durante il periodo di transizione, “ci sarà un enorme impatto potenziale per i coltivatori di cacao, i consumatori dell’UE e l’industria”, ha aggiunto. Il valore di “quantità significative di scorte di cacao” potrebbe essere ridotto “quasi a zero, creando sprechi alimentari e minacciando l’accesso al mercato UE per oltre 3 milioni di coltivatori di cacao”.

La Commissione sta discutendo con gli Stati membri per trovare una soluzione per i raccolti immagazzinati importati durante il periodo di transizione. Ha rifiutato di commentare i negoziati.