Lun. Giu 24th, 2024
Cinque stelle per i Pet Shop Boys, Koko, Londra: successo dopo successo da una band in forma inebriante

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

I Pet Shop Boys erano tornati al vecchio ritrovo. Koko è un teatro tardo vittoriano che un tempo si chiamava Camden Palace. All'inizio degli anni '80, per due anni vertiginosi passati a pavoneggiarsi e posare, ospitò una serata in un club in cui tutti coloro che appartenevano alla scena New Romantic londinese andavano a vedere e a farsi vedere. Tra loro c'erano due emigranti di provincia nella capitale: un giornalista musicale di Newcastle, Neil Tennant, e un apprendista architetto di Blackpool, Chris Lowe.

Quarant'anni dopo, Tennant era sul palco di Koko (“Camden Palace, come lo chiamiamo noi”), con il microfono in mano e un sorriso sul volto. Indossava un abito nero e una cravatta da presentatore, accessoriati in vari punti da soprabiti di alta moda elaboratamente appariscenti. Lowe era dietro di lui allo stand di un sintetizzatore con il caratteristico berretto da baseball e occhiali da sole, imperscrutabile come i portieri che un tempo controllavano l'accesso alla zona dei divertimenti di Camden Palace. Il suo non-sorriso non vacillò, nemmeno quando Tennant ricordò maliziosamente che il suo compagno di band si era fatto “pizzicare il sedere” dal promotore del club, il protagonista dei New Romantic Steve Strange.

La nostalgia, ovviamente, è una droga infernale. Ma qui è stato ravvivato da un altro tipo di ebbrezza: quella di vedere uno dei duetti di maggior successo nella storia del pop britannico da vicino e in una forma irresistibilmente buona.

Il concerto ha dato il via alla tappa di quest'anno del loro tour Dreamworld, iniziato nel 2022. In vista ci sono i festival e le date nelle arene, che culmineranno con una residenza alla Royal Opera House a luglio, un termine adatto per un gruppo attratto dai temi dello sfarzo, della mobilità sociale e del ambiguo incantesimo del denaro. Insieme a loro c'erano tre musicisti abituali in tournée, disposti in fila su entrambi i lati di Lowe. C'erano due percussionisti, Afrika Green e Simon Tellier, che suonavano anche la chitarra, e Clare Uchima alle tastiere.

“Suburbia” e “Opportunities (Let's Make Lots of Money)” erano in cima al set, entrambi cimeli del loro primo successo in classifica nel 1985. Tennant, inizialmente sfoggiava un complicato impermeabile bianco di notevole impraticabilità: il locale era gremito e caldo – ha fatto una specie di alzata di spalle mentre li cantava, con le braccia aperte, i palmi alzati. Aveva l'aspetto di un'umiliazione, un divertito “scusa-non-scusa” per avere un catalogo così ben fornito di classici che due successi che hanno definito un'epoca potevano essere offerti come antipasti.

Il cantante compirà 70 anni a luglio. Un cantante distintivo ma non tecnicamente notevole, sembrava non toccato dall'età. Svolazzi esclamativi (“Io ho il cervello, tu hai l'aspetto: facciamo un sacco di soldi!”) sfidavano il suo stereotipo della consegna impassibile. I doppi percussionisti hanno aggiunto una morbida risonanza extra alla musica, come uno scatto meravigliosamente acrobatico in “Always on My Mind”. Nel frattempo, Lowe ha dato al loro synth-pop vintage un aspetto vigoroso e moderno.

Due brani dal loro nuovo album Ciò nonostante sono stati suonati: il migliore è stato l'inno disco agile ma emozionante “Lonelies”. Intorno a questi nuovi arrivati ​​c'era un'imponente schiera di preferiti del vecchio catalogo, ben organizzati in una serie di picchi e aumentati da una qualità del suono impeccabile. Il set ha sviluppato il ritmo verso una sezione ispirata alla musica house, coronata da una versione epica del mantra della pista da ballo “Vocal”. Poi è arrivata una serie finale di classici, tra cui “It's a Sin” e “West End Girls”. Un'altra alzata di spalle da parte di Tennant e un sorriso. Qualunque fossero le probabilità che i Pet Shop Boys arrivassero fin qui, sono state distrutte.

★★★★★

Il tour continua fino al 27 luglio petshopboys.co.uk