Mer. Lug 17th, 2024
Cosa vogliono i Verdi in cambio del sostegno di von der Leyen

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno. Come abbiamo spiegato ieri, la fazione parlamentare di estrema destra guidata dal premier italiano Giorgia Meloni si sta muovendo per dare il suo peso al dibattito sui posti di lavoro di vertice dell’UE. Ma per la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen c’è un’altra opzione: i Verdi.

Oggi, la leader dei Verdi racconta al nostro corrispondente parlamentare il suo prezzo per il sostegno, mentre Laura esamina l'oscuro passato a cui sono legati alcuni alleati della Meloni.

Buon fine settimana.

Il verde è il colore più caldo

I Verdi hanno offerto di abbandonare per la prima volta l’opposizione per garantire che l’UE non ceda il potere ai partiti di estrema destra, scrivere Andy Limiti E Alice Hancock.

Contesto: Ursula von der Leyen sta cercando un secondo mandato come presidente della Commissione europea, ma ha bisogno dell’approvazione del Parlamento europeo. I tre partiti centristi che la sostengono lo hanno appena fatto voti sufficienti.

Terry Reintke, co-leader dei Verdi, si dice pronta a sostenere la von der Leyen di centrodestra in cambio dell’impegno a portare avanti le politiche sul cambiamento climatico.

“Vogliamo far parte della maggioranza di governo filoeuropea”, ha detto al FT in un’intervista il giorno dopo essere stata rieletta, insieme al nuovo co-leader Bas Eickhout.

Ma i Verdi tedeschi hanno detto che il suo connazionale deve escludere di dare voce ai Conservatori e Riformisti europei di estrema destra, grande vincitore delle elezioni del mese scorso. “Siamo pronti a negoziare. Abbiamo bisogno di chiarezza da parte di Ursula von der Leyen, se verrà nominata, sul fatto che non ci sarà alcun accordo con l’ECR”, ha detto Reintke.

Manfred Weber, il leader del PPE di centrodestra di von der Leyen, sta conducendo colloqui con i Socialisti e Democratici e con il liberale Renew. Ha messo in dubbio la capacità dei Verdi di rimanere un blocco coeso e di sostenere politiche più severe in materia di migrazione e difesa.

“La leadership dei Verdi ha il sostegno dei membri”, ha detto Reintke. “Ci sono delegazioni nazionali nel PPE, nei Socialisti e in Renew che non hanno votato a favore della legislazione [their] sostenuto dalla leadership”.

I Verdi, con i loro 51 membri, potrebbero sostenere un aumento della spesa per la difesa, ha detto, ma si oppongono alla “militarizzazione dei confini”, preferendo creare più percorsi legali per entrare nell’UE.

Il gruppo si batterebbe anche per ottenere fondi europei per aiutare le persone a pagare per diventare più ecologici, come nuovi sistemi di riscaldamento elettrico e automobili. “Penso che abbiamo commesso degli errori” nell’attuazione del pacchetto climatico del Green Deal, ha ammesso.

Ma la promessa di attenersi all’obiettivo UE della neutralità climatica e di portarne avanti l’attuazione non è negoziabile, ha affermato Reintke. “Vogliamo un impegno scritto”

Chart du jour: avere tutto

I tassi di natalità nei paesi più ricchi del mondo si sono dimezzati dal 1960, ha rilevato l’OCSE. Si è inoltre riscontrato che ciò non è necessariamente dovuto al fatto che più donne lavorano.

Niente da vedere quì

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni sembra essersi vaccinato contro le critiche alla nostalgia fascista nelle fila del suo partito, scrivere Laura Dubois E Andy Limiti.

Contesto: il mezzo di informazione italiano Fanpage si è infiltrato in Gioventú Nazionale, il movimento giovanile di Fratelli d'Italia di estrema destra di Meloni, filmando i suoi sostenitori fare saluti fascisti e pianificare azioni filo-fasciste in tutta Roma.

Il video avrebbe dovuto costituire un grosso grattacapo per il premier, che cerca di dare un'immagine moderata a Bruxelles. Ma le piccole ondate iniziali sembrano essersi calmate e la Meloni non è mai stata costretta a reagire pubblicamente.

Eppure, il filmato mostra il suo stretto collaboratore a Bruxelles, l’eurodeputato Nicola Procaccini, mentre saluta un sostenitore alla maniera neofascista – con il cosiddetto saluto del gladiatore, quando due persone si afferrano a vicenda per il braccio inferiore.

Procaccini ce l'ha ha negato di salutare qualcuno in modo suggestivo, e ha minacciato di denunciare Iratxe García, leader dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, per diffamazione suggerendo il contrario.

“Il reportage mostra qualcosa che condanno assolutamente”, ha detto ieri Procaccini a Bruxelles, aggiungendo che è stata una “brutale menzogna” il fatto di aver fatto il saluto fascista. “Non so se il gladiatore [salute] è qualcosa di fascista, ma non credo”, ha aggiunto.

Le immagini mostrano i sostenitori della Meloni che alzano la mano nel saluto fascista, cantando “Sieg Heil” e il titolo di Benito Mussolini “Duce” più e più volte. “Siamo davvero fascisti”, dice una persona.

Luca Ciriani, ministro per i Rapporti con il Parlamento, ha detto mercoledì ai deputati che l'inchiesta è stata “costruita sulla base di immagini frammentate e decontestualizzate”.

Non è la prima volta che la base della Meloni espone simboli fascisti e il premier ha minimizzato questi episodi. Al festival di estrema destra di Atreju all’inizio di quest’anno, la Meloni ha definito “splendidi” i suoi sostenitori più giovani. “Ci sono ancora giovani che credono nella politica, nella militanza”, ha detto.

Nel frattempo, il mese scorso l'emittente pubblica Rai ha scioperato per protestare contro le interferenze editoriali, e un autore antifascista ha accusato Meloni di censura.

Cosa guardare oggi

  1. Ministri delle finanze dell'UE Incontrare nel Lussemburgo.

  2. Ministri della Sanità Ue Incontrare.

Ora leggi questi