Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’amministrazione Biden inserirà nella lista nera le istituzioni finanziarie straniere che sostengono il complesso industriale militare russo come parte degli sforzi di Washington per affamare la macchina da guerra di Mosca.

Un ordine esecutivo che verrà emesso venerdì consentirà agli Stati Uniti di imporre sanzioni alle istituzioni finanziarie che aiutano la Russia a garantire le attrezzature e gli altri beni di cui ha bisogno per continuare a combattere in Ucraina. Alle banche sotto sanzioni verrebbe negato l’accesso al sistema finanziario statunitense.

“Questo annuncio chiarisce che coloro che finanziano e facilitano le transazioni di beni che finiscono sul campo di battaglia dovranno affrontare gravi conseguenze”, ha scritto venerdì il vice segretario al Tesoro americano Wally Adeyemo in un editoriale del MagicTech.

Un alto funzionario statunitense ha affermato che la Russia ha speso “considerevole tempo e risorse” per indirizzare i propri servizi di intelligence alla ricerca di modi per eludere le sanzioni e i controlli sulle esportazioni. Ciò includeva l’utilizzo di intermediari finanziari “sia consapevoli che inconsapevoli” per aggirare le restrizioni e reperire componenti critici.

L’amministrazione Biden lavorerà con le banche statunitensi ed europee per informarle sulle nuove regole e per assicurarsi che comunichino con le loro banche corrispondenti su come evitare le nuove sanzioni – o rischiano di essere tagliate fuori dal sistema finanziario americano, ha detto l’alto funzionario. .

Esempi di articoli sensibili che le banche dovrebbero evitare di agevolare includono semiconduttori, macchine utensili, precursori chimici, cuscinetti a sfera e sistemi ottici, ha affermato il funzionario.

“Quello che stiamo cercando di fare è ricercare materiali che siano fondamentali per la capacità della Russia di costruire armi da guerra”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione americana.

“Per poter ottenere quei materiali, devono utilizzare il sistema finanziario, il che rende il sistema finanziario un potenziale punto di strozzatura e questo è uno strumento mirato a quel punto di strozzatura.”

Mentre molti istituti di credito occidentali si sono ritirati dalla Russia dall’inizio della guerra, altri sono rimasti, generando profitti smisurati man mano che hanno guadagnato quote di mercato.

L’austriaca Raiffeisen Bank International, l’istituto occidentale con le maggiori operazioni, quest’anno ha generato più della metà dei suoi utili da attività in Russia.

La banca insiste di avere le mani legate a causa della legislazione del Cremlino che intrappola i profitti in Russia e richiede il permesso del presidente Vladimir Putin per qualsiasi vendita di asset. Il Tesoro americano ha chiesto alla banca di rivelare tutti i dettagli di tutte le sue attività di prestito in Russia all’inizio di quest’anno.

Altri istituti di credito che hanno ancora alcune operazioni in Russia includono UniCredit in Italia e OTP Banca d’Ungheria. Ma mentre i gruppi occidentali hanno frenato la loro esposizione alla Russia, altri finanziatori internazionali sono intervenuti.

La Cina è emersa come una fonte di finanziamento particolarmente importante per le imprese russe. La minaccia di Washington di escludere dal mercato statunitense i finanziatori inadempienti potrebbe avere significative implicazioni diplomatiche con Pechino.

La Industrial and Commercial Bank of China, la Bank of China, la China Construction Bank e la Agricultural Bank of China hanno iniziato ad aumentare significativamente le loro attività in Russia.

La decisione di prendere di mira le banche fa parte di una più ampia spinta da parte degli Stati Uniti e di altri paesi per trovare fondi alternativi per l’Ucraina, inclusa una possibile mossa da parte del G7 per sequestrare parte dei 300 miliardi di dollari di asset sovrani russi congelati per finanziare Kiev.

Il nuovo ordine arriva anche mentre i repubblicani al Congresso continuano a contrastare gli sforzi dell’amministrazione Biden per fornire finanziamenti statunitensi a Kiev, dopo quasi due anni di combattimenti da quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Le forze ucraine si stanno preparando per una lunga guerra di logoramento con la Russia il prossimo anno, dopo una fallita controffensiva estiva. La Russia ha incrementato la propria produzione militare e l’Ucraina dovrà attingere maggiormente alle proprie risorse per mantenere le proprie linee l’anno prossimo, dicono gli analisti.

“Il nostro obiettivo generale qui è quello di mettere sabbia negli ingranaggi della catena di approvvigionamento russa, che riteniamo sia uno dei modi più efficaci per rallentare la Russia”, ha affermato l’alto funzionario dell’amministrazione.

“Ma affinché gli ucraini possano accelerare francamente e andare più veloci, hanno bisogno del nostro sostegno e questo richiederà l’azione del Congresso”.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno anche lavorando per rafforzare l’applicazione del tetto massimo sui prezzi sulle esportazioni di petrolio russo imposto dai paesi del G7 lo scorso anno.