Ven. Mag 24th, 2024
I ribelli leader regionali si oppongono alla road map verso l’adesione all’UE

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Lo scorso agosto, Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, che raggruppa i leader nazionali dell’Ue, disse il blocco dovrebbe essere pronto ad espandersi verso est entro il 2030. Anche allora sembrava ottimista. José Manuel Barroso, che ha guidato la Commissione europea dal 2004 al 2014, ha definito la proposta di Michel “ambiziosa” – un eufemismo per troppo ambizioso.

Gli avvenimenti successivi in ​​diversi paesi candidati, in particolare Serbia, Macedonia del Nord, Bosnia-Erzegovina e Georgia, avvalorano la valutazione di Barroso. Essi dimostrano che gli ostacoli all’allargamento vanno oltre la sfida di ridisegnare le istituzioni e gli accordi finanziari dell’UE per renderlo possibile. Lungi dal soddisfare i criteri di adesione, alcuni stati mostrano tendenze politiche che puntano nella direzione opposta.

Nei Balcani la coda per l’ingresso comprende Albania, Bosnia, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Serbia. Anche la Georgia, la Moldavia e l’Ucraina sono candidate Tacchino – almeno in teoria. L’UE ritiene giustamente che le minacce alla sicurezza europea, racchiuse nell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, rendano l’allargamento desiderabile e persino necessario.

Tuttavia, non è previsto alcun biglietto gratuito per l'ingresso nel club. I candidati devono soddisfare determinati standard in materia di democrazia, stato di diritto e allineamento con la politica estera dell’UE, per non parlare di un’economia di libero mercato. Ciò vale anche se l’UE persegue la sua utile idea di concedere alcuni vantaggi dell’adesione agli Stati prima che diventino membri a pieno titolo con diritto di voto.

La Serbia fornisce un esempio di un paese che sceglie deliberatamente di non soddisfare i criteri dell'UE. La settimana scorsa ha ospitato il leader cinese Xi Jinping e concordato perseguire un “futuro condiviso” con Pechino. Ancor prima dell’arrivo di Xi a Belgrado, il presidente Aleksandar Vučić ha nominato un nuovo governo che comprende due ministri, tra cui un ex capo della sicurezza statale, sanzionati dagli Stati Uniti per la loro vicinanza alla Russia.

Le azioni di Vučić non sono un'aberrazione che verrà corretta l’opposizione democratica in difficoltà o dalla società serba. Il sostegno pubblico all’ingresso nell’UE è, infatti, più basso in Serbia che in qualsiasi stato candidato dei Balcani. Nel corteggiare Russia e Cina, pur sembrando favorevole all’ingresso nell’UE, Vučić esemplifica la tradizione di mettere una potenza straniera contro un’altra che risale alla lotta per l’indipendenza della Serbia del XIX secolo e che ha trovato espressione anche nella politica di non allineamento di Josip Broz Tito per Jugoslavia comunista.

Nella Macedonia del Nord, le vittorie delle forze nazionaliste di destra nelle elezioni presidenziali e parlamentari della scorsa settimana hanno ostacolato le prospettive europee del paese. Una delle condizioni per l'ingresso è che la Macedonia del Nord soddisfi le diverse richieste della Bulgaria, suo vicino e membro dell'UE dal 2007, relative alla lingua, all'identità nazionale e alla storia. I nuovi governanti della Macedonia del Nord si oppongono a queste concessioni e, per buona misura, lo sono offendere la Grecia.

La rivalità dei partiti bosniaci su base etnica ha paralizzato le istituzioni statali, tanto che l'adesione all'UE non è quasi più vicina di quanto lo fosse durante la guerra del 1992-95. Poco cambierà finché Milorad Dodik, il leader serbo-bosniaco, flirterà con la secessione e minimizza il massacro del 1995 di uomini e ragazzi bosniaci musulmani a Srebrenica.

Bidzina Ivanishvili, il leader forte della Georgia, si è mosso in una direzione decisamente antidemocratica. Ciò comporta una legge in stile russo sugli “agenti stranieri”, approvata martedì nonostante le proteste di massa di piazza modifiche al codice fiscale della Georgia che sfidano le regole dell’UE.

L’allargamento è in difficoltà anche perché la regione è esposta alle ingerenze russe e cinesi. Ma un’altra ragione è che alcuni paesi sono nella morsa di forze profondamente radicate che sospettano dell’adesione all’UE o dei passi necessari per l’adesione. I valori democratici dell’UE e le offerte di aiuti economici potrebbero non essere sufficienti a superarli.

[email protected]