Sab. Feb 24th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il principale regolatore finanziario del Regno Unito ha promesso di “intervenire” se le piattaforme di investimento e pensione continuano ingiustamente a trattenere il pagamento degli interessi sui saldi di cassa dei propri clienti o ad addebitare commissioni eccessive per la loro gestione.

La Financial Conduct Authority, che ha avviato un’indagine a luglio, ha affermato che l’importo degli interessi che queste società avevano guadagnato dai saldi di cassa dei clienti era “aumentato sostanzialmente” negli ultimi 18-24 mesi quando la Banca d’Inghilterra aveva aumentato il tasso base.

Un sondaggio condotto su 42 piattaforme di investimento e fornitori di servizi pensionistici con autoinvestimento ha rilevato che la “maggioranza” aveva trattenuto “parte” degli interessi guadagnati su questi saldi e che questa pratica potrebbe essere sia ingiusta che mal comunicata, Sheldon Mills, direttore esecutivo per i consumatori della FCA e concorrenza, ha scritto in una lettera di avvertimento all’industria.

Ha aggiunto che le società coinvolte nel sondaggio hanno “guadagnato complessivamente 74,3 milioni di sterline di entrate da questa pratica” solo nel mese di giugno.

L’autorità di regolamentazione ha inoltre criticato alcune aziende per il “double dipping”, ovvero per il mantenimento di parte del margine di interesse e l’addebito di commissioni di custodia ai clienti, in quanto potenziale violazione delle nuove norme sul diritto dei consumatori.

La FCA ha fissato una scadenza al 29 febbraio affinché le aziende garantissero che i loro processi fossero equi. “Se non riescono a sostenere tale causa, devono apportare modifiche”, ha detto Mills, aggiungendo: “Se non lo fanno, interverremo”.

Le azioni di AJ Bell e Hargreaves Lansdown, due delle più grandi piattaforme di investimento del Regno Unito che hanno riportato significativi incrementi dei ricavi trattenendo parte degli interessi guadagnati sulla liquidità dei clienti, sono scese entrambe dell’8% nelle contrattazioni della tarda mattinata di martedì a Londra.

La FCA, che a luglio ha avviato l’indagine sulle piattaforme di investimento al dettaglio, le ha avvertite in ottobre che la pratica di trattenere parte degli interessi sul contante dei clienti potrebbe violare l’obbligo del “valore equo” previsto dalle norme sul dazio dei consumatori, entrate in vigore all’inizio di quest’anno. anno.

Dall’indagine è emerso che quasi tre quarti delle 42 società esaminate trattenevano in media la metà degli interessi maturati sui contanti dei propri clienti. Hanno inoltre scoperto che oltre il 60% dei gruppi che hanno mantenuto l’interesse hanno addebitato anche una commissione sulla piattaforma.

Ha inoltre affermato che laddove i gruppi hanno mantenuto parte del margine di interesse, “questo non è stato divulgato in modo da facilitare la comprensione del consumatore. . .[and]potrebbe causare un danno prevedibile ai clienti”.

Hargreaves Lansdown e AJ Bell hanno entrambi confermato di aver ricevuto la lettera, ma hanno rifiutato di commentare ulteriormente.