Mar. Lug 16th, 2024
La posta in gioco è alta nella scommessa di Macron

Bentornato. Lo scorso fine settimana il presidente Emmanuel Macron ha lanciato una bomba politica quando ha ordinato elezioni anticipate per l’Assemblea nazionale, nonostante il rischio reale che queste portino al potere l’estrema destra.

La scommessa ad alto rischio di Macron ha completamente oscurato i risultati delle elezioni del Parlamento europeo, che hanno prodotto – come previsto – un’assemblea più conservatrice, con una maggioranza di centro-destra per la prima volta. Puoi contattarmi a [email protected]

Dedichiamo questa e le successive quattro edizioni del sabato di Europe Express alla politica francese, dato l’enorme impatto potenziale sul Paese e sull’UE. Puoi anche leggerlo in francese Qui.

Un momento di chiarimento

La Francia soffre di febbre politica, ha detto Macron, lamentando il fatto che la metà degli elettori francesi hanno sostenuto partiti di estrema destra o di estrema sinistra nel ballottaggio europeo, più di tre volte di più della sua alleanza centrista. Le elezioni legislative anticipate tra due settimane, ha detto, saranno un “momento di chiarimento”.

Macron spera di scuotere gli elettori francesi dal loro febbrile compiacimento. Si sono rifiutati di votare per l’estrema destra, in tre elezioni presidenziali in cui Marine Le Pen e suo padre Jean-Marie Le Pen sono riusciti a passare al secondo turno. Ma questa volta sembra diverso.

Il Rassemblement National di Marine Le Pen è già il più grande partito di opposizione in parlamento, con 88 seggi. Ha un vero slancio e un astuto candidato a primo ministro in Jordan Bardella, il 28enne capo del partito e re di TikTok, di cui presentiamo il profilo qui.

L'appello della RN va ben oltre le preoccupazioni sull'immigrazione e sulla razza e il partito attinge a sentimenti diffusi di “declino sociale”, spiega in questo articolo Luc Rouban, uno dei migliori esperti francesi di estrema destra a Sciences Po. colloquio con Le Monde.

Ciò che colpisce dei risultati europei è che RN travolse il paese, primo nel 93 per cento dei comuni o circoscrizioni locali. Perfino la Bretagna e altre zone del nord-ovest che in precedenza erano state impermeabili all’ascesa del partito, ora hanno ceduto.

Analisti politici e commentatori hanno analizzato i numeri questa settimana e i loro risultati sono desolanti per Macron, anche se si tiene conto del fatto che l’affluenza e la posta in gioco saranno più alte nel voto dell’Assemblea nazionale che in quello europeo.

Guillaume Tabard su Le Figaro, quotidiano conservatore, ne ha prodotto alcuni modellazione sulla base dei risultati europei. Ha apportato modifiche per le elezioni legislative quando i candidati che ottengono il sostegno di oltre il 12,5% degli elettori registrati al primo turno vanno al ballottaggio.

I calcoli sono sorprendenti. Il blocco di estrema destra (RN e il piccolo Reconquête) è in testa con 362 seggi. La sinistra, che ha formato un “fronte popolare” che comprende radicali anticapitalisti e socialdemocratici, è in vantaggio nel 211. Il blocco centrista di Macron è avanti solo in tre (tutti seggi per i francesi all’estero) e il centro-destra in uno, il ricco 16° arrondissement di Parigi.

Il secondo turno si ridurrebbe a una lotta tra due schieramenti: sinistra e estrema destra si darebbero battaglia per 536 seggi; Secondo Tabard, l’alleanza di Macron arriverebbe al ballottaggio in soli 41 voti, e LR in tre.

Come Thomas Legrand notato secondo Libération, giornale di sinistra, le elezioni potrebbero portare alla “schiacciatura del macronismo”, costruito sulla presunta dépassement o la ridondanza della vecchia divisione politica sinistra-destra.

I dubbi riferiti nello stesso campo di Macron riguardo alla sua mossa sono meglio illustrati dalle facce cupe in tutto questo foto di una riunione di governo del 9 giugno, diffusa (in modo un po' inspiegabile) dall'Eliseo.

Le ansie all’interno dell’alleanza centrista di Macron crescono di fronte alla crescente minaccia della RN © Soazig de la Moissonnière / Présidence de la République

Macron ha giustificato la sua decisione di scioglimento affermando che la Francia aveva bisogno di un governo funzionante mentre la sua alleanza centrista non è stata in grado di formare una maggioranza per due anni. Le elezioni sono un passo logico.

Su questo tema il presidente ha dalla parte del pubblico: il 66% degli intervistati questo sondaggio ritorno alle urne (con il sostegno della maggioranza di ogni appartenenza politica).

Dato che Macron comprende le probabilità di una vittoria del RN, si può solo concludere che ci vede qualche vantaggio, altrimenti perché correre il rischio? Come ha scritto Sylvie Kauffmann sul FT, questa è una scommessa più grande di quelle fatte prima e potrebbe peggiorare ulteriormente il caos politico della Francia. Alcuni osservatori considerano la sua scommessa una mossa intelligente, un modo per dare ai francesi un assaggio dell'estrema destra al potere in modo da scoraggiarli dall'ordinare la portata principale più tardi votando Le Pen per l'onnipotente presidenza nel 2027. .

Olivier Blanchard, ex capo economista del FMI, ha affermato che le elezioni anticipate sono state la mossa giusta. Lui mi ha detto:

“Senza lo scioglimento, la RN avrebbe continuato ad essere sempre più popolare, il presidente non avrebbe potuto fare molto e la RN avrebbe probabilmente vinto le elezioni, la presidenza e il primo ministro. In questo modo, se la RN ottiene la maggioranza, potrebbe avere un primo ministro per tre anni, ma con Macron ancora presidente, il che riduce notevolmente le sue possibilità di fare. E se fanno un pasticcio, la probabilità che vincano le prossime elezioni è molto minore”.

Zaki Laïdi, professore a Sciences Po, ha scritto per Project Syndicate:

“Gravato dalle effettive responsabilità di governo, il partito non potrà più godere dei benefici della verginità politica. Macron vuole fare alla RN quello che François Mitterrand fece alla destra nel 1986 [Mitterrand prevented the right from winning an absolutely majority by introducing an element of proportional representation]. Se la candidatura di Le Pen alla presidenza nel 2027 fallisse, Macron potrebbe lasciare il potere senza rimpianti, sostenendo di aver reso un servizio alla Francia. Se fallisce, la sua eredità già danneggiata subirà un altro duro colpo”.

Altri, come Mujtaba Rahman dell’Eurasia Group, lo hanno fatto contrastato che è compiacente nel presupporre che un governo della Marina militare farebbe danni sufficienti solo per danneggiare fatalmente la sua reputazione. Supponendo che abbiano una maggioranza parlamentare, i cosiddetti governi di “coabitazione” hanno ampio margine di manovra per perseguire i loro programmi, come sottolineiamo in questa spiegazione.

È anche possibile che un governo RN possa sorprendere le persone con un approccio pragmatico e responsabile al governo – come quello italiano di Giorgia Meloni. Gli esponenti di spicco del partito RN rifiutano il percorso moderato della Meloni, come abbiamo riportato in questa grande lettura. Ma Bardella, che alcuni considerano più aperto alla via della Meloni rispetto a Le Pen, questa settimana ha inviato un segnale. Alla domanda se il governo della Marina Militare manterrà la sua promessa di invertire l'aumento previsto dell'età pensionabile (costo una bella cifra di 26,5 miliardi di euro l’anno, secondo il think tank dell’Institut Montaigne), Bardella ha risposto: “Vedremo”.

Diversi commentatori anglofoni hanno tracciato un parallelo tra il sondaggio istantaneo di Macron e il referendum sulla Brexit di David Cameron nel 2016 nel Regno Unito: entrambe scommesse politiche colossali con enormi conseguenze per i loro paesi e per l’UE.

Gli storici discuteranno per anni sui meriti della scommessa ad alta posta di Macron. Puoi dire la tua qui ora, votando nel nostro sondaggio (risultati la prossima settimana).

Progetto Travatura

Mentre la campagna prende slancio, gli alleati di Macron si rivolgono oltremanica per un altro episodio del recente passato poco glorioso della Gran Bretagna per sostenere la loro causa: il disastroso premiership di Liz Truss in cui ha affrontato i mercati con massicci tagli fiscali non finanziati, e ha perso .

Il ministro delle Finanze Bruno Le Maire ha messo in guardia da uno “scenario stile Truss” poiché questa settimana i mercati finanziari hanno digerito la possibilità di decine di miliardi di prestiti aggiuntivi con l’estrema destra al potere e hanno svenduto i titoli del Tesoro francese. La società di consulenza Asterès ha sottolineato che gli impegni di spesa di RN per le elezioni del 2022 (da allora non vi è stato alcun aggiornamento del programma) ammontano a circa il doppio del costo dei tagli fiscali non finanziati di Truss, secondo una stima dei costi dell'Institut Montaigne di due anni fa.

Nelle prossime settimane sentirete molto di più in francese sul primo ministro britannico con il mandato più breve.

Maggiori informazioni su questo argomento

Una delle sotto-storie politiche francesi più avvincenti della settimana è stata l’implosione del partito di centrodestra Les Républicains. Raphaëlle Bacque su Le Monde racconta come Eric Ciotti, espulso dalla carica di leader del partito questa settimana, ha escogitato un piano con il miliardario magnate dei media Vincent Bolloré per stringere un patto con l'estrema destra.

La scelta di Ben della settimana

Janan Ganesh sostiene con forza la fine del cordone sanitario contro la destra radicale in Europa, affermando che la migliore speranza contro il populismo è esporlo al governo.