Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’economia dell’Eurozona sembra destinata a subire un’altra flessione nel quarto trimestre, mentre si prevede che la recente ripresa dell’inflazione persisterà nei prossimi mesi, ha avvertito il vicepresidente della Banca Centrale Europea.

In commenti volti a smorzare le aspettative del mercato di un taglio dei tassi di interesse a marzo, ha detto Luis de Guindos un discorso mercoledì a Madrid che il rapido ritmo di disinflazione osservato lo scorso anno probabilmente “rallenterà nel 2024 e si fermerà temporaneamente all’inizio dell’anno” dopo che la crescita dei prezzi è aumentata dal 2,4% di novembre al 2,9% di dicembre.

Ha aggiunto che gli indicatori deboli indicavano una contrazione economica a dicembre. Ciò confermerebbe “la possibilità di una recessione tecnica nella seconda metà del 2023 e deboli prospettive per il breve termine”, ha affermato.

I suoi commenti sottolineano come la BCE si trovi di fronte a una decisione imbarazzante quando si riunirà il 25 gennaio su quanto presto iniziare a tagliare i tassi quando le prospettive economiche sono deboli e l’inflazione rimane al di sopra dell’obiettivo della BCE del 2%. Mentre molti economisti e investitori prevedono che l’inflazione dell’Eurozona raggiungerà tale obiettivo quest’anno, la banca centrale non lo prevede fino al terzo trimestre del 2025.

De Guindos non ha detto cosa significherebbe una probabile recessione per la politica monetaria, attenendosi alla linea spesso ripetuta della BCE secondo cui “le decisioni future continueranno a seguire un approccio dipendente dai dati per determinare il livello appropriato e la durata delle restrizioni”.

Grafico lineare dell'indice armonizzato dei prezzi al consumo (variazione percentuale annua) che mostra il calo dell'inflazione dell'Eurozona si è arrestato a dicembre

Carsten Brzeski, economista della banca olandese ING, ha affermato che i commenti del banchiere centrale sulla ripresa dell’inflazione hanno ridotto la probabilità di un taglio dei tassi da parte della BCE nel primo trimestre. “Se si uniscono i punti, si tratta di un altro argomento contro le aspettative di taglio dei tassi di marzo”, ha affermato.

De Guindos ha affermato di aspettarsi che l’inflazione nell’eurozona segua un percorso simile a quello della Spagna, dove è scesa sotto il 2% nel giugno 2023 prima di salire sopra il 3% negli ultimi quattro mesi dello scorso anno quando il governo ha gradualmente eliminato i sussidi energetici.

“Si verificheranno effetti di base energetici positivi e le misure compensative legate all’energia sono destinate a scadere, portando a una ripresa transitoria dell’inflazione”, ha affermato.

L’economia della zona euro è rimasta stagnante per gran parte dello scorso anno e si è ridotta dello 0,1% nei tre mesi fino a settembre rispetto al trimestre precedente.

Si prevede una lieve ripresa quest’anno grazie alla minore inflazione e all’aumento dei salari. Il mese scorso la BCE aveva previsto che la crescita dell’Eurozona avrebbe accelerato dallo 0,1% nel quarto trimestre del 2023 allo 0,4% nel terzo trimestre di quest’anno.

Ma De Guindos mette in dubbio questo aspetto affermando che la crescita è stata “deludente” e che “il rallentamento dell’attività sembra essere generalizzato, con l’edilizia e l’industria manifatturiera particolarmente colpite”. Ha aggiunto: “Anche i servizi sono destinati a indebolirsi nei prossimi mesi a causa dell’attività più debole nel resto dell’economia”.

Le sue prospettive cupe derivano in gran parte da un sondaggio attentamente monitorato tra i responsabili degli acquisti dell’Eurozona che ha evidenziato un continuo declino dell’attività commerciale alla fine dello scorso anno. L’indice S&P Global PMI era rivisto la scorsa settimana, ma ciò lo ha lasciato invariato a 47,6, rimanendo ben al di sotto della soglia di 50 che separa la contrazione dall’espansione.

Il mese scorso la BCE ha respinto le aspettative degli investitori di imminenti tagli dei tassi il mese scorso, affermando di voler vedere segnali di raffreddamento delle pressioni salariali per essere sicuri che l’inflazione continuasse a scendere.

De Guindos ha affermato che il mercato del lavoro dell’Eurozona “continua ad essere particolarmente resistente all’attuale rallentamento” dopo che la disoccupazione nel blocco è tornata al minimo storico del 6,4% a novembre.

Ma ha aggiunto che ci sono stati “i primi segnali di correzione” nel mercato del lavoro dopo che il totale delle ore lavorate è leggermente diminuito nel terzo trimestre e i posti di lavoro vacanti hanno continuato a diminuire.