Gio. Giu 13th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’inflazione dell’Eurozona continua a scendere?

Gli investitori alla ricerca di ragioni per ritenere che le banche centrali inizieranno a tagliare i tassi di interesse prima o poi potrebbero essere incoraggiati da un ulteriore calo dell’inflazione dell’Eurozona quando giovedì verranno pubblicati gli ultimi dati sui prezzi.

Secondo le previsioni degli economisti compilate da LSEG, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo nei 20 paesi che condividono l’euro dovrebbe scendere dal 2,9% di ottobre al 2,8% di novembre.

“Ci aspettiamo che il calo dell’inflazione core sia il principale motore del calo generale, con la probabile inflazione sia dei beni che dei servizi [to be] più basso”, ha affermato l’economista dell’UBS Anna Titareva, prevedendo che il tasso di base, esclusi energia e cibo, scenderebbe dal 4,2% al 3,7%.

Il previsto calo dell’inflazione complessiva la avvicinerebbe all’obiettivo del 2% della Banca Centrale Europea. Ciò potrebbe generare maggiore entusiasmo su quanto presto inizieranno i tagli dei tassi. La BCE ha smesso di aumentare i tassi solo il mese scorso e gli investitori scommettono che potrebbe iniziare a tagliare già ad aprile.

Tuttavia, la presidente della BCE Christine Lagarde ha affermato la settimana scorsa che era ancora troppo presto per “iniziare a dichiarare vittoria” nella spinta a domare l’inflazione, avvertendo che la crescita dei prezzi sarebbe destinata a riaccelerare “nei prossimi mesi” man mano che le recenti forze disinflazionistiche inizieranno a svanire.

Lagarde ha affermato che i decisori della BCE hanno bisogno di avere più prove che la crescita dei salari sia in fase di stallo prima di essere sicuri che l’inflazione sia sulla buona strada per scendere al suo obiettivo. Questa cautela sarà stata solo rafforzata dai dati sui salari negoziati pubblicati dalla BCE la scorsa settimana, che mostrano un’accelerazione dal 4,4% nel secondo trimestre al 4,7% nel terzo trimestre. Martin Arnold

L’indicatore dell’inflazione della Fed mostrerà un contesto di prezzi più agevolato?

Giovedì verranno pubblicati i dati principali sulla spesa per consumi personali degli Stati Uniti, incluso l’indicatore di inflazione preferito dalla Federal Reserve, noto come Core PCE.

Le pressioni sui prezzi si sono allentate più del previsto in ottobre, ma il tono attento dei verbali della riunione della Federal Reserve della scorsa settimana ha segnalato che i funzionari non sono ancora convinti che l’inflazione sia chiaramente sulla buona strada per tornare all’obiettivo del 2% della Fed.

Secondo gli economisti intervistati da Reuters, per ottobre il PCE core, che esclude energia e cibo, dovrebbe essere aumentato dello 0,2% rispetto a settembre, in calo rispetto allo 0,3%. Su base annua, a settembre l’indicatore è aumentato del 3,7%. Ciò corrispondeva alla proiezione di fine anno fatta dai membri del comitato della Fed quel mese. Nell’ultima riunione della Fed, tuttavia, gli esperti avevano previsto un tasso del 3,5% per dicembre.

Diversi strateghi hanno messo in guardia dal presumere un costante allentamento dell’inflazione da questo punto in poi.

“Anche se ogni dato più debole sull’inflazione aumenta la possibilità che l’inflazione possa tornare in modo convincente al 2% nei prossimi mesi senza un rallentamento economico più profondo, non lo riteniamo così probabile”, hanno scritto gli economisti di Citigroup. “L’inflazione core. . . appare ancora più volatile del solito di mese in mese, con un ritmo medio più elevato del 3-4%”. Jennifer Hughes

Il settore manifatturiero cinese è in una nuova fase di recessione?

I dati pubblicati giovedì suggeriranno l’efficacia dei recenti tentativi dei politici di stimolare l’economia balbettante della Cina.

L’attività industriale della seconda economia mondiale è aumentata a settembre per la prima volta in quasi sei mesi, ma si è contratta inaspettatamente in ottobre. L’indice dei responsabili degli acquisti manifatturieri di novembre contribuirà in qualche modo a rispondere se il mese scorso si è trattato di un rallentamento o dell’inizio di una nuova recessione.

Il PMI non manifatturiero lo scorso mese si è attestato a 50,6, segnando un leggero aumento dell’attività. Ma questo è stato il tasso di espansione più lento finora quest’anno, con gli economisti che avevano previsto un valore di 52.

“La maggior parte dei primi indicatori [of manufacturing activity] indicano uno slancio contenuto”, ha affermato Julian Evans-Pritchard, responsabile dell’economia cinese presso Capital Economics.

Ha aggiunto che l’attività edilizia, che contribuisce al PMI non manifatturiero, “probabilmente è diminuita” a novembre e che anche i nuovi cantieri edili “quasi certamente sono diminuiti”, compensando qualsiasi accelerazione nella costruzione di infrastrutture.

I politici cinesi hanno tentato per mesi “e in gran parte fallendo” di stabilizzare il mercato immobiliare in difficoltà del paese, ha affermato Evans-Pritchard. I requisiti di acconto e i controlli sugli acquisti sono stati allentati in diverse grandi città a settembre e continua ad essere offerto ulteriore supporto. Ma finora le misure “non sono riuscite a porre un limite al volume delle vendite di nuove case”.

La ripresa stop-start della Cina da quando ha abbandonato i rigidi controlli sul coronavirus quest’anno ha pesato sui mercati azionari nazionali, con gli investitori globali che hanno ormai ritirato circa tre quarti del denaro investito durante i primi sette mesi del 2023.

Eppure ci sono segnali di miglioramento anche altrove. L’attività industriale e dei consumi in Cina è cresciuta più rapidamente del previsto in ottobre, e gli analisti di Barclays hanno affermato che questo mese sono diventati “più costruttivi” sulla crescita nel 2024 grazie in parte a “qualche miglioramento” nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti e ai funzionari che sono rimasti fedeli alle loro posizioni. Obiettivo del 5% per il prodotto interno lordo annuo. George Steer