L’UE sta preparando misure di emergenza per frenare l’impennata dei prezzi dell’elettricità, poiché il costo dell’energia batte record in tutto il continente e le utility si rivolgono allo stato per un sostegno di emergenza.

Mentre i funzionari dell’UE lavorano per alleviare la pressione, Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha affermato che l’impennata dei prezzi dell’elettricità “smaschera i limiti del nostro attuale design del mercato elettrico”.

In un discorso in Slovenia lunedì, von der Leyen ha aggiunto che la commissione stava lavorando su “interventi di emergenza” e riforme strutturali del mercato elettrico.

“Abbiamo bisogno di un nuovo modello di mercato per l’elettricità che funzioni davvero”, ha affermato.

Con l’aumento dell’inflazione e l’aumento della minaccia di recessione, cresce la pressione nelle capitali dell’UE affinché il blocco riformi il mercato energetico interrompendo il legame tra elettricità e prezzi del gas alle stelle.

Il prezzo di riferimento dell’elettricità in Europa è aumentato di 10 volte la media decennale, in linea con un aumento di 14 volte del costo del gas, tra i timori di carenze questo inverno.

L’amministratore delegato della Shell ha avvertito lunedì che la crisi energetica durerà più di un inverno e che il prezzo dell’energia elettrica tedesca per il prossimo anno ha raggiunto per la prima volta per breve tempo più di 1.000 euro al MWh.

L’impennata dei prezzi ha esercitato pressioni sui servizi pubblici anche se le compagnie petrolifere e del gas registrano profitti record. Uniper, una delle maggiori utility tedesche, ha dichiarato lunedì di aver chiesto un aumento di 4 miliardi di euro a una linea di credito di 9 miliardi di euro esistente dalla banca statale tedesca KfW per garantire la sua liquidità a breve termine.

Wien Energie, la più grande compagnia energetica austriaca, ha affermato che i prezzi all’ingrosso del gas e dell’elettricità stanno aumentando così rapidamente che ha difficoltà a finanziare le sue operazioni, aggiungendo che ora è in discussione con il governo del paese.

Il ministro dell’industria ceco Jozef Sikela ha dichiarato di aspettarsi una bozza di proposte in tempo per un consiglio energetico dell’UE di emergenza la prossima settimana. “Dobbiamo separare i prezzi dell’elettricità dai prezzi del gas”, ha affermato, aggiungendo che l’UE potrebbe limitare il prezzo del gas utilizzato per la produzione di elettricità.

Lo ha fatto anche il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck nei giorni scorsi ha sostenuto l’idea di una “riforma fondamentale” per disaccoppiare i due mercati.

I costi dell’elettricità all’ingrosso riflettono il prezzo dell’ultima unità di energia acquistata tramite aste tenute negli Stati membri. Al momento, ciò riflette il prezzo del gas naturale piuttosto che l’energia rinnovabile più economica.

I prezzi del gas sono aumentati vertiginosamente dall’inizio della guerra in Ucraina e potrebbero aumentare ulteriormente poiché la Russia minaccia di limitare ulteriormente le forniture al blocco. I leader dell’UE, tra cui l’italiano Mario Draghi e lo spagnolo Pedro Sánchez, hanno spinto Bruxelles a considerare modi per limitare i prezzi.

Anche l’Austria, che tradizionalmente ha perseguito un’agenda fiscalmente conservatrice a Bruxelles, si è schierata con gli interventisti. In una dichiarazione lunedì, il cancelliere del paese Karl Nehammer ha affermato che farà pressioni sui colleghi leader dell’UE affinché venga imposto un tetto ai prezzi il prima possibile.

Il cancelliere, leader del Partito popolare conservatore austriaco, ha affermato di aver già discusso con il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro ceco Petr Fiala sui meccanismi per far rispettare un tetto massimo di prezzo dell’energia.

“[Russian president Vladimir Putin] non deve essere consentito decidere il prezzo dell’elettricità in Europa ogni giorno”, ha affermato Nehammer, avvertendo che era necessaria un’azione urgente per “salvare l’economia europea”.

In Belgio, il ministro dell’Energia Tinne Van der Straeten ha dichiarato domenica su Twitter che il mercato energetico europeo “sta fallendo e ha urgente bisogno di riforme”, sottolineando che l’elettricità veniva venduta a prezzi record anche quando poteva essere prodotta a buon mercato come l’anno scorso.

Bruxelles è stata diffidente nel distruggere l’attuale sistema dei prezzi di mercato, dato che fornisce la base per futuri investimenti nelle energie rinnovabili e in altre infrastrutture elettriche.

Tuttavia, a giugno von der Leyen ha accennato al fatto che la commissione avrebbe dovuto riconsiderare il sistema, sottolineando che il design del mercato aveva 20 anni e potrebbe non essere adatto alle circostanze odierne.

Ha detto ai giornalisti all’epoca in cui stava lavorando a “progetti di mercato alternativi che potrebbero potenzialmente includere il disaccoppiamento del gas dalla formazione del prezzo di mercato”.

L’Agenzia per la cooperazione tra le autorità di regolamentazione dell’energia ha messo in guardia contro le riforme fondamentali del funzionamento del mercato elettrico, ma ad aprile ha affermato che potrebbe esserci una “valvola di sfiato temporanea” per limitare automaticamente i prezzi quando i prezzi dell’elettricità sono improvvisamente aumentati drasticamente.