Mar. Mag 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Giovedì il ministro della sanità scozzese è stato costretto a dimettersi dopo aver ammesso che i suoi figli avevano contribuito a far lievitare una bolletta di 11.000 sterline in roaming guardando il calcio sul suo tablet di lavoro durante una settimana di vacanza in famiglia lo scorso inverno.

L’ammissione di Michael Matheson giovedì è arrivata dopo precedenti smentite secondo cui il suo dispositivo ufficiale era stato utilizzato per attività non lavorative mentre era in vacanza in Marocco.

La controversia minaccia di far deragliare i tentativi del primo ministro Humza Yousaf di stabilizzare il suo partito nazionale scozzese, colpito dallo scandalo, che è stato scosso da un’indagine della polizia sulle sue finanze.

Il partito laburista scozzese ha affermato che è “insondabile” che Matheson possa mantenere il suo lavoro.

Il ministro della Sanità, nominato alla carica dopo che Yousaf ha sostituito Nicola Sturgeon come primo ministro a marzo, è stato sottoposto a forti pressioni da quando è emerso la scorsa settimana che le tariffe di roaming di 11.000 sterline sostenute in Marocco sono state addebitate ai contribuenti.

Inizialmente, aveva accettato di pagare 3.000 sterline del conto dal suo budget spese, mentre il parlamento scozzese avrebbe pagato il resto dopo aver accettato che l’iPad fosse stato utilizzato per scopi lavorativi.

Giovedì Matheson ha dichiarato al parlamento di essere stato informato la settimana scorsa che alcuni membri della sua famiglia avevano utilizzato i dati dell’iPad mentre erano in vacanza e di aver rimborsato integralmente la somma versata.

“Nella mia dichiarazione rilasciata venerdì scorso, non ho fatto alcun riferimento all’uso dei dati da parte della mia famiglia”, ha aggiunto, dicendo che voleva proteggerli.

Aveva anche negato, quando interrogato dai giornalisti questa settimana, che l’ingente conto fosse stato sostenuto per uso personale.

“Come genitore, volevo proteggerli dall’essere parte del controllo politico e dei media associato a questo, qualcosa che credo che ogni genitore vorrebbe fare. . . È stato un errore e mi dispiace”, ha detto giovedì agli MSP.

Yousaf, che ha lottato per stabilizzare il partito indipendentista SNP dopo che è stato messo in crisi da un’indagine della polizia che ha portato all’arresto di Sturgeon a giugno, giovedì ha dichiarato di avere “assoluta fiducia” in Matheson.

“Gli errori onesti accadono”, ha detto il primo ministro, descrivendo Matheson come un “uomo onesto e in effetti integro”.

James Mitchell, professore di politiche pubbliche all’Università di Edimburgo, ha affermato che la mancanza di trasparenza ha reso la controversia un problema politico più grande del necessario.

“Un’ammissione aperta e onesta di quanto accaduto, accompagnata dall’accettazione da parte di Michael Matheson di dover pagare fin dall’inizio le tariffe del roaming dati. . . avrebbe sistemato le cose”, ha detto.

Il vice leader laburista scozzese Jackie Baillie ha affermato che l’attenzione alla condotta di Matheson, piuttosto che al servizio sanitario nazionale scozzese, significa che “non è più idoneo a ricoprire il suo ruolo”.

Il leader dei conservatori scozzesi Douglas Ross ha detto che Matheson e Yousaf “hanno ancora molte domande a cui rispondere”.