Dom. Lug 14th, 2024
Perché i leader europei si sono strozzati con una cena per i vertici del blocco

Buongiorno. Uno scoop per iniziare: Mark Rutte ha promesso al primo ministro ungherese Viktor Orbán di rinunciare alle attività della NATO a sostegno dell'Ucraina, ci hanno detto i funzionari, in un impegno che mira ad allentare il veto di lunga data di Orbán sulla nomina dell'olandese a segretario generale dell'alleanza militare.

Oggi spieghiamo perché ieri sera i leader europei hanno affermato di aver bisogno di più tempo per digerire una proposta di accordo relativo alla prossima lista di alti funzionari del blocco, e il nuovo presidente della Finlandia dice al nostro uomo nei paesi nordici che anche lui è sorpreso da quanto sia preparato il Paese è favorevole a un possibile attacco russo.

Denuncia, rinviata

I litigi politici e gli ego feriti hanno fatto deragliare il tentativo di nominare la prossima lista di alti funzionari dell'UE in tempi record ieri sera – e potrebbero aver messo qualche pericolo in un processo che altrimenti sarebbe sembrato semplice.

Contesto: ieri sera i leader dell’UE hanno chiesto più tempo per contrattare sulla nomina dei funzionari alla guida del blocco per i prossimi cinque anni. Anche se non c’era alcuna fazione che bloccasse la proposta di un triumvirato formato da Ursula von der Leyen come presidente della Commissione, António Costa come presidente del Consiglio e Kaja Kallas come capo diplomatico, non c’è stato nemmeno un gelido consenso.

I funzionari informati sulle discussioni della cena privata hanno affermato che la colpa è di tre questioni principali.

Innanzitutto, 21 leader – tra cui il primo ministro italiano Giorgia Meloni – sono rimasti con le mani in mano per ore all’inizio dell’incontro mentre sei leader centristi (e uomini) – provenienti da Francia, Grecia, Germania, Paesi Bassi, Polonia e Spagna – hanno colpito per primi. il loro accordo privato come rappresentanti dei tre maggiori partiti nel neoeletto Parlamento europeo.

“Si sono incontrati politicamente e questo ha insultato gli altri”, ha detto un funzionario. “La Meloni era pazza da morire”, ha detto un secondo. Un terzo ha affermato che la questione non sono i nomi, ma il “metodo politico”.

In secondo luogo, l’atmosfera della cena non è stata aiutata dal Partito popolare europeo di von der Leyen che si è chiesto se Costa sarebbe rimasto in carica per cinque anni – come hanno fatto i suoi successori – o forse solo per la metà. Tattica di negoziazione politica o no, ha interrotto una proposta a tre che sembrava altrimenti risolta.

Infine, molti leader avrebbero voluto discutere maggiormente delle priorità politiche per i prossimi cinque anni, in vista del prossimo vertice del 27 giugno, quando si attenderà una decisione finale. Questo è un discorso diplomatico per assicurarsi più premi e concessioni in cambio.

Tuttavia il primo ministro croato Andrej Plenković ha affermato che i negoziati sono stati molto più facili rispetto al 2019. “Questo è latte e miele. Questa è una situazione molto semplice. Rispetto all'ultima volta è stata una serata molto piacevole”, ha detto.

Chart du jour: Rifilatura della pancetta

Le tensioni commerciali tra Cina e UE si stanno intensificando: Pechino ha aperto un’indagine antidumping sulle importazioni di carne di maiale dall’UE, dopo che l’UE ha imposto tariffe sulle spedizioni di veicoli elettrici dalla Cina.

Prendilo

La Finlandia è stata a lungo considerata il paese più preparato a respingere un potenziale attacco russo. Ma anche il suo nuovo presidente, Alexander Stubb, è sorpreso da quanto sia pronto. scrive Richard Milne.

Contesto: la Finlandia ha scorte sufficienti per diversi mesi di tutte le materie prime, cibo, equipaggiamento militare e altro ancora. Ha anche piani su cosa farebbero le aziende e le persone in caso di guerra, pandemia o altra crisi, e insiste sul fatto che ci sono livelli molto elevati di sostegno pubblico per la difesa del Paese.

Stubb, l’ex primo ministro diventato presidente circa 100 giorni fa, ha detto al FT che veniva informato quotidianamente “sull’intelligence militare, sull’intelligence civile, sulle operazioni militari, sulla resilienza civile, sui meccanismi di sicurezza dell’approvvigionamento in caso di crisi”.

“Non mi sono mai sentito più sicuro. La sensazione che ho è: ce l'abbiamo. E la Russia lo sa”, ha detto Stubb.

L’adesione della Finlandia alla Nato lo scorso anno “ha rafforzato in modo esponenziale l’alleanza sul suo fianco orientale”, ha aggiunto il presidente finlandese.

La Finlandia vorrebbe unirsi allo stesso comando Nato degli altri paesi nordici, con sede a Norfolk negli Stati Uniti, piuttosto che al comando di Brunssum, nei Paesi Bassi, utilizzato dai paesi baltici. La settimana scorsa, i ministri della difesa della Nato hanno dato il via libera al traslocononché per la costruzione di due strutture terrestri della NATO in Finlandia.

Domani Stubb si recherà a Bodø, all'interno del circolo polare artico, fino a giovedì, per incontrare il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre e il premier svedese Ulf Kristersson.

Stubb ha affermato che i paesi della NATO devono essere “calmi ma fermi” con la Russia per quanto riguarda gli incidenti ibridi come il sabotaggio o la strumentalizzazione dei migranti. “Dico prepararsi al peggio per evitarlo. Siamo molto tranquilli. È l'unico modo per stare con la Russia. Se ti arrabbi o ti emozioni, allora commetti degli errori”, ha detto.

Cosa guardare oggi

  1. Il presidente francese Emmanuel Macron ospita il presidente argentino Javier Milei.

  2. Ministri degli affari generali dell’Ue Incontrare nel Lussemburgo.

Ora leggi questi