Ven. Giu 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Buongiorno. Uno scoop per iniziare: ulteriori progressi nel rilancio post-Brexit delle relazioni UE-Regno Unito, mentre il governo britannico si muove per ridurre drasticamente la burocrazia alle frontiere per le gite scolastiche francesi (che sono crollate da quando la Gran Bretagna ha tagliato i legami con Bruxelles), e considera di fare lo stesso con gli altri paesi dell’UE.

Oggi, il nostro uomo a Berlino ascolta il ministro degli Esteri tedesco sostenere l’adesione dell’Ucraina all’UE e riconoscere le difficili decisioni che il blocco deve prendere prima dell’allargamento, mentre vi spiego i danni causati all’Europa ieri dalla tempesta Ciarán.

Buon fine settimana e stai lontano dagli alberi che cadono.

Tutto esaurito

Un’Europa più grande è un’Europa migliore, ha dichiarato ieri il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock, suscitando la speranza che i leader dell’UE aprano formalmente i negoziati di adesione con l’Ucraina quando si incontreranno il mese prossimo. scrive Sam Jones.

Contesto: l’Ucraina ha spinto affinché gli Stati membri esistenti approvassero l’apertura dei negoziati formali di adesione all’UE durante il vertice di dicembre. Politicamente, quasi tutti i 27 paesi del blocco sono favorevoli a farlo, ma un rapporto della Commissione Europea la prossima settimana sul quadro di valutazione delle riforme di Kiev sarà importante per dare l’approvazione burocratica per una decisione positiva.

“Sono convinto che il Consiglio europeo lancerà questo segnale”, ha detto Baerbock durante una conferenza di diplomatici, politici e think tank riuniti a Berlino per discutere del futuro del blocco. “Il cuore dell’Europa batte a Kiev.”

Ma ha detto che l’Europa deve fare cambiamenti dolorosi per accogliere nuovi membri.

L’avvertimento di Baerbock sottolinea la parte probabilmente più complessa del dibattito sull’allargamento dell’UE: come riformare l’unione stessa per rendere possibili fino a dieci nuovi membri.

Mentre l’elenco delle cose da fare dell’UE per i potenziali membri è dettagliato e chiaro, c’è poca chiarezza su esattamente cosa i membri attuali dell’UE possono, dovrebbero – e sarebbero disposti – fare prima di allargare il club.

Questi cambiamenti dolorosi, ha detto Baerbock, dovrebbero includere la rinuncia al principio secondo cui ogni paese può nominare un commissario, l’equivalente europeo di un ministro. E abolire il principio dell’unanimità nel processo decisionale su temi come la politica estera dell’UE e le finanze del blocco.

“Affrontare questo problema richiede decisioni coraggiose. E da tutti noi. Per un paese come il mio, la Germania, ciò potrebbe significare dire: siamo pronti a rinunciare per un po’ a un commissario”, ha affermato.

Ha continuato: “Dovremmo prendere più decisioni con il voto a maggioranza qualificata, dalle questioni finanziarie alla politica estera. . . Sì, ne abbiamo discusso intensamente: ciò significherà che i paesi saranno messi in minoranza”.

È “semplice matematica”, ha aggiunto, “in un’Ue con più di 36 veti, il rischio di un blocco finirà per diventare ingestibile”.

Oltre all’Ucraina, l’UE dovrà essere realista nell’accelerare l’adesione di Moldavia, Georgia e Balcani occidentali, ha aggiunto Baerbock. E la Turchia: tra gli ascoltatori presenti c’era anche il ministro degli Esteri Hakan Fidan.

“Non possiamo più permetterci di avere zone grigie in Europa”, ha affermato Baerbock.

Due “principi guida” erano ora chiari, ha concluso. I tentativi del presidente russo Vladimir Putin di “arare una trincea imperiale” in tutto il continente significano che “l’allargamento della nostra unione è una necessità geopolitica, ma allo stesso tempo è anche un’opportunità geopolitica”.

Chart du jour: La pioggia in Spagna

Quest’anno, i viaggiatori stranieri si sono riversati nel nord della Spagna – a lungo percepito come troppo piovoso per le vacanze estive – poiché le temperature torride sulla costa meridionale hanno sollevato interrogativi sull’effetto del cambiamento climatico sul turismo nel Mediterraneo.

Tempo micidiale

Almeno sei persone sono state uccise ieri in tutta l’Europa occidentale mentre venti a 120 miglia all’ora hanno lasciato una scia di distruzione in Francia e altri paesi, paralizzando le reti elettriche e le infrastrutture di trasporto.

Contesto: tempeste, cicloni e temperature estreme stanno diventando sempre più comuni in Europa poiché il riscaldamento globale causato dalle emissioni di combustibili fossili influenza i modelli meteorologici. Tempo estremo ha causato perdite economiche per oltre 50 miliardi di euro nell’UE lo scorso anno.

La tempesta Ciarán ha devastato ieri Spagna, Francia, Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi e Germania, strappando i tetti delle case e tagliando la corrente elettrica a 1,2 milioni di cittadini francesi. Rotterdam e Anversa, i due porti più grandi d’Europa, hanno parzialmente sospeso le operazioni con i container a causa dei forti venti.

Chiunque si fosse avventurato ieri nell’Europa occidentale avrebbe visto il fogliame delle piante ingombrare le strade. La caduta di alberi e rami ha ucciso almeno sei persone e ne ha ferite decine di altre.

I meteorologi hanno affermato che, anche se la parte peggiore della tempesta sembra essere passata, i paesi europei dovrebbero aspettarsi raffiche di vento e forti piogge per i prossimi giorni man mano che il fronte si disperde.

“State lontani dalle situazioni pericolose”, ha detto ieri la Maritime and Coastguard Agency del Regno Unito. “Non vale la pena rischiare la vita per un selfie in condizioni tempestose.”

Cosa guardare oggi

  1. La vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas incontra a pranzo Francia Márquez, vicepresidente della Colombia.

  2. Il ministro delle Finanze lituano Gintarė Skaistė ospita per un colloquio il suo omologo tedesco Christian Lindner.

Ora leggi questi