Mar. Giu 18th, 2024
Perché l’estrema destra europea si sta dividendo dall’interno

Buongiorno. Ieri sera, al dibattito dei leader delle elezioni europee Bruegel-FT, i principali candidati dei maggiori partiti europei si sono scontrati su questioni economiche, dall'opportunità di partecipare a una guerra commerciale contro la Cina all'entità del prossimo bilancio dell'UE. Guardalo qui.

Oggi, il nostro corrispondente elettorale e capo dell’ufficio di Parigi vi fornisce i dettagli della frattura della tenda di estrema destra, mentre il nostro uomo nei Balcani racconta le conseguenze di un giro di vite kosovaro su una banca serba.

Le cose non andarono a buon fine

L’estrema destra potrebbe essere in ascesa nei sondaggi in vista delle elezioni europee del mese prossimo, ma è stata sgonfiata da una vecchia debolezza: la rivalità tra fazioni, scrivere Leila Abboud E Andy Limiti.

Contesto: il Rassemblement National (RN) di estrema destra di Marine Le Pen ha abbandonato il suo alleato tedesco, l'Alternativa per la Germania (AfD). Un portavoce della campagna per le elezioni europee del RN ha detto ieri che dopo le elezioni non siederanno più nello stesso gruppo parlamentare con l'AfD. Entrambi attualmente fanno parte del gruppo di estrema destra Identità e Democrazia (ID) in parlamento.

La decisione arriva dopo mesi di preoccupazioni nel partito di Le Pen riguardo al fatto che l'AfD stesse diventando troppo estremista, a partire da un piano trapelato a gennaio per deportare persone con background di immigrazione, compresi i titolari di passaporto tedesco.

Poi Maximilian Krah, il candidato principale della campagna dell’AfD, ha detto al FT che i membri delle SS, che gestivano i campi di sterminio di Adolf Hitler, non erano tutti criminali.

Le Pen ha trascorso più di un decennio cercando di “disintossicare” l’immagine del partito fondato da suo padre Jean-Marie Le Pen, condannato per incitamento all’odio per aver negato l’Olocausto. I suoi sforzi sono stati ampiamente ripagati: la RN sta guadagnando terreno nei sondaggi in vista del voto europeo del 6-9 giugno, dopo aver vinto una cifra senza precedenti di 88 deputati alle elezioni nazionali francesi del 2022.

Se Le Pen vuole realizzare il suo sogno di diventare presidente della Francia nel 2027, quando Emmanuel Macron non potrà candidarsi a causa dei limiti di mandato, dovrà attirare più elettori apparendo capace, seria e non minacciosa.

La disgregazione potrebbe anche aprire la strada a una ricomposizione dei partiti di destra e di estrema destra nel Parlamento europeo.

In un'intervista televisiva questa settimana, il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha ribadito la sua speranza di unire i vari partiti di destra europei a livello europeo. Meloni, il cui partito fa parte del gruppo dei Conservatori e Riformisti europei (ECR), aveva precedentemente escluso qualsiasi unione con l’AfD semplicemente ritenendola impraticabile.

Nel frattempo Anders Vistisen, candidato principale per l'ID, ha detto al FT a margine del dibattito di ieri sera che l'AfD dovrebbe “spiegarsi” e ha suggerito a Krah di dimettersi.

Grafico del giorno: disaccoppiamento

Le divergenti posizioni economiche negli Stati Uniti e in Europa implicano che l’approccio delle banche centrali dovrebbe essere radicalmente diverso, sostiene Chris Giles.

chiudere

L'UE e gli Stati Uniti hanno condannato ieri la repressione del Kosovo nei confronti di una banca serba in una dimostrazione di esasperazione occidentale per le mosse unilaterali di Pristina che sembrano danneggiare la comunità etnica serba, scrive Marton Dunai.

Contesto: il Kosovo si è separato unilateralmente dalla Serbia 16 anni fa con una mossa che Belgrado non ha mai accettato dalla sua ex provincia. Negli anni successivi le tensioni violente sono divampate regolarmente, compreso uno scontro fatale nella parte settentrionale del Kosovo di etnia serba lo scorso anno. L’UE ha costantemente chiesto ad entrambe le parti di cercare di calmare le tensioni.

Pristina ha raddoppiato gli sforzi per riaffermare il controllo sulle aree in cui prima era fermo il controllo etnico serbo, imponendo limiti finanziari all'uso del dinaro, imponendo invece l'euro, la valuta preferita del Kosovo. (La piccola nazione balcanica non è membro dell’Eurozona.)

Agendo su autorizzazione del procuratore capo del Kosovo, lunedì la polizia pesantemente armata ha costretto la chiusura di sei filiali della Cassa di risparmio postale serba, che hanno avuto un ruolo determinante nella gestione delle finanze delle aree etniche serbe, dove molte persone dipendono ancora dal dinaro serbo .

“L'operazione di lunedì dimostra ancora una volta che le autorità del Kosovo danno priorità ad azioni unilaterali e non coordinate piuttosto che alla cooperazione con i suoi amici e alleati”, ha affermato in una nota il servizio diplomatico dell'UE.

Anche gli Stati Uniti hanno criticato la mossa, affermando che “mina la percezione della buona fede del Kosovo nel risolvere le questioni in sospeso con la Serbia attraverso il dialogo facilitato dall'UE”.

La polizia del Kosovo in un comunicato ha affermato che le filiali bancarie “hanno operato illegalmente”, aggiungendo che l'azione “finora si è svolta senza problemi o incidenti. Lo scopo dell’operazione di polizia è ristabilire l’ordine e la legalità”.

I serbi del Kosovo hanno affermato che la repressione sull’uso del dinaro ha avuto un impatto drammatico sui loro mezzi di sussistenza.

Cosa guardare oggi

  1. Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ospita i suoi omologhi francese e polacco, Stéphane Séjourné e Radosław Sikorski, per un incontro nel Triangolo di Weimar.

  2. I ministri della Difesa del Baltico si incontrano a Vilnius, in Lituania.

Ora leggi questi

  • 'Assolutamente ingiusto': Gli Stati Uniti dovrebbero revocare il divieto di colpire obiettivi con armi fornite dagli americani all'interno della Russia, ha affermato il massimo funzionario della sicurezza nazionale di Kiev.

  • Problemi turchi: La crisi inflazionistica del paese sta imperversando da un anno dopo l'inizio di una svolta economica, mettendo in discussione l'approccio del presidente Recep Tayyip Erdoğan.

  • Klaus Schwab: Il fondatore del World Economic Forum si dimetterà dopo aver trasformato l'imperdibile conferenza in un business da 500 milioni di euro.