Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Buongiorno. I ministri degli Esteri dell’UE si sono incontrati questa mattina a Lussemburgo mentre il conflitto infuria nella periferia del blocco. Spiego perché devono preoccuparsi di come lo vede il resto del mondo. E il nostro capoufficio di Berlino presenta il nuovo movimento politico tedesco di estrema sinistra.

Spettacolo horror

I ministri degli Esteri saranno oggi costretti a confrontarsi con l’enigma di due conflitti regionali, i cui risultati potrebbero rimodellare drasticamente il vicinato più ampio del blocco.

Contesto: i ministri degli Esteri dell’UE si riuniscono questa mattina a Lussemburgo con un’agenda piena di cattive notizie: una guerra in Medio Oriente che minaccia di lacerare la regione; 20 mesi di conflitto su vasta scala in Ucraina; pulizia etnica nel Caucaso; e carri armati in movimento nei Balcani.

L’UE non ha mai dovuto affrontare così tanta destabilizzazione nei paesi vicini come in questo momento, e sia le sue capacità diplomatiche che la sua influenza sono o eccessive o inadatte alla portata della sfida.

Per la prima volta dal febbraio 2022, i ministri non inizieranno parlando della guerra della Russia contro l’Ucraina (il che non aiuterà la trepidazione di Kiev per la distrazione dell’Occidente). Arriveranno a questo dopo la guerra tra Israele e Hamas.

Ma il messaggio proveniente dal resto del mondo nelle ultime due settimane ha fuso le due guerre in una sola: perché alla difficile situazione dei palestinesi non è stata prestata la stessa attenzione riservata a quella degli ucraini?

Al vertice di pace del Cairo lo scorso fine settimana, un paese dopo l’altro ha attaccato i rappresentanti dell’UE (i leader di Italia, Spagna, Grecia e Cipro, più il presidente del consiglio dell’UE, il suo capo diplomatico e i ministri degli Esteri di Francia e Germania), secondo quanto riferito presente. Sono stati duramente accusati di doppi standard e di ipocrisia per aver condannato le violazioni del diritto umanitario da parte della Russia, ma non quelle di Israele.

Questa mancanza di coerenza è la criptonite geopolitica.

Molte economie emergenti erano già scettiche nei confronti delle richieste occidentali di opporsi all’invasione su vasta scala della Russia in Ucraina, visti gli interventi militari del 21° secolo in Afghanistan e Iraq da parte delle coalizioni guidate dagli Stati Uniti.

Quindi, vedere il loro scetticismo confermato attraverso il ferreo sostegno offerto all’assalto israeliano a Gaza con crescenti vittime civili ha offuscato mesi di scrupolosa diplomazia da parte di Bruxelles e di altre capitali occidentali con leader in luoghi come Johannesburg, Giakarta e Brasilia.

Josep Borrell, il capo diplomatico dell’UE, che presiederà l’incontro di oggi, ha passato gran parte delle ultime due settimane a mettere in guardia da questo esito. Avendo trascorso la maggior parte del tempo a parlare con i diplomatici del Medio Oriente, ha sentito in prima persona come la reputazione di Bruxelles abbia sofferto.

Per i ministri di oggi, il compito è in qualche modo arrestare questa spirale – e ideare un piano per porvi rimedio.

Chart du jour: vicino pericoloso

Mappa che mostra la posizione del corridoio Zangezur in Azerbaigian

Il mese scorso l’Azerbaigian ha preso il controllo del territorio conteso del Nagorno-Karabakh, provocando l’esodo della sua popolazione armena. I residenti dell’Armenia meridionale – una stretta striscia schiacciata dall’Azerbaigian su entrambi i lati – ora temono di poter essere i prossimi.

Un’altra alternativa

È stato uno dei lanci politici più attesi in Germania.

La deputata di sinistra Sahra Wagenknecht creerà oggi un nuovo movimento che spera trasformerà il panorama politico tedesco e darà agli elettori frustrati sia dalla sinistra che dalla destra una nuova scelta, scrive Guy Chazan.

Contesto: Wagenknecht è uno dei politici più noti e controversi del paese. Era alla guida del gruppo parlamentare di Die Linke, un gruppo di estrema sinistra emerso dall’ex comunista della Germania dell’Est SED, ma a marzo ha annunciato che non si sarebbe candidata per il partito alle prossime elezioni del Bundestag.

Oggi presenterà la “Sahra Wagenknecht Alliance”, o BSW. È visto come il precursore di un partito politico a pieno titolo che potrebbe debuttare nelle elezioni del Parlamento europeo di giugno e svolgere un ruolo fondamentale nelle elezioni regionali tedesche del prossimo autunno.

Wagenknecht ha davvero il potenziale per mescolare le cose. I sondaggisti dicono che il 20% dei tedeschi prenderebbe in considerazione l’idea di votare per un partito da lei guidato.

La ragione sta nel suo ampio fascino. Dopo anni alla guida di Die Linke, la talentuosa oratrice e autrice di best-seller si è allontanata dalle ortodossie dei suoi partiti, tra la costernazione dei suoi ex compagni.

Ha messo in dubbio la politica di immigrazione a porte aperte della Germania durante la crisi dei rifugiati del 2015-2016, ha difeso gli anti-vaxxer durante la pandemia di Covid e si è fortemente opposta alle consegne di armi tedesche all’Ucraina.

Gli scienziati politici affermano che il suo marchio peculiare di populismo di sinistra potrebbe minacciare l’alternativa di estrema destra per la Germania (AfD), facendo appello a persone contrarie all’immigrazione e solidali con la Russia, ma che sono scoraggiate dallo stridente nazionalismo dell’AfD e dalla sua tendenza a relativizzare la Germania nazista. passato.

Ma i critici avvertono che i suoi precedenti tentativi di mobilitazione di massa si sono rivelati controproducenti. Un precedente movimento da lei fondato nel 2018 chiamato “Aufstehen” – o stand up – si è trasformato in un enorme flop che la maggior parte dei tedeschi al di fuori della bolla di Berlino ricorda a malapena.

Cosa guardare oggi

  1. Unione Europea ministri degli Esteri E ministri dell’Agricoltura si riuniranno, separatamente, in Lussemburgo.

  2. I funzionari dell’UE e del Kazakistan si incontrano consiglio di cooperazione.

Ora leggi questi