Sab. Mag 18th, 2024
Perché sta già cominciando a scoppiare una battaglia sul prossimo bilancio dell’UE

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno. Ieri a Madrid si è fatto molto rumore per nulla, quando Pedro Sánchez ha annunciato che sarebbe rimasto primo ministro spagnolo dopo aver minacciato di dimettersi. Ciò ha infiammato le proteste contro il “Sanchismo”, il presunto tipo di politica narcisistica del premier.

Oggi il nostro corrispondente economico riferisce delle discussioni sul prossimo bilancio dell'UE e il nostro uomo a Budapest rivela la reazione negativa alla sponsorizzazione da parte di Gazprom della migliore squadra di calcio ungherese.

Incassami se puoi

L’esecutivo dell’UE vuole cambiare il modo in cui paga i soldi ai suoi Stati membri dal loro bilancio comune, che ieri il commissario al Bilancio Johannes Hahn ha definito “non adatto al futuro”. scrive Paola Tamma.

Contesto: mentre l’UE stabilisce le sue priorità di spesa per i prossimi cinque anni, sta anche ripensando il suo bilancio a lungo termine. Corrisponde a circa l’1% del prodotto interno lordo del blocco, finanziato principalmente dagli Stati membri in base al loro peso economico.

Attualmente più di un terzo viene speso per la politica di coesione: denaro versato alle regioni più povere per aiutarle a raggiungere quelle più ricche. Poco meno di un terzo viene speso in sussidi agricoli.

Ma con la guerra in Ucraina che infuria e l’intensificarsi della concorrenza economica globale, le capitali vogliono che il bilancio faccia di più.

Hahn ha affermato che durante le discussioni più recenti, “tutti chiedevano di fatto un budget per affrontare le sfide globali” tra cui “la competitività, la sicurezza, la concorrenza globale in alcune aree con altri attori chiave nel mondo”.

“Allo stesso tempo, nessuno diceva che gli attuali elementi chiave del bilancio – coesione, agricoltura – dovessero scomparire o addirittura diminuire in modo significativo”, ha aggiunto Hahn. “Quindi, se questa è l'idea, a mio avviso non è possibile realizzarlo con la struttura attuale e anche con le dimensioni attuali.”

Raggiungere un accordo sul bilancio settennale dell’UE è la madre di tutte le battaglie di Bruxelles e normalmente richiede mesi se non anni di negoziati, poiché richiede il sostegno unanime di tutti i 27 paesi dell’UE.

Una proposta formale è prevista solo l’anno prossimo per il prossimo bilancio 2028-2034, ma si parla già di riforme. Nello specifico, Bruxelles vuole che i pagamenti futuri siano subordinati al rispetto da parte dei paesi di determinate condizioni, simili alle regole del fondo di ripresa post-pandemia dell’UE.

“IL [recovery fund] è un concetto molto interessante per il futuro”, ha detto Hahn.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha recentemente chiesto il raddoppio del bilancio. Ma mentre sarà difficile ridurre le fette destinate alla coesione e all’agricoltura, sarà altrettanto difficile aumentare la dimensione complessiva della torta, richiedendo più denaro da paesi come la Germania e altri contribuenti netti.

“Sarà estremamente difficile ottenere più fondi”, ha detto ieri Stéphanie Riso, direttrice generale del dipartimento di bilancio della Commissione.

Grafico del giorno: declino demografico

Gli europei stanno invecchiando e questo cambierà in modo significativo la composizione delle loro società. Entro il 2100, quasi il 10% della popolazione dell’UE avrà più di 85 anni, secondo una nuova ricerca del think tank Bruegel pubblicato oggi.

Sollevare un polverone

Un anziano parlamentare europeo si è rivolto alla Uefa, massimo organo calcistico europeo, per lamentarsi di un accordo di sponsorizzazione tra il colosso energetico russo Gazprom e i campioni ungheresi del Ferencváros. scrive Marton Dunai.

Contesto: Gazprom sponsorizzava la Uefa Champions League e la squadra tedesca dell'FC Schalke. Ma quegli accordi sono stati annullati in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022. L’unico club europeo a mantenere un accordo di sponsorizzazione con la società è stata la Stella Rossa serba di Belgrado.

Questo mese, i media ungheresi hanno riferito che Gazprom stava tornando alla ribalta nel calcio europeo e stava negoziando la sponsorizzazione della massima squadra di Budapest.

“Sono rimasta scioccata nell'apprendere di un probabile accordo di sponsorizzazione tra i campioni ungheresi del Ferencvárosi Torna Club e Gazprom”, ha scritto Katalin Cseh, vicepresidente del gruppo liberale Renew del Parlamento europeo, in una lettera al presidente della UEFA Aleksander Čeferin, vista dal FT.

“La realizzazione di questo accordo sarebbe uno shock per milioni di tifosi di calcio ungheresi e per i cittadini preoccupati per i diritti umani quando la squadra di calcio più illustre è pronta a chiedere denaro insanguinato a uno stato terrorista”, ha scritto Cseh.

L’eurodeputato ungherese ha esortato Čeferin a “fermare questa parodia e prevenire danni al nostro comune impegno europeo a sostegno dell’Ucraina”.

“Ciò va contro tutto ciò per cui la Uefa si è espressa negli ultimi due anni e faciliterebbe il ritorno delle entità russe nel calcio europeo attraverso la porta di servizio”, ha aggiunto.

I funzionari ungheresi, nel frattempo, non hanno contestato le prospettive di sponsorizzazione, anzi.

La scorsa settimana il ministero degli Esteri ha affermato che “più grandi aziende internazionali investono nello sport ungherese, meglio è”, aggiungendo che “Gazprom non è sulla lista delle sanzioni”.

Cosa guardare oggi

  1. Corte di giustizia Internazionale emettere sentenza sul caso del Nicaragua contro la Germania accusata di facilitare il genocidio a Gaza, alle 15:00.

  2. Stime trimestrali del PIL pubblicate da Francia, Germania, Italia, Spagna e UE.

Ora leggi questi

Europe Express si prenderà una pausa per le vacanze del 1 maggio e ritornerà giovedì.