Gio. Mag 23rd, 2024
Un messaggio dal FMI su come risanare il mercato unico "zoppicante" dell'UE

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Buongiorno. Riceverai la mia newsletter questa settimana mentre Henry sarà assente per i prossimi 10 giorni.

Ma prima ha lasciato un messaggio del capo del FMI, che fornisce indicazioni su come rafforzare la fiducia economica dell’UE. E il nostro uomo a Varsavia indaga sulla lotta per un seggio al Parlamento europeo da parte dell'ex capo della compagnia petrolifera nazionale polacca.

Fresco, calmo, raccolto

Mentre i leader europei sono alle prese con il modo di invertire il senso di malessere economico del continente, il capo del FMI ha un consiglio da cui partire: smettila di essere così critico, scrive Henry Foy.

Contesto: come migliorare la competitività dell’UE è un obiettivo chiave per Bruxelles, poiché gli stati membri temono che il blocco stia rapidamente rimanendo indietro rispetto a Stati Uniti e Cina.

“L’Europa è ricca. [The] la domanda è: come stai? . . far sì che l’Europa riacquisti fiducia in se stessa. Non ho mai visto nessuno avere successo senza una mancanza di fiducia”, ha detto Kristalina Georgieva, direttrice generale del fondo. “Quindi forse se i leader europei parlassero di più di ciò che l’Europa può fare piuttosto che di ciò che non può fare, ci troveremmo in una posizione migliore”.

Secondo lei, anche se “l’Europa ha dei punti di forza”, il problema è che “il mercato unico sta ancora zoppicando”. Secondo Georgieva, i principali svantaggi dell’Europa rispetto agli Stati Uniti sono la mancanza di forniture energetiche interne, un mercato dei capitali fratturato e l’incapacità di sfruttare l’immigrazione.

Ma ha una soluzione almeno per gli ultimi due.

“L'unione dei mercati dei capitali è assolutamente essenziale per la competitività europea, perché in assenza di essa, le attività finanziarie dell'Europa non lavorano abbastanza”, ha detto Georgieva a proposito dell'eterno progetto di Bruxelles di armonizzare i mercati finanziari.

“Se si confrontano gli Stati Uniti e l’Europa in termini di dimensioni delle attività finanziarie, sono praticamente la stessa cosa. . . Ma negli Stati Uniti, il funzionamento dei mercati dei capitali è ciò che fa un’enorme differenza nel modo in cui queste attività finanziarie apportano benefici all’economia”.

“Si tratta di 27 paesi, ovviamente. Non sono un paese come lo sono gli Stati Uniti”, ha aggiunto. “Ma anche così, c’è molto di più che puoi fare. E non costa denaro. L’unica cosa che serve è la volontà politica”.

Georgieva ha anche affermato che l’immigrazione potrebbe fornire una soluzione all’invecchiamento della popolazione europea.

“Abbiamo una popolazione che invecchia in Europa. E l’immigrazione non è un argomento facile”, ha detto il bulgaro. “Ma nonostante tutte le agitazioni [over migration] negli Stati Uniti, l’afflusso di immigrati fa un’enorme differenza per l’economia statunitense. Mentre in Europa non è così».

Grafico del giorno: Convergenza

La spettacolare crescita economica dei 10 paesi che hanno aderito all’UE vent’anni fa è una delle storie di successo più evidenti del continente. Ma quando i primi guadagni iniziano a svanire e il tenore di vita recupera, è necessario un nuovo slancio.

Piano B

L'ex capo della compagnia nazionale polacca di petrolio e gas Orlen spera di trascorrere i prossimi anni al Parlamento europeo piuttosto che affrontare le accuse di cattiva gestione nel suo precedente lavoro, scrive Raffaello Minder.

Contesto: l'amministratore delegato di Orlen, Daniel Obajtek, è stato estromesso a febbraio nell'ambito del piano di pulizia “con la scopa di ferro” del primo ministro entrante Donald Tusk nei confronti degli incaricati del precedente governo. Obajtek, ex sindaco di una piccola città nominato dal partito al potere Diritto e Giustizia (PiS) alla guida della più grande azienda polacca, è stato accusato da Tusk di aver abusato di Orlen per aiutare il PiS a rimanere al potere.

La procura polacca ha già aperto diverse indagini sulle attività di Orlen sotto la direzione di Obajtek. Lo stesso Obajtek non è stato accusato di alcun reato, ma la sua casa è stata recentemente perquisita dalla polizia nell'ambito dell'indagine sull'azienda.

Martedì, la procura ha aperto una nuova indagine sui presunti legami tra la filiale commerciale svizzera di Orlen e il gruppo militante libanese Hezbollah.

Quasi contemporaneamente il PiS ha annunciato che Obajtek sarà uno dei suoi candidati alle elezioni del Parlamento europeo di giugno.

Obajtek nega ogni addebito e afferma di essere vittima di una caccia alle streghe politica. “Il primo ministro e altri mi hanno già condannato pubblicamente. . . questo non è altro che combattere l’uomo che temono”, ha scritto Obajtek sulla piattaforma di social media X.

Se Obajtek dovesse entrare nel Parlamento europeo, la lotta potrebbe assumere una dimensione diversa, dato che i deputati godono solitamente dell’immunità.

Ma il governo di Tusk sta già avvertendo che cercherà di impedire a Obajtek di utilizzarlo come scudo in caso di accuse.

Cosa guardare oggi

  1. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente cipriota Nikos Christodoulides si recano a Beirut per discutere di ulteriore sostegno al Libano.

  2. Il presidente francese Emmanuel Macron ospita a Parigi il primo ministro giapponese Fumio Kishida.

Ora leggi questi