Lun. Mag 27th, 2024

Oggi il grande pubblico ha accesso a Bard, un primo esperimento che consente la collaborazione con l’IA generativa. Questo segue quello di Google annuncio la scorsa settimana che continuerà a fornire esperienze di intelligenza artificiale a vantaggio di persone, aziende e comunità.

Bard afferma di aumentare la produttività, accelerare le idee e suscitare curiosità. Puoi chiedere a Bard suggerimenti che ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi come leggere di più, pianificare un programma di allenamento, pianificare un viaggio, spiegare argomenti complessi in termini semplici o redigere un post sul blog che ti ispira. Finora, Google ha imparato molto testando Bard. Ma ora è il momento di ulteriori test pubblici.

Bard si basa sul Research Large Language Model (LLM), in particolare una versione di LaMDA, e nel tempo verrà adattato con modelli più nuovi e più potenti. Quando richiesto, Bard seleziona una parola alla volta dalle possibili parole successive per generare una risposta. Poiché questa tecnologia è agli inizi, non è perfetta. Ad esempio, potrebbe comparire nei risultati perché apprende da informazioni diverse che riflettono pregiudizi e stereotipi del mondo reale. Può anche fornire informazioni imprecise, fuorvianti o false. Ad esempio, quando gli è stato chiesto di suggerire una semplice pianta d’appartamento, Bard ha inventato il nome scientifico sbagliato ma ha capito bene altre cose.

Quando usi Bard, spesso hai diverse bozze tra cui scegliere, quindi puoi scegliere il miglior punto di partenza per te. Quindi, se non ti piace la prima risposta che ottieni, puoi sempre curare la tua domanda o semplicemente chiedere di nuovo per ottenere qualcosa che potrebbe darti quella scintilla creativa di cui tutti abbiamo bisogno quando siamo in una carreggiata.

Il lavoro alla Bard continua Principi dell’IA in Google con una costante attenzione alla qualità e alla sicurezza. Usano il feedback e le revisioni umane per migliorare il loro sistema e hanno anche guardrail integrati come limitare le interazioni in modo che le cose rimangano sulla buona strada. Quindi, possiamo essere sicuri che ci sia almeno qualcuno reale dall’altra parte… almeno per ora.

Puoi iscriverti a https://bard.google.com/