Domenica mattina, a poche ore dalla COP15, la tanto attesa bozza di testo aggiornata era pubblicato. Sebbene sia stato rapidamente applaudito dal WWF, ha anche suscitato preoccupazioni.

“Rimangono ancora diverse scappatoie, linguaggio debole e tempistiche attorno ad azioni che non sono commisurate alla portata della crisi della natura”, ha affermato l’organizzazione ambientalista. C’era poco accordo su come misurare i progressi, ha aggiunto. “Siamo particolarmente preoccupati per il linguaggio debole sulle specie che impegnerebbe i paesi a fermare le estinzioni prima del 2050, invece che del 2030”.

La plenaria della COP15 era prevista per domenica sera, ma è stata ritardata di due ore. Dopo le 22:00, la riunione non era ancora iniziata. Quello che è successo?

Da un lato, gli affari della COP15 sono stati bellissimi. I paesi di tutto il mondo hanno lavorato amichevolmente per raggiungere accordi (e lasciare che la fatica – una tattica consacrata nei negoziati – plachi le persone al compromesso).

D’altra parte, la COP15 è stata travolgente. A Sharm el-Sheikh e Glasgow l’anno scorso, quelle riunioni della COP miravano chiaramente a una cosa: ridurre le emissioni di carbonio.

Con il passare delle ore, non ho potuto fare a meno di chiedermi se la biodiversità avesse davvero bisogno del proprio COP. Sì, le barriere coralline sono importanti, gli alberi sono importanti e fare le cose per bene con “altre convenzioni e organizzazioni internazionali” è importante, ma tutto questo messo insieme è troppo. Sarebbe meglio includere coralli, alberi e altre questioni relative alla biodiversità come parte degli affari generali delle Nazioni Unite a New York durante tutto l’anno? Non sarebbe meglio concentrarsi su uno o due progetti cruciali piuttosto che dividere troppo le persone?

È incoraggiante che la bozza sia stata votata dai negoziatori a Montreal nelle prime ore di lunedì mattina, compresa una disposizione per aumentare i flussi finanziari verso i paesi in via di sviluppo e un obiettivo per proteggere il 30% della biodiversità mondiale entro il 2030.

Ma da un estraneo che guarda, sembra ancora che ci fossero troppi progetti in corso. E la decisione della Cina di ignorare l’opposizione al testo finale da parte di alcuni paesi africani delusi dall’accordo sui finanziamenti sarà difficile da digerire per alcuni. Gradirei il tuo feedback. Inviaci un’e-mail con i tuoi pensieri a [email protected]

Sebbene il primo articolo di oggi riguardi l’azione a Montreal, la notizia più importante del fine settimana è arrivata da Bruxelles. I paesi dell’UE hanno finalizzato il meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera (CBAM), che costringerà gli importatori stranieri a coprire il costo delle loro emissioni.

Inoltre, una storia sulla semplice correzione che le organizzazioni net zero possono fare per ridurre il controllo antitrust che dovranno affrontare nel 2023. Grazie per aver letto. (Patrick Temple West)

Carney promuove i crediti di carbonio come strumento per combattere il riscaldamento globale

Gli attivisti tengono un cartello di cartone con le parole GIUSTIZIA 4 IL NOSTRO FUTURO in lettere colorate in grassetto.

Una delle eredità durature della COP sul clima di Glasgow è che la comunità imprenditoriale è ora coinvolta sul campo in questi eventi e si impegna in un modo apparentemente senza precedenti. Il nostro collega Aime Williams ha riferito durante il fine settimana che diversi investitori stavano partecipando al loro primo COP sulla biodiversità a Montreal.

La scorsa settimana, la COP15 ha tenuto una giornata finanziaria alla quale hanno partecipato Mark Carney, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per l’azione per il clima, ed Emmanuel Faber, che ha parlato dei progressi dell’International Sustainability Standards Board, che presiede.

Per Carney, il vertice sulla natura ha rappresentato un’opportunità cruciale per utilizzare le compensazioni nella lotta contro il riscaldamento globale. L’idea relativamente nuova dei crediti per la biodiversità è stata inclusa nella bozza di accordo nonostante le preoccupazioni circa la loro efficacia e integrità a cui abbiamo accennato all’inizio della COP15.

Per anni, Carney è stato un sostenitore dei crediti di carbonio (o compensazioni), anche se i nostri colleghi di FT hanno riferito che possono essere prodotti discutibili. Senza standard che determinano la qualità, il mercato della compensazione delle emissioni di carbonio rimane un “selvaggio west”.

Ma parlando durante il Finance Day alla COP15, Carney ha sottolineato che i crediti di carbonio non sarebbero stati una pallottola d’argento.

“Abbiamo esitato invece di sostenere soluzioni climatiche naturali con il perfetto diventare il nemico del bene”. Carney ha detto. “I crediti di carbonio possono fornire finanziamenti letteralmente vitali per soluzioni basate sulla natura e transizioni climatiche nelle economie emergenti e in via di sviluppo”.

Ha ribadito il sostegno all’Integrity Council for the Voluntary Carbon Market (ICVCM), che sta lavorando per scrivere standard per i crediti di carbonio (e Carney è un consulente di questo gruppo). Elevati standard di integrità e una maggiore offerta stimoleranno il mercato “in modo che i crediti di carbonio possano realizzare il loro potenziale di riduzione delle emissioni”, ha affermato Carney.

Mentre questi standard sono ancora in lavorazione, le aziende stanno iniziando a spendere molto denaro per le compensazioni di carbonio. La compagnia petrolifera statunitense Hess ha recentemente annunciato una partnership con il governo della Guyana per spendere 750 milioni di dollari in crediti di carbonio entro 10 anni. Ma altre aziende rivendicano un distintivo d’onore lottando per emissioni nette zero di carbonio senza utilizzare crediti di carbonio. La compagnia aerea statunitense United ha affermato che il suo obiettivo è arrivare a net zero entro il 2050 senza fare affidamento sulle compensazioni di carbonio.

Se più aziende utilizzeranno le compensazioni di carbonio per raggiungere obiettivi net zero, allora gli standard di qualità e l’applicazione saranno cruciali. Seguiremo da vicino il lavoro dell’ICVCM ed esamineremo il mercato alla ricerca di prodotti senza scrupoli. Compratore stai attento. (Patrick Temple West)

L’antitrust si preoccupa di affliggere i gruppi di investimento verdi nel 2023

Il Bank Policy Institute con sede a Washington è un’organizzazione che fa pressioni per i maggiori istituti di credito del mondo ed è presieduta dall’amministratore delegato di JPMorgan Jamie Dimon. La sua grande festa è stata il 6 dicembre. Se ti sei perso quella festa, potresti assistere alla celebrazione all’American Bankers Association il 14 dicembre.

Il mio punto qui è che le grandi banche sono ben organizzate a Washington – collaborano tutto il tempo per ottenere le cose che vogliono – ma non viene mai detta una parola sulle loro preoccupazioni in materia di antitrust.

Allora perché la Glasgow Financial Alliance for Net Zero (Gfanz), il gruppo di società finanziarie che Carney ha lanciato nell’aprile 2021, è tutta coinvolta nella preoccupazione antitrust?

Joel Mitnick, un partner dello studio legale Cadwalader che ha decenni di esperienza legale in materia di antitrust, ha recentemente affermato in una telefonata con la banca d’investimento Jefferies che l’antitrust è la “questione dormiente del 2023” per Gfanz e altri sforzi di sostenibilità per limitare la produzione di petrolio e gas .

Mitnick mi ha detto che Gfanz trarrebbe vantaggio dall’aumento del ruolo di supervisione degli avvocati antitrust nelle negoziazioni sugli standard nei gruppi volontari. Sebbene una migliore rappresentanza aiuterebbe a proteggere queste organizzazioni da autentiche preoccupazioni antitrust, “non placherebbe quelle persone al Congresso che sono preoccupate che Gfanz e altre iniziative net zero stiano portando ad accordi taciti che danneggiano alcuni settori energetici”, ha affermato Mitnick.

“Sono scettico sul fatto che ci saranno responsabilità qui, ma ci saranno indagini davvero serie”, ha detto Mitnick, riferendosi a indagini in corso dai procuratori generali repubblicani e possibili indagini quando il partito prende il controllo della Camera.

I repubblicani nel 2023 daranno tutto il possibile agli investimenti verdi per proteggere l’industria petrolifera e del gas. Ma fare piccole cose come aggiungere protezioni antitrust aiuterà Gfanz e altri sforzi a superare gli attacchi. (Patrick Temple West)

Letture intelligenti

Dai un’occhiata a questo mensile del Texas profilo di Bud Brighamun dirigente petrolifero che ha attaccato le scoperte degli scienziati del clima e lo era il primo testimone nell’udienza guidata dai repubblicani della scorsa settimana sulle politiche ESG a Marshall, in Texas.

O per tornare alla settimana lavorativa, leggi il nostro pranzo FT con l’ardente autrice di 87 anni, vincitrice del Pulitzer, Annie Proulx. Il Montagna di Brokeback L’autore ha recentemente pubblicato una storia discorsiva delle zone umide naturali, sostenendo che comprendere le ragioni per cui si stanno gradualmente perdendo può anche aiutarci a tenere sotto controllo gli incendi boschivi e le pandemie.