Mar. Lug 16th, 2024
Crescente numero di punti positivi nei mercati emergenti

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Per gli investitori in obbligazioni dei mercati emergenti, la narrazione è raramente semplice. In vista dei sondaggi in India, Messico e Sud Africa, alcuni investitori sembravano troppo compiacenti riguardo ai rischi. Ma la reazione negativa del mercato a quelle elezioni smentisce sviluppi molto più positivi nelle economie emergenti, in particolare nei paesi tradizionalmente considerati più vulnerabili.

Grazie a politiche monetarie efficaci, le economie dei mercati emergenti sono state particolarmente rapide nel controllare l’inflazione e lo scorso anno sono state in grado di avviare un ciclo di taglio dei tassi. Si prevede che questo approccio proattivo fornirà un supporto cruciale alla crescita economica nel 2024. Un esempio calzante è la banca centrale brasiliana, che ha alzato i tassi in 12 riunioni politiche consecutive da un minimo del 2% nel marzo 2021 al 13,75% per ridurre l’inflazione. .

In un contesto di condizioni finanziarie più restrittive nei mercati sviluppati, le politiche macroeconomiche in molti paesi dei mercati emergenti hanno subito miglioramenti significativi. Tali sviluppi positivi sono stati determinanti nel ridurre il premio di rischio associato agli investimenti in queste nazioni dai livelli proibitivi dello scorso anno. Le riforme strutturali, la disciplina fiscale e l’adozione di regimi di cambio flessibili hanno contribuito a mitigare i rischi e rafforzare la credibilità politica.

Nel complesso, l’indice di riferimento JPMorgan Emerging Market Bond Index Global Diversified è aumentato dell’11,09% lo scorso anno e del 2,62% quest’anno. Ma crediamo che gli investitori dovrebbero guardare ai molti paesi che vedono una migliore gestione economica.

Prendiamo, ad esempio, l’Argentina, che per la prima volta ha eletto un presidente la cui principale promessa elettorale era quella di tagliare le spese. Dopo essere stato eletto, il presidente Javier Milei ha dimostrato il suo impegno nella stabilizzazione dell’economia presentando un piano di surplus fiscale e ha compiuto progressi su un disegno di legge di riforma omnibus senza precedenti. Nonostante nell’ultimo mese si sia verificato un certo ritracciamento, l’indice delle obbligazioni in valuta forte è ancora in rialzo del 62,8% da quando Milei è stato eletto lo scorso novembre.

Ci sono prospettive di miglioramento simili anche in Africa. Uno dei primi atti del nuovo presidente della Nigeria, Ahmed Tinubu, insediatosi lo scorso anno, è stato quello di contrastare la corruzione. Il nuovo governatore della banca centrale, Olayemi Cardoso, ha espresso un impegno alla trasparenza, a eliminare gli arretrati di obblighi di cambio nei confronti dei finanziatori locali e a ripristinare la fiducia nella banca centrale.

Il Kenya, considerato un candidato di default lo scorso anno da molti investitori, ha dimostrato impegno verso le riforme e si è procurato un nuovo programma del FMI. Quest’anno il paese è stato in grado di emettere una nuova obbligazione che ha registrato un surplus di sottoscrizioni.

L’Egitto ha mostrato impegno nel ridurre il debito attraverso la vendita di asset e ha recentemente annunciato uno dei più grandi accordi di investimento della sua storia. Le autorità hanno negoziato con successo un programma del FMI che ha sbloccato finanziamenti significativi per il paese.

Infatti, le agenzie multilaterali e gli istituti di credito come il FMI stanno fornendo un sostegno di liquidità senza precedenti alle economie emergenti. L’elenco dei paesi impegnati nelle riforme strutturali e nel perseguimento dei programmi del FMI è piuttosto ampio. Pakistan, Ghana e Sri Lanka sono tra quelli impegnati in un programma o in varie fasi dei negoziati.

Anche in un contesto di tassi di interesse più elevati per un periodo più lungo, le economie dei mercati emergenti dovrebbero essere in grado di rifinanziarsi a tassi interessanti. È improbabile che la mancanza di accesso ai mercati dei capitali, un indicatore chiave di vulnerabilità, costituisca un problema nel 2024. Il consueto caricamento iniziale di nuova offerta di obbligazioni nel 2024 è stato ben accolto, con nuove emissioni sottoscritte in modo significativo in eccesso e sovraperformanti nel mercato secondario.

Nel caso di India, Messico e Sud Africa, i risultati elettorali porteranno probabilmente a cambiamenti nel loro mix politico, e non è chiaro se questi cambiamenti saranno favorevoli per gli investitori. La narrativa positiva a medio termine continua a essere intatta per i paesi, ma nonostante la volatilità dopo le elezioni riteniamo che gli investitori debbano verificare se esiste un adeguato premio di rischio.

Dobbiamo anche considerare l’effetto farfalla sui paesi dei mercati emergenti con l’avvicinarsi delle elezioni americane. Anche se non possiamo prevedere se la storia si ripeterà, gli investitori ricorderanno che quando Donald Trump vinse inaspettatamente le elezioni presidenziali nel 2016, la conseguente svendita nei mercati emergenti fu invertita nel giro di poche settimane e anche la forza del dollaro fu invertita in un attimo. pochi mesi. La volatilità è sempre un’opportunità per gli investitori.