Mar. Lug 16th, 2024
Le precipitazioni record nel Regno Unito e in Francia colpiscono i raccolti di grano

Le precipitazioni record hanno colpito i raccolti di grano nel Regno Unito e in Francia, il maggiore produttore europeo, e si prevede che quest'anno faranno aumentare significativamente i prezzi.

Le forti piogge a partire dallo scorso autunno hanno impedito agli agricoltori di piantare e danneggiato i rendimenti in entrambi i paesi, spingendo i futures del grano macinato sulla borsa Euronext ai livelli più alti dell’anno.

“Dopo che l'inverno piovoso da record del Regno Unito ha colpito i raccolti qui, gli agricoltori francesi si trovano ora a fronteggiare l'impatto delle piogge incessanti di questa primavera”, ha affermato Tom Lancaster, analista del territorio, dell'alimentazione e dell'agricoltura presso l'Energy and Climate Intelligence Unit (ECIU), un think tank.

“La Francia è il più grande produttore di grano in Europa, e con i raccolti nel Regno Unito che si prevede diminuiranno fino a un quinto a causa delle forti piogge qui, aggravate dai cambiamenti climatici, c’è il rischio reale che uno scarso raccolto in Francia possa portare alzare i prezzi”.

Le precipitazioni durante lo scorso autunno e inverno nel Regno Unito e in Irlanda sono state circa il 20% più abbondanti a causa dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo, ha concluso un recente studio della collaborazione di ricerca accademica World Weather Attribution.

Secondo le stime dei ricercatori, queste precipitazioni più intense sono diventate circa 10 volte più probabili a causa del cambiamento climatico.

I problemi in Europa sorgono quando anche gli agricoltori di altre importanti regioni produttrici di grano lottano con eventi meteorologici legati al cambiamento climatico, dai danni dovuti al gelo in Russia alla siccità in Australia, riducendo le forniture globali.

Di tutte le materie prime esaminate dall'hedge fund agricolo Farrer Capital, “il grano è quello con la minore offerta rispetto alla domanda”, ha affermato Adam Davis, CEO e fondatore.

“Abbiamo visto la siccità in Sud Africa trasformarsi in siccità in Russia, in gelo in Russia, in Ucraina che dice che alcune aree sono le più aride degli ultimi 30 anni, fino alla siccità in alcune parti dell'Australia”, ha detto. “[Climate events] stanno accadendo ovunque, apparentemente contemporaneamente o uno o dopo l’altro”.

Il maltempo in Russia, uno dei maggiori produttori di grano al mondo, ha recentemente ridotto le forniture e fatto salire i prezzi sui mercati globali.

Di solito, una carenza di grano dalla regione del Mar Nero spingerebbe gli acquirenti a rivolgersi all’UE, ha affermato Michael Magdovitz, analista senior delle materie prime presso Rabobank, ma “il recente periodo umido e la minore produzione spingeranno i consumatori a cercare il grano più lontano”. Ad esempio, si prevede che gli Stati Uniti esporteranno di più, ha aggiunto.

Secondo le stime attuali del Regno Unito, la superficie coltivata a grano nel Regno Unito è la seconda più piccola dal 1980 e inferiore del 15% rispetto allo scorso anno. Consiglio per l’agricoltura del Regno Unitoche potrebbe ancora essere rivisto al ribasso prima della fine della raccolta in agosto.

I coltivatori del Regno Unito hanno dovuto affrontare un “doppio colpo”, che ha lasciato il paese con una “area di terreni incolti potenzialmente da record”, ha affermato Lancaster.

Le prime forti piogge in autunno hanno impedito loro di ottenere il raccolto invernale nel terreno e poi il continuo clima umido fino ad ora ha impedito la semina di un raccolto primaverile, che normalmente compenserebbe un raccolto invernale più piccolo.

Secondo le stime del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, si prevede che il raccolto attuale sarà inferiore del 25%, pari a 10,85 milioni di tonnellate, rispetto allo scorso anno.

“Per il grano panificabile, il calo stimato della produzione è ancora più grave”, ha affermato Joe Brennan dell'associazione di categoria Flour Millers del Regno Unito. Le previsioni del settore indicano che la produzione potrebbe diminuire del 35% rispetto allo scorso anno, il che costringerà i produttori ad aumentare le importazioni, ha affermato.

Riflettendo la carenza di approvvigionamento che affliggono i mugnai, il premio del grano panificabile del Regno Unito rispetto alle varietà di grano di qualità inferiore utilizzate per l'alimentazione animale è a un livello record, ha aggiunto Brennan. Negli ultimi anni, questo premio è variato da 15 a 40 sterline per tonnellata, ma l’attuale valore a termine è di circa 80 sterline per tonnellata, ha affermato.

I coltivatori di grano francesi devono affrontare sfide simili. Con fino al 45% di pioggia in più rispetto alla media decennale tra il 1991 e il 2020, secondo il servizio meteorologico del governo, questa primavera è stata la quarta più piovosa mai registrata.

Di conseguenza, il più grande coltivatore d'Europa ha piantato quest'anno 4,3 milioni di ettari di grano, rispetto a una media di 4,7 milioni di ettari in cinque anni, secondo Arthur Portier, esperto di mercato presso la società di consulenza Agritel.

Anche il raccolto piantato renderà meno, ha detto Portier, che è anche un coltivatore di grano.

La pioggia è un vettore di malattie come la septoria, che crea lesioni gialle o marroni sulle foglie delle piantine e può ridurre la resa del grano fino al 50%, ha detto. Il tempo piovoso aveva inoltre “impedito ai contadini come me di andare nei campi per trattare i raccolti [with pesticides] come era necessario”, ha detto Portier.

Di conseguenza, quando il raccolto del grano sarà terminato tra poche settimane, la produzione francese sarà di 30 milioni di tonnellate, in calo rispetto a una media di 35 milioni di tonnellate negli ultimi cinque anni, secondo le stime di Agritel.

I consumatori dovranno aspettare per vedere se il calo dei raccolti di grano in Francia e nel Regno Unito spingerà al rialzo il prezzo del pane e di altri alimenti a base di grano, ha affermato Brennan, aggiungendo che ciò dipenderà da ciò che accadrà in altre regioni produttrici di grano e da come il grano a livello globale i mercati hanno risposto.

Ma, ha detto, “fondamentalmente, il grano è il principale costo di produzione per un mugnaio e se i prezzi del grano aumentano, aumentano anche i prezzi della farina”.

Poiché la temperatura media globale a lungo termine aumenta oltre l’1,1°C dell’era industriale, si prevede che i problemi che colpiscono il settore agricolo peggioreranno.

Secondo l’analisi del Met Office, il cambiamento climatico significherà che il Regno Unito potrà aspettarsi inverni più umidi ed estati più calde e secche con maggiore frequenza.

“Gli agricoltori guardano a un futuro in cui dovranno fare i conti con un numero maggiore di inverni come questo e con i disagi che ne derivano con maggiore frequenza”, ha affermato Lancaster. “E questo è fondamentalmente il cambiamento climatico.”