Ciao e benvenuto all’edizione inaugurale della newsletter di MagicTech Cryptofinance. Mi chiamo Scott Chipolina, corrispondente di asset digitali. Sarò qui ogni venerdì per offrirti l’intelligence di cui hai bisogno sul settore della finanza digitale.

Esaminerò le tendenze più importanti nel settore delle criptovalute, informandoti sul panorama normativo in rapido movimento, descrivendo in dettaglio come le aziende utilizzano innovazioni come la blockchain nelle loro operazioni e fornendoti approfondimenti dai dirigenti del settore. Non aspettarti troppi aggiornamenti su quali monete sono su o giù questa settimana: scaveremo in profondità sulle storie che contano di più per gli investitori.

Storia della settimana: Celsius si trasforma da criptovaluta alta a richiedente bancarotta

La caduta di Celsius dalle vette dell’industria delle criptovalute al tribunale fallimentare degli Stati Uniti mette in evidenza molte delle sfide più importanti che l’industria della finanza digitale deve affrontare mentre l’era del denaro facile che ha spinto la sua crescita volge al termine bruscamente.

Il prestatore di criptovalute con sede negli Stati Uniti all’inizio di questa settimana ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11 in quanto ha rivelato un buco di $ 1,2 miliardi nel suo bilancio, causato da quelli che l’amministratore delegato Alex Mashinsky ha descritto come investimenti “poveri” e altre perdite “impreviste”.

Celsius, fondata nel 2017, è diventata una delle aziende più importanti nel settore delle criptovalute offrendo tassi di interesse annualizzati fino al 18%. È stata in grado di offrire questi rendimenti – che sono quasi sconosciuti nella finanza tradizionale – facendo scommesse rischiose con i soldi dei suoi depositanti, come hanno spiegato i miei colleghi Kadhim Shubber e Joshua Oliver in una storia da leggere questa settimana. La strategia le ha permesso di attirare miliardi di dollari di afflussi durante la corsa al rialzo delle criptovalute, in parte alimentata dalla corsa al rendimento innescata dai programmi di stimolo dell’era della pandemia delle banche centrali.

L’ascesa alla ribalta della società, avvenuta quasi senza la supervisione delle autorità di regolamentazione, ha attirato l’attenzione dei principali investitori. Il gestore di fondi pensione canadese Caisse de dépôt et placement du Québec e WestCap, un fondo creato dall’ex dirigente di Airbnb e Blackstone Laurence Tosi, hanno condotto una raccolta fondi a Celsius in ottobre che ha valutato il gruppo a $ 3 miliardi.

Alexandre Synnett, chief technology officer di CDPQ, all’epoca disse al MagicTech che l’investimento segnalava “la convinzione che abbiamo riguarda la tecnologia blockchain”.

Meno di un anno dopo, Celsius ha impedito ai clienti di prelevare fondi dalla sua piattaforma dopo che le turbolenze nel mercato delle criptovalute hanno provocato un buco nelle sue finanze. Altri prestatori di criptovalute come Vauld, un gruppo sostenuto da Coinbase e dall’investitore Peter Thiel, hanno analogamente bloccato i riscatti con l’intensificarsi della crisi del credito nel mercato degli asset digitali.

I guai per Celsius e i suoi colleghi portano alla luce una serie di problemi che potrebbero definire la traiettoria del settore della finanza digitale. Quanta responsabilità dovrebbero avere i regolatori per proteggere i consumatori che utilizzano piattaforme crittografiche? I token crittografici dovrebbero essere supervisionati come titoli, materie prime o qualcosa di completamente diverso? I gestori di fondi tradizionali dovrebbero dilettarsi con le criptovalute?

La colonna Lex del FT, nel frattempo, sottolinea che il fallimento di Celsius solleverà importanti domande da avvocati, creditori e tribunali su come operano esattamente le società finanziarie digitali.

I problemi nel settore delle criptovalute arrivano anche durante un periodo di più ampio tumulto del mercato. Cosa significherà la fuga degli investitori dagli asset speculativi per il settore della finanza digitale in generale e per le migliaia di token crittografici attualmente in circolazione sul mercato?

Mi piacerebbe sentirti. Quali ritieni siano le questioni e le domande più importanti nella finanza digitale in questo momento? Inviami un’e-mail a [email protected]

Gli highlights della settimana

  • Alan Howard, un miliardario di hedge fund timido nei confronti dei media, sta costruendo silenziosamente un impero delle risorse digitali ed è diventato una forza importante nel capitale di rischio crittografico negli Stati Uniti e in Europa nel processo.

  • Gli investitori in criptovalute dovrebbero considerare il crollo del mercato come una “lezione cautelativa” su come investire denaro in attività rischiose non regolamentate e non possono contare su alcun tipo di salvataggio, ha affermato il principale regolatore di titoli europeo.

  • I broker che offrono scambi di azioni e scambi di criptovalute che vendono token digitali stanno facendo progressi sui reciproci clienti mentre il fervore che ha spinto i volumi di scambio al dettaglio nel trading si raffredda.

  • L’editorialista di FT Jemima Kelly sostiene che Web3 non mira a rendere Internet più equo o meno soggetto allo sfruttamento da parte di avidi gatti grassi, in realtà è l’esatto opposto. Mentre siamo su questo argomento, assicurati di non perdere il Big Read di FT sul fatto che il crash delle criptovalute farà deragliare la prossima rivoluzione web.

  • Popolare mercato di token non fungibili OpenSea annunciato che prevede di tagliare il 20% della sua forza lavoro, segnando l’ultimo di una lunghissima serie di licenziamenti di criptovalute.

Il suono della settimana

L’amministratore delegato della Financial Conduct Authority Nikhil Rathi ha affermato che è improbabile che il Regno Unito e gli Stati Uniti siano in grado di accettare la valuta digitale cinese per le preoccupazioni sulla privacy e sui dati dei cittadini, riferisce il corrispondente bancario europeo di FT Owen Walker. La Cina è uno dei leader mondiali nella costruzione di una valuta digitale sostenuta dallo stato, quindi vale la pena tenere d’occhio come si sviluppa.

Estrazione dei dati

Il flusso di fondi attraverso i miscelatori di criptovalute, strumenti che oscurano la scia di trasferimenti che in genere sarebbero pubblicamente accessibili sui libri mastri digitali che stanno alla base delle criptovalute, è aumentato rapidamente quest’anno. Nel secondo trimestre, 800 milioni di dollari di fondi illeciti sono stati inviati a questi prodotti, in aumento del 180% rispetto ai primi tre mesi del 2022, secondo la piattaforma di analisi blockchain Chainalysis. L’aumento mette in evidenza come i truffatori si stiano rivolgendo a nuovi strumenti per nascondere le proprie tracce mentre le forze dell’ordine diventano sempre più sofisticate nel seguire il denaro sulle blockchain pubbliche.

Vale anche la pena notare che i dati di Chainalysis hanno rilevato che la fonte dei fondi inviati ai mixer proviene in modo schiacciante dalla Corea del Nord, dimostrando che la criptoeconomia sotterranea del paese è viva e vegeta.