Gio. Mag 23rd, 2024
Gli hedge fund quantitativi godono di un inizio eccezionale fino al 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Gli hedge fund gestiti da computer che scommettono sulle tendenze dei mercati finanziari stanno godendo di forti rendimenti poiché le scommesse sull’aumento dei prezzi del cacao e sul crollo dello yen giapponese hanno dato i loro frutti.

Secondo un indice compilato dalla Société Générale, i fondi quantitativi hanno guadagnato il 12% da inizio anno fino alla fine di marzo, con nomi come Man Group, Aspect Capital e Winton tra quelli che hanno tratto profitto.

“Operiamo da 25 anni e questo è stato il nostro miglior primo trimestre di sempre”, ha affermato Razvan Remsing, direttore delle soluzioni di investimento presso l'hedge fund quantitativo Aspect con sede a Londra, che gestisce asset per 9,4 miliardi di dollari.

Dopo un 2023 più impegnativo, i primi mesi di quest’anno si sono rivelati estremamente redditizi per i fondi trend-following, che utilizzano algoritmi per scommettere sulla persistenza dei trend di mercato, sia al rialzo che al ribasso.

Secondo una persona che ha visto i numeri, Winton del miliardario britannico David Harding ha guadagnato il 13% nel suo fondo macro diversificato. Ha beneficiato delle scommesse sull'aumento dei prezzi del cacao e contro il gas naturale statunitense e lo yen.

AQR, con sede nel Connecticut, ha visto la sua strategia di piena volatilità dei future gestiti rendere il 17,4% alla fine di marzo, mentre il fondo IS Trends di Capital Fund Management con sede a Parigi è aumentato del 17,5% a mercoledì, secondo le persone che hanno visto i numeri.

Le scommesse sui prezzi alle stelle del cacao sono state uno dei maggiori contributori ai rendimenti dei fondi, poiché il maltempo nell’Africa occidentale, la regione che produce la maggior parte dei semi di cacao, ha colpito i rendimenti. I futures sui semi di cacao a Londra sono quasi triplicati di prezzo dall'inizio dell'anno.

Temperature insolitamente elevate hanno colpito anche la produzione di chicchi di caffè, fornendo un’altra strada per trarre profitto dai fondi quantistici.

“Il clima avverso nelle regioni che producono chicchi di caffè e cacao ha contribuito a uno shock dell’offerta, rafforzando i prezzi”, ha affermato Otto Hamaoui, direttore della gestione del portafoglio presso Man AHL, una divisione quantitativa della società di hedge fund Man Group.

I quantitativi si sono agganciati a numerose altre tendenze del mercato, compreso l’indebolimento dello yen rispetto al dollaro, mentre si è aperto un abisso tra le aspettative sui tassi per i due paesi. Lo yen è caduto del 9% dall'inizio dell'anno e del 30% negli ultimi tre anni.

Gli hedge fund hanno scommesso vincente anche sui prezzi del petrolio, che sono aumentati con l’intensificarsi delle tensioni in Medio Oriente.

L’enorme numero di opportunità nei mercati ha incoraggiato i fondi ad aumentare la leva finanziaria in alcuni asset e a generare rendimenti. I gestori quantitativi adeguano regolarmente i contratti derivati ​​che detengono per aumentare o diminuire l’entità delle loro scommesse.

“Quando si vedono diversi mercati che sperimentano dei trend, gli hedge fund quantitativi ne approfittano con un'esposizione lorda più elevata”, ha aggiunto Hamaoui.

Gli hedge fund si sono abituati a farlo perché quando un certo numero di mercati indipendenti sono in trend – ad esempio lo yen e il cacao – generalmente credono che i loro portafogli siano meglio protetti contro improvvise inversioni di mercato.

Aspect ha aumentato la sua leva finanziaria da una media a lungo termine di quattro volte a sette volte, il che significa che per ogni dollaro di denaro degli investitori, sono esposti a sette volte i movimenti del mercato. Tuttavia, ha ridotto la sua posizione nel cacao, poiché la volatilità del prezzo ha aumentato il rischio potenziale in caso di crollo improvviso del prezzo.

Alla fine della scorsa settimana, il fondo di punta di Aspect è cresciuto del 21,4% quest'anno.

I rendimenti segnano un cambiamento nelle sorti delle strategie trend-follow, che sono state bruciate dopo il crollo della Silicon Valley Bank nel marzo dello scorso anno. Molti avevano fatto grandi scommesse contro le obbligazioni, il cui prezzo era salito alle stelle in una fuga verso la sicurezza e mentre gli investitori si chiedevano quanto ulteriormente la Federal Reserve avrebbe potuto aumentare i tassi di interesse.

Tuttavia, molti parametri sono riusciti a riprendersi da queste perdite, con l’indice Trend di Société Generale cresciuto del 45% negli ultimi tre anni.

“Gli anni 2010 sono stati un decennio perduto per [trend followers]probabilmente il peggiore dell’ultimo secolo, ma il trend è andato molto bene negli ultimi tre anni”, ha affermato Philippe Jordan, presidente di Capital Fund Management.