Sab. Mag 18th, 2024
Il Regno Unito impone obiettivi di carburante sostenibile alle compagnie aeree

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le compagnie aeree nel Regno Unito dovranno passare progressivamente a fonti di carburante più ecologiche ma più costose nell’ambito dei piani governativi per aiutare l’industria fortemente inquinante a decarbonizzare.

Il 10% di tutto il carburante per aerei sui voli in decollo dal Regno Unito dovrà essere costituito dai cosiddetti “carburanti per l’aviazione sostenibile”, o SAF, entro il 2030, ha affermato giovedì il governo.

Costituito da una vasta gamma di fonti, dalle colture all’olio da cucina usato fino ai rifiuti domestici, il SAF può emettere circa il 70% in meno di anidride carbonica durante il suo ciclo di vita rispetto al tradizionale carburante per aerei ed è ampiamente compatibile con i motori aeronautici esistenti.

Attualmente rappresenta l’unico modo realistico per il settore aereo di raggiungere il suo obiettivo di zero emissioni entro il 2050, dato che tecnologie rivoluzionarie come gli aerei passeggeri alimentati a idrogeno o elettrici sono ancora in fase sperimentale.

Ma i nuovi carburanti sono attualmente almeno tre volte più costosi del tradizionale carburante per aerei e vengono prodotti solo in quantità molto piccole. Lo scorso anno meno dell’1% del carburante per aerei del Regno Unito è stato prodotto da SAF.

Con 1,2 milioni di tonnellate all’anno necessarie nel Regno Unito entro il 2030 in base al mandato, il governo spera che obiettivi vincolanti spingeranno le aziende petrolifere a produrre di più, in particolare nel Regno Unito, abbassando nel contempo i prezzi.

“Il carburante sostenibile protegge il futuro dell’aviazione del Regno Unito, le migliaia di posti di lavoro britannici che dipendono da esso, e i voli per le vacanze e i viaggi d’affari su cui tutti facciamo affidamento”, ha affermato il segretario ai trasporti Mark Harper.

Gruppi ambientalisti e alcuni scienziati hanno messo in dubbio la dipendenza dell’industria aeronautica dai SAF per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050, e affermano che non è chiaro se i combustibili alternativi siano praticabili o veramente sostenibili quando necessari su larga scala, sostenendo che volare meno è l’unico modo per ridurre realmente le emissioni.

La maggior parte dei dirigenti delle compagnie aeree si aspetta che un passaggio graduale ai SAF più costosi porterà a prezzi dei biglietti più alti poiché i maggiori costi del carburante verranno trasferiti ai consumatori.

Pur riconoscendo che ci potrebbe essere un impatto potenziale sui prezzi dei biglietti, il governo ha affermato che eventuali aumenti “rientreranno ben all’interno della gamma delle normali fluttuazioni dei prezzi che vediamo ogni anno”.

Ha aggiunto che si riserva il diritto di modificare i termini del mandato se i prezzi dovessero andare fuori controllo a causa della carenza di SAF.

Tim Alderslade, amministratore delegato del gruppo industriale AirlinesUK, ha affermato che il mandato rappresenta un “passo avanti fondamentale” verso la transizione a zero emissioni.

Ma il direttore politico della Aviation Environment Federation, Cait Hewitt, ha affermato che “ciò di cui abbiamo veramente bisogno è una riduzione delle emissioni del trasporto aereo”.

“Un mandato percentuale per i combustibili alternativi in ​​un settore affamato di crescita non può garantire ciò”, ha affermato. “Quindi, per il momento, resta il fatto che il modo migliore per ridurre le emissioni derivanti dai voli è volare di meno”.

Il lento aumento della produzione interna del carburante più ecologico ha suscitato preoccupazione tra i dirigenti del settore, che sottolineano le enormi agevolazioni fiscali negli Stati Uniti che hanno stimolato la produzione di SAF nel paese, e la precedente introduzione da parte dell’UE di un mandato SAF, che è pari al 6 per cento. cento entro il 2030.

Giovedì il governo del Regno Unito ha anche annunciato una consultazione su uno “schema di certezza delle entrate” per garantire un prezzo prestabilito per il SAF e incoraggiare i produttori di carburante a iniziare a produrlo.