Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Poco dopo che il Texas ha lanciato la prima lista nera ESG negli Stati Uniti alla fine del 2022, un grande investitore nell’istruzione nello stato produttore di petrolio ha pompato 300 milioni di dollari in un fondo progettato per sovvenzionare la transizione energetica globale lontano dai combustibili fossili.

Secondo i dati di PitchBook, l’impegno del Texas Permanent School Fund (PSF) da 51 miliardi di dollari, che stanzia più di 2 miliardi di dollari all’anno per l’istruzione pubblica, è il più grande del fondo per soluzioni di transizione energetica del Macquarie Green Investment Group, MGETS.

L’investimento evidenzia come i fiduciari stiano trovando il modo di colmare le lacune nelle regole progettate dai funzionari conservatori per mantenere le considerazioni ambientali, sociali e di governance fuori dai portafogli di investimento pubblici, mostrando al contempo la difficoltà di far rispettare tali divieti.

Una legge statale del 2021 approvata dal legislatore del Texas invitava i piani pensionistici statali e altri enti a disinvestire da aziende e fondi ritenuti ostili ai combustibili fossili. Glenn Hegar, il controllore repubblicano dello stato, è andato oltre alla fine del 2022, quando ha nominato 10 aziende e più di 300 fondi destinati al disinvestimento da parte dei fondi pensione del Texas e di altre dotazioni statali come la PSF.

Mentre la legge contiene già un’esenzione per i fondi di private equity sopravvissuto ad almeno un testHegar ha incoraggiato le agenzie statali a seguire lo spirito della legge quando si tratta dei loro portafogli di investimento.

“Come ha sottolineato il controllore Hegar in corrispondenza di queste pensioni e altri fondi, dovrebbe essere fatto ogni sforzo per rispettare lo spirito della legge e la volontà del legislatore che ha cercato di garantire che i dollari dei contribuenti del Texas non fossero investiti in un modo che minacci l’economia statale”, ha detto il portavoce di Hegar.

Un portavoce della PSF ha confermato che alcune delle sue partecipazioni erano in MGETS, che ha notato non era sulla lista nera di Hegar. “La Texas PSF Corporation è pienamente conforme a tutte le leggi statali”, ha affermato.

Il fondo Macquarie ha iniziato a raccogliere fondi nell’agosto 2022 con un obiettivo di 2 miliardi di dollari ed è pronto a raggiungere o superare tale obiettivo quest’anno, secondo i dati di PitchBook. Il fondo investe in carburanti per l’aviazione sostenibili, idrogeno verde, fertilizzanti puliti e capitale iniziale di finanza sostenibile, oltre ad altri progetti incentrati sull’ambiente.

Andrew Poreda, analista di ricerca senior per Sage Advisory con sede in Texas, ha dichiarato al MagicTech che l’investimento di Macquarie sembrava coerente con altre partecipazioni di PSF che hanno temi di energia pulita, anche se andava contro gli obiettivi apparenti dei funzionari eletti dallo stato.

“Non c’è un messaggio esplicito che non si possa investire nell’energia pulita, ma va contro il sentimento e lo scenario che il legislatore e il governatore del Texas stanno ponendo”.

Il portavoce di Hegar ha affermato che i legislatori statali mantengono la supervisione ultima sugli enti di investimento statali e che il suo ufficio “non ha alcun controllo formale sulle attività di investimento della PSF”.

“La legge fornisce alle entità interessate una serie di opzioni per garantire che siano in grado di adempiere ai propri doveri fiduciari nei confronti dei propri clienti e del popolo del Texas”, ha affermato il portavoce. “L’utilizzo o meno di tali opzioni è una decisione che spetta agli organi direttivi delle entità di investimento.”

L’inserimento nella lista nera di aziende ritenute anti-combustibili fossili da parte di Hegar ha portato a un movimento a livello nazionale tra i parlamenti statali conservatori e i funzionari finanziari per frenare la diffusione degli investimenti ESG negli Stati Uniti. Alcune giurisdizioni più liberali hanno a loro volta adottato misure opposte per incoraggiare una maggiore considerazione dei fattori ambientali o sociali negli investimenti.

BlackRock, il gestore patrimoniale da 9,1 trilioni di dollari con sede a New York, è stato un obiettivo frequente degli sforzi anti-ESG. Più recentemente, l’azienda è stata citata in giudizio dal Tennessee, dove il procuratore generale dello stato l’ha accusata di violare le leggi sulla tutela dei consumatori abusando dei fattori ESG; BlackRock ha respinto le affermazioni e ha affermato che “contesterà vigorosamente” le accuse.

Hegar a febbraio scrisse alla PSF per far notare che il suo ufficio aveva disinvestito da BlackRock e da “tutti gli investimenti relativi a BlackRock”, incoraggiando al contempo la PSF a “esplorare alternative e investire con un nuovo partner che non boicotti le società energetiche”.

Dopo l’investimento di PSF, in altre parti del paese sono state combattute numerose battaglie legali sugli investimenti ESG.

A settembre, un giudice federale ha archiviato una causa che contestava una norma del Dipartimento del lavoro che consentiva, ma non imponeva, ai fiduciari di considerare i fattori ESG negli investimenti. Quella decisione è arrivata con a nota dalla panchina che il giudice “non ha bisogno di condonare gli investimenti ESG in generale o, in definitiva, di concordare con la regola per giungere a questa conclusione”.

Nel frattempo, una coalizione sostenuta dal sindacato dei dipendenti statali dell’Oklahoma sta sfidando gli sforzi di disinvestire da diverse grandi istituzioni finanziarie sulla base della loro percepita opposizione al petrolio e al gas. Nella città di New York, tre piani pensionistici che hanno scelto di disinvestire da società di combustibili fossili affrontano una causa separata sostenendo che la loro decisione non è stata presa per favorire gli interessi dei partecipanti al piano.

Macquarie, un grande attore nel commercio di gas naturale negli Stati Uniti, che è tra gli oltre 300 firmatari dell’iniziativa Net Zero Asset Managers, ha rifiutato di commentare.