Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Grant Thornton è stato retrocesso dal livello più alto di supervisione della revisione contabile dell’autorità britannica dopo che la società ha tagliato il numero di clienti di alto profilo, rimuovendo oltre il 70% di quelli nella categoria di “interesse pubblico”, che comprende società quotate, istituti di credito e assicuratori .

L’anno scorso l’organismo di vigilanza del settore del Financial Reporting Council ha spostato la sesta società di contabilità più grande del Regno Unito dallo status di supervisione di “livello uno” a quello di “livello due”, secondo i documenti normativi.

Ciò significa che l’organismo di vigilanza condurrà ispezioni sugli audit degli “enti di interesse pubblico” dell’azienda solo ogni tre anni, anziché ogni 12 mesi.

Grant Thornton ha ridotto il numero di EIP controllati di oltre il 70% tra il 2016 e il 2022, controllandone 20 nel 2022, mentre la rivale BDO aveva 217 clienti EIP durante lo stesso periodo.

Negli ultimi anni Grant Thornton è stato colpito da una serie di sanzioni normative per carenze nel suo lavoro di audit. Ha ricevuto multe per un totale di 4 milioni di sterline dal 2021 dopo che la FRC ha scoperto carenze nei suoi audit della catena di caffetterie crollata Patisserie Valerie, del rivenditore Sports Direct e dell’outsourcer Interserve.

Nel 2022, gli amministratori di Patisserie Valerie hanno anche risolto una causa da 200 milioni di sterline con Grant Thornton per presunta negligenza nelle sue revisioni contabili della catena di caffetterie.

Nel più recente rapporto sulla qualità dell’audit di Grant Thornton, l’autorità di regolamentazione ha affermato che il livello è migliorato e Sarah Rapson, direttore esecutivo per la supervisione presso la FRC, ha affermato che il passaggio dal livello uno al livello due “non è un riflesso della [Grant Thornton’s] qualità dell’audit, ma riflette la loro quota minore nel mercato PIE”.

Grant Thornton ha dichiarato: “Siamo estremamente orgogliosi dei risultati di qualità ottenuti negli ultimi tre anni e rispettiamo la decisione dell’autorità di regolamentazione di includere la nostra azienda nella categoria di supervisione ‘Tier 2’.

“La decisione della FRC non ha alcun impatto sulla nostra strategia di audit e sul nostro continuo investimento nella qualità dell’audit.”

La retrocessione dell’azienda al “secondo livello” lascia le Big Four – Deloitte, EY, KPMG e PwC – più BDO e Mazars come restanti aziende del “primo livello”. Il lavoro di queste aziende è attentamente esaminato dalla FRC perché controllano i libri contabili di più EIP.

Spezzare la presa delle Big Four sul mercato facendo sì che aziende concorrenti come BDO, Mazars e Grant Thornton controllino una quota maggiore di PIE, è un elemento chiave dei piani a lungo ritardati del governo di rinnovare il settore.

Martin Clapson, presidente dell’Association of Practicing Accountants, che rappresenta 20 società di contabilità di medie dimensioni, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno che la FRC si concentri sull’essere un regolatore del miglioramento con un approccio ‘prevenire è meglio che curare’. In pratica ciò significa lavorare con le aziende sfidanti per aiutarci a capire che aspetto ha il bello in modo da poter crescere.

“Siamo ancora lontani da un mercato della revisione contabile veramente competitivo che favorisca la qualità e la scelta”.

Rapson ha affermato che la FRC ha svolto “un ruolo importante nel migliorare la concorrenza e la qualità per le aziende più piccole”.

In un rapporto annuale pubblicato dalla FRC a dicembre, è emerso che gli audit effettuati da società di contabilità più piccole – quelle di “secondo livello” e “terzo livello” – nell’anno fino a marzo erano “di nuovo inaccettabili”, con il 38% dei quelli esaminati richiedono un “miglioramento significativo”.

La retrocessione di Grant Thornton è stata confermata in un rapporto di 31 pagine pubblicato dalla FRC a luglio, ma fino ad ora l’azienda non ha ricevuto commenti pubblici.