Sab. Mag 18th, 2024
Gli investitori di Hess hanno consigliato di astenersi dal voto sull'accordo da 53 miliardi di dollari della Chevron

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Gli azionisti di Hess dovrebbero astenersi dal votare sull'acquisizione da parte della Chevron di 53 miliardi di dollari, ha raccomandato il consulente per delega Institutional Shareholder Services, in un potenziale colpo agli sforzi delle compagnie petrolifere statunitensi di concludere rapidamente l'accordo.

L'acquisizione è l'ultima di una serie di grandi fusioni e acquisizioni nel settore petrolifero. Tra i beni che avrebbe consegnato alla Chevron c'è la lucrosa partecipazione di Hess in un blocco petrolifero offshore al largo della costa della Guyana.

Una disputa tesa sulla Guyana getta un’ombra sull’accordo. La ExxonMobil, che detiene una quota del 45% nel blocco Stabroek, afferma di avere un diritto di prelazione sulla quota del 30% di Hess.

Lunedì l'ISS, una delle due principali società di consulenza per gli azionisti, ha affermato che gli investitori di Hess dovrebbero sostenere una pausa per concedere più tempo per far emergere i dettagli su un processo arbitrale avviato da Exxon. Gli azionisti di Hess voteranno sull'accordo il 28 maggio.

Lunedì pomeriggio l'annuncio dell'ISS ha spinto il prezzo delle azioni Chevron al ribasso dell'1,2%.

L'ISS ha affermato che durante qualsiasi aggiornamento Chevron potrebbe prendere in considerazione l'offerta di un incentivo al pagamento degli azionisti di Hess per compensare un ritardo nella chiusura dell'accordo o nel caso in cui l'accordo fallisca.

“Gli investitori non sono attualmente in grado di effettuare una valutazione informata del probabile calendario del processo arbitrale ROFR (diritto di prelazione)”, ha affermato l'ISS. Glass Lewis, l'altro importante servizio di consulenza, deve ancora esprimere il proprio parere sull'accordo.

Il proxy advisor ha aggiunto che, data l’incertezza che circonda la transazione e la potenziale interferenza di Exxon con l’attuale accordo proposto, “gli azionisti di Hess si assumono il rischio di un accordo potenzialmente interrotto senza alcun compenso”.

Lunedì Chevron ha dichiarato: “Non vediamo l’ora che Hess ottenga un voto positivo da parte degli azionisti e completi la transazione”.

Secondo i termini dell'accordo, Chevron ha il diritto di recedere dall'accordo senza pagare alcuna penale se Exxon vince l'arbitrato.

Darren Woods, amministratore delegato di Exxon, la scorsa settimana ha dichiarato in una conferenza a Los Angeles che il processo arbitrale potrebbe protrarsi fino al 2025. Exxon rivendica un diritto di prelazione sugli asset in Guyana in base a un accordo operativo congiunto con Hess e China National Offshore Oil Corporation, che possiede il 25% del blocco Stabroek.

“Si tratta di un arbitrato importante, ovviamente, non solo per ExxonMobil ma anche per Chevron e Hess”, ha detto Woods. “Ciò che dobbiamo fare è prenderci il nostro tempo per fare ciò che è giusto per assicurarci di fare tutta la dovuta diligenza e di arrivare alla risposta, la risposta giusta.”

L'ISS ha affermato che la logica industriale dell'accordo “potrebbe in definitiva essere difendibile”, anche se ha aggiunto che il premio di circa il 10% da pagare agli azionisti di Hess è modesto.

L’accordo deve affrontare anche ostacoli politici e un’indagine da parte della Federal Trade Commission. Domenica Chuck Schumer, leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti, ha invitato le autorità di regolamentazione a bloccare la transazione per le preoccupazioni che potrebbe aumentare i prezzi della benzina. “La FTC dovrebbe schierarsi dalla parte dei consumatori e promuovere le pause [sic] su questo accordo”, ha detto sui social media.