Ven. Mag 24th, 2024
Chi ha paura della SEC?  Non gli investitori di Robinhood

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Lo scorso giugno, quando la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha avviato azioni legali contro gli scambi di criptovalute Binance e Coinbase, la reazione del mercato è stata rapida e brutale. Gli investitori hanno ritirato asset da Binance per quasi 800 milioni di dollari in un giorno, mentre Coinbase ha perso più di un quinto del suo valore di mercato nella settimana successiva alla pubblicazione della notizia.

Dopo 11 mesi, la repressione della SEC sul settore delle criptovalute continua a ritmo sostenuto. Robinhood è il suo ultimo obiettivo. L'intermediazione al dettaglio ha dichiarato in un documento della scorsa settimana che la SEC aveva inviato alla sua unità crittografica un cosiddetto avviso Wells. Si tratta essenzialmente di un avvertimento che si stava preparando ad intraprendere un'azione legale. Le aziende che ricevono notifiche da Wells possono rispondere e argomentare il motivo per cui non hanno infranto la legge.

Eppure questa volta gli investitori hanno ignorato la notizia. Le azioni di Robinhood si sono mosse a malapena durante la giornata. L’assenza di uno spasmo del mercato è indicativa.

Da quando Gary Gensler ha assunto la presidenza nel 2021, la SEC ha archiviato in media due cause legali al mese contro una società di criptovaluta. Gli sforzi per mettere in ginocchio il settore si sono concentrati in parte sul fatto che quasi tutti i token digitali sono titoli. Gli scambi di criptovalute operano quindi come broker non registrati e trattano titoli non registrati. (Gli scambi hanno sostenuto a loro volta che le criptovalute dovrebbero essere trattate come materie prime.)

Nonostante l’ondata di azioni legali e il crollo di FTX alla fine del 2022, il bitcoin si è ripreso dal crollo per raggiungere un nuovo massimo quest’anno. Le azioni di Coinbase e Robinhood hanno rispettivamente triplicato e raddoppiato il loro valore negli ultimi 12 mesi. L’approvazione degli ETF spot su bitcoin all’inizio di quest’anno ha rafforzato il sentiment per le azioni.

Ma i trader potrebbero anche ritenere che difficilmente il miglior poliziotto di Wall Street sarà in giro per finire il lavoro. L'entusiasta delle criptovalute Donald Trump punta a un ritorno alla Casa Bianca. Le battaglie legali possono durare anche anni. Il mandato di Gensler termina nel 2026.

Il grafico a colonne che mostra il trading di criptovalute ritorna su Robinhood

Gli investitori non dovrebbero essere così frettolosi da ignorare i rischi normativi. Le criptovalute sono riemerse come un'importante fonte di crescita per Robinhood, che questa settimana ha riportato ricavi trimestrali e utili netti record. Nel primo trimestre il trading di criptovalute ha generato 126 milioni di dollari, ovvero il 20% dei ricavi netti. Si tratta di un aumento rispetto ai 38 milioni di dollari, ovvero l’8,6% dei ricavi netti dello stesso periodo di un anno fa. Fa impallidire anche i 39 milioni di dollari generati dal trading azionario.

Il ritorno del trading di criptovalute ha anche contribuito ad aumentare il numero di utenti attivi mensili a 13,7 milioni, il più alto in quasi due anni. Gli aspiranti investitori devono chiedersi per quanto tempo Robinhood potrà continuare a cavalcare l’onda delle criptovalute.

[email protected]